Isola d’Elba con bambini: cosa fare e cosa vedere

Isola d’Elba con bambini. Una vacanza al mare in famiglia semplicemente perfetta. E l’avventura è cominciata molto prima di arrivare!

Imbarcarsi su di una nave per attraversare il lembo di mare che separa Piombino da Portoferraio è stato talmente eccitante, che nemmeno restare incolonnati sulla banchina per oltre mezz’ora ha scalfito l’entusiasmo dei miei piccoli esploratori! Salire a bordo con l’auto, arrampicarci sulle scale strette e ripide, emergere sul ponte, con il vento che scompiglia i capelli ed una visione paradisiaca del porto e del mare infinito. Tutto diventa scoperta. E si resta con il volto incollato al finestrino, ma la tentazione di uscire sul ponte è troppo forte. E ponte fu! Nonostante il vento e il mal di gola… Il mare schiuma, l’azzurro quasi abbaglia, gli isolotti si susseguono e noi li immaginiamo pieni di tesori e di pirati…

“Signori e Signore, è il Capitano che vi parla. Stiamo per giungere all”Isola d’Elba. Vi chiediamo gentilmente di raggiungere la vostra auto e prepararvi per lo sbarco”. Il portellone si apre ed un fascio di luce ci investe. Che la magia abbia inizio. Elba con bambini.

Ci ritroviamo catapultati in quest’isola tutta da scoprire, la più grande dell’Arcipelago toscano. Chi ci arriva per la prima volta resta abbagliato dalla varietà delle sue coste, in netto contrasto con la maestosità delle montagne. E’ forse proprio questo armonioso contrasto che la rende davvero unica.

L’errore più grande in cui si può incappare è, però, quello di fermarsi all’apparenza; si resta abbagliati dai panorami e dal mare cristallino e non si va oltre. Per quanto i mille riflessi del sole nell’acqua limpida del mare possano ammaliarvi, per quanto i blu profondi o i toni turchesi possano stupirvi, non fermatevi. Perché quest’ isola ha un’anima, una voce che racconta di storie e leggende. Storie di mare e di una terra contesa, attaccata ed orgogliosamente difesa. Storie che affascinano i grandi. Ma anche i bambini, se raccontate nel modo giusto.

L’esplorazione di quest’oasi verde dagli orizzonti infiniti non può, dunque, che cominciare da dove tutto ebbe inizio: il mare e le spiagge. Per poi proseguire attraverso la natura, la storia, l’arte e, perché no, anche un po’ di sano divertimento.

Isola d’Elba con bambini: le spiagge

Se ci si sposta da un versante all’altro dell’isola, gli scenari cambiano completamente e sono tutti assolutamente affascinanti. Vi consiglio – dunque – di spostarvi e di esplorare quante più spiagge possibile: è il bello dell’Elba.

Quelle maggiormente indicate per famiglie con bambini sono:

  • Lido di Capoliveri, una spiaggia di sabbia ben attrezzata con bar e ristoranti a ridosso dell’arenile
  • Naregno, posizionata al margine della splendida Costa dei Gabbiani, una scogliera a picco sul mare salvaguardata e valorizzata dal Parco Naturale dell’Arcipelago Toscano. Anche qui, troverete lidi ben attrezzati con ombrelloni e giochi per bambini. La spiaggia, esposta ad est, è riparata da due piccoli promontori – Capo Focardo con il suo Faro sulla destra e punta della principessa sulla sinistra – che la proteggono dai venti di Maestrale e Scirocco. Sia il Lido di Capoliveri che Naregno possono rappresentare ottime basi di partenza per eventuali escursioni nei dintorni, essendo posizionate strategicamente: in pochi minuti d’auto si raggiungono facilmente Porto Azzurro, Capoliveri o Portoferraio;
  • Lacona, una delle più lunghe spiagge dell’isola, con sabbia fine e fondali bassi. Alle sue spalle, si estende una piccola pineta dove rifugiarsi nelle ore più calde e sul viale principale è presente il “Duna Park”, con gonfiabili e giochi per i bambini di tutte le età;
  • Cavoli, una lunga spiaggia di sabbia e un fondale bassoa pochi minuti da Marina di Campo;è forse la più bella spiaggia della parte sud dell’Isola d’Elba;
  • LeGhiaie è la spiaggia cittadina per eccellenza di Portoferraio. La sua posizione piuttosto defilata la mette al riparo dal caos cittadino e la sua esposizione al mare aperto la salva dall’inquinamento del porto, premiandola come zona di tutela biologica. Parte della spiaggia è attrezzata con lettini ed ombrelloni, è facilmente raggiungibile a piedi dal centro della città e, nei dintorni, troverete numerosi bar e ristoranti. Alle sue spalle un grazioso giardino, attrezzato con giochi e panchine, è un luogo confortevole in cui potare i propri bambini durante le ore più calde;
  • Nei pressi di Portoferraio, da non perdere le spiagge di Biodola e di Scaglieri. Separate da un brevissimo tratto di scogliera, queste piccole oasi hanno un bel fondo di sabbia bianca fine e mare solitamente tranquillo, in quanto protette all’interno del golfo della Biodola. Offrono una gran quantità di servizi: parcheggio, bar, ristorante, noleggio ombrelloni, patini, ecc
  • Infine, una nota sul Comune di Marciana: da diversi anni mette a disposizione il Marebus, un bus navetta che, integrando il servizio di linea, vi porterà direttamente a pochissimi metri dalle spiagge più belle e rilassanti del versante occidentale, come La Paolina, Procchio e Campo all’Aia.

Isola d’Elba con bambini: il mare

O meglio, il mare visto dal mare. Immaginate di raggiungere il molo, di saltare a bordo di un gommone, circumnavigare l’isola e tuffarvi dove l’acqua è più turchese. Non c’è modo migliore per scoprire le bellezze dell’Isola d’Elba. Per organizzare una gita in barca, chiedete informazioni all’hotel che vi ospita; sapranno certamente indicarvi a chi rivolgervi. Oppure, date un’occhiata a questo link.

Per i bambini è un’esperienza affascinante: la velocità del gommone, l’acqua trasparente che lascia intravedere e immaginare la vita marina, scogli che assomigliano a squali… persino gettare l’ancora diventa occasione di meraviglia ed apprendimento!

Per i grandi e per i più piccoli, è inoltre possibile partecipare ai corsi di vela che molti circoli velici offrono. Ci sono diverse tipologie di corso (settimanali, bisettimanali, frequentando le lezioni giornalmente o a giorni alterni, o con programmi personalizzati). Generalmente i corsi si rivolgono ai bambini a partire dai sette anni. Il Centro Velico Naregno, ad esempio, offre diversi corsi di vela per grandi e per bambini e propone, inoltre, anche corsi per l’attività subacquea, sempre rivolti ai bambini, eventualmente anche in tandem con i propri genitori.

Isola d’Elba con bambini: la natura

L‘Isola d’Elba offre scorci naturali stupendi. Camminare per i sentieri di quest’isola è un viaggio nel passato, alla scoperta di antichi villaggi, grotte preistoriche, fornaci e fortezze etrusche. Una menzione speciale va al progetto Isola Etica, portato avanti con orgoglio da Angelo ed Emilia, elbani doc. All’interno del progetto, un bellissimo percorso da fare insieme ai bimbi è Art into the park: si passeggia tra arte e natura, lungo il Sentiero dei Profumi in località La Conca, a Marciana.

Sei artisti hanno dato vita ad un magico connubio tra arte e natura ed il risultato è un museo naturale a cielo aperto: le opere rimangono installate fino a deterioramento naturale; ci penseranno gli agenti atmosferici, i cinghiali e il tempo a dissolvere la traccia dell’uomo. Ed è cosi che, passeggiando, si incontrano dinosauri, tartarughe, folletti e uova giganti…

E poi panorami da togliere il fiato, dirupi, sorgenti d’acqua misteriose…

Per maggiori informazioni sul percorso: email ethicisland@gmail.com; tel 3467694260

Isola d’Elba con bambini: le escursioni

Non solo mare, non solo natura. Ma anche esplorazioni: delle miniere dismesse dove per migliaia di anni è stato estratto il ferro in un susseguirsi di colori surreali; delle cave di granito che hanno dato colonne e monumenti fin dall’antica Roma; o dei luoghi napoleonici, che hanno resto Elba famosa in tutti i libri di scuola.

Il Parco Minerario dell’Isola d’Elba rappresenta un’opera di recupero e di valorizzazione ambientale delle aree degradate dall’estrazione del ferro. Iniziate la visita dal Museo – ospitato all’interno del Palazzo del Burò, nel centro storico di Rio Marina. Qui è possibile ammirare minerali, vecchi macchinari e foto storice oltre a visitare ambienti di miniera, fedelmente ricostruiti da esperti di archeologia industriale,utilizzando materiale originale rinvenuto nei vecchi cantieri (l’officina del fabbro ferraio, il riparo del minatore ed un piccolo tratto di galleria a dimensioni reali). Dopo il Museo, potreste proseguire la visita con l’escursione guidata, a piedi o a bordo del caratteristico trenino, attraverso i paesaggi quasi lunari delle miniere di Rio Marina, Rio Albano e Capoliveri. Le strutture del Parco Mineraio sono aperte da Aprile a Ottobre, mentre nei mesi invernali le visite sono possibili, per gruppi organizzati, su prenotazione. Per maggiori informazioni su orari, tariffe e attività offerte, visitate il sito del parco.

Passeggiando tra i borghi:

Elba è anche l’isola di borghi colorati, di paesi arroccati, di chiese antiche e di fortezze orgogliose.

Niente di meglio che passeggiare tra le strade lastricate in pietra. Correre, saltare, inventare nuovi giochi con una fontana antica scovata quasi per caso.

Qui si respira pace, tranquillità. E, credetemi, si sentiranno felici anche i vostri bambini.

Nelle giornate di pioggia:

Il clima all’Elba è mite tutto l’anno. Ma una giornata di pioggia può sempre capitare: un’ottima scusa per visitare l”Acquario dell’Elba. Con 60 vasche, 150.000 litri d’acqua e oltre 50 differenti specie di organismi marini mediterranei ospitate, alcune delle quali particolarmente rare o difficili da osservare in cattività, farà di certo felici grandi e piccini. Fiore all’occhiello dell’Acquario è la presenza fra i suoi ospiti di alcune Lampughe, grossi pesci pelagici che, a quanto ci risulta, non sono osservabili in nessun altro acquario. All’interno della struttura, è anche possibile visitare il Museo Faunistico Elbano, che ospitaoltre 250 esemplari di Mammiferi e Uccelli in rappresentanza di circa 170 diverse specie, tutte segnalate come presenti sull’isola. L’Acquario si trova a Marina di Campo. Per maggiori informazioni su come arrivare e su orari e tariffe, visitate il sito internet della struttura.

Isola d’Elba con bambini: divertimento

  • L‘Isola dei Pirati – Go Kart. Per gli appassionati di kart, a poca distanza da Marina di Campo, troverete questo parco composto da una pista go kart per adulti, una scuola di kart biposto per bambini dai 6 ai 10 anni ed una pista destinata ai quad per i più piccoli. L’area dispone di un ampio parcheggio, bar, ristorazione, pizzeria, musica e intrattenimenti vari. Marina di Campo – Loc.Contaccia 6 – tel e fax 0565 978012 Orario: tutti i giorni dalle 17.00 alle 24.00
  • Parco giochi “Arcobaleno“: nella pineta di Marina di Campo, dietro la più grande spiaggia dell’Elba, si trova il questo piccolo parco con gonfiabili per bambini, angolo baby e pista per minicar elettriche.
  • Parco giochi “Duna Park”: si trova a ridosso della spiaggia di Lacona; qui troverete gonfiabili, vasca per i gommoni, un trenino, minigolf e sala giochi adatti a grandi e piccini.
  • Parco giochi “Amadeus”: non lontano da Porto Azzurro, ma aperto soltanto la sera, oltre ad avere una grande varietà di giochi, dal minigolf, ai tappeti elastici, al go kart, offre la possibilità di cenare all’interno del parco.

Informazioni pratiche:

  • L’isola d’Elba è divisa in otto comuni: quello principale è Portoferraio – dove arrivano i traghetti dalla terra ferma – gli altri sono: Campo nell’Elba, Capoliveri, Marciana, Marciana Marina, Porto Azzurro, Rio Marina e Rio nell’Elba
  • Per arrivare all’Isola d’Elba, ci si imbarca a Piombino. Esistono diverse linee che coprono la tratta. La prenotazione è consigliata anche in bassa stagione.
  • I ristoranti più adatti alle famiglie si trovano nei paesi di Marina di Campo, Portoferraio e Porto Azzurro, dove è possibile trovare servizi come seggioloni, municlub e bagni con fasciatoio.
  • Per gli hotel a misura di bambino, a breve sul blog qualche prezioso consiglio!
Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

26 Responses to Isola d’Elba con bambini: cosa fare e cosa vedere

  1. Tiziana Rispondi

    24/09/2012 at 21:15

    Una guida utilissima cara Valentina. Un gran lavoro, brava.

    • The Family Company Rispondi

      24/09/2012 at 22:06

      Grazie carissima. Devo dire che l’elba mi ha davvero sorpresa. Non pensavo ci fosse tanta varietà…

  2. Pingback: Isola d’Elba per bambini: una mini guida (clicca qui) | Gazzetta Elbana | Scoop.it

  3. Pingback: Isola d’Elba per bambini: una mini guida (clicca qui) « Isola Etica

  4. pregnancy Rispondi

    26/09/2012 at 00:25

    I am very happy to read this. This is the kind of manual that needs to be given and not the random misinformation that is at the other blogs. Appreciate your sharing this best doc.

  5. Johnsie Maraldo Rispondi

    18/10/2012 at 08:32

    Wow, amazing blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your site is fantastic, as well as the content!. Thanks For Your article about Isola d’Elba per bambini: una mini guida | The Family Company .

  6. Pingback: 20 idee per imparare viaggiando | The Family Company

  7. Traghetti isola d'Elba Rispondi

    31/10/2012 at 20:12

    Molto carino, brava!! posso aggiungere che per evitare che i bambini si annoino durante la traversata in traghetto, è consigliabile prendere traghetti Moby o Toremar che sulle linee per Portoferraio hanno ampia zona giochi per bambini… Così li tenete sott’occhio e non dovete rincorrerli per tutta la nave :-)

  8. Francesco Rispondi

    08/07/2013 at 16:10

    Splendida guida, l’ho usata come riferimento per una vacanza di una settimana con mia figlia di due anni e mezzo e mi sono trovato benissimo! Segnalo che le spiagge più gettonate hanno tutte un parcheggio ma sempre a pagamento (in media 5 euro per la mezza giornata e 10 per la giornata intera).

    • Valentina Cappio Rispondi

      08/07/2013 at 16:26

      Grazie di cuore Francesco! Per i complimenti e per l’utilissima segnalazione! Spero vi siate trovati bene all’Elba. A prestissimo!

  9. Pingback: All’Isola d’Elba con bambini | Tips 4 Italian Trips

  10. Francesca Rispondi

    30/04/2014 at 10:52

    Ciao Valentina!!!
    Sto organizzando una vacanza di due settimane all’isola d’elba insieme alla mia famiglia. Le età dei due bimbi sono 4 e quasi 3 anni. Le tue guide dell’isola mi sono molto utili, ma vorrei chiederti una cosa. Dove possiamo alloggiare? Una posizione comoda per raggiungere le spiagge attrezzate per i bimbi, i paesi ed altro?

    Grazie infinite,
    Francesca

    • Valentina Cappio Rispondi

      30/04/2014 at 12:03

      Ciao Francesca! Noi abbiamo alloggiato all’Hotel Residence Le Acacie a Naregno,praticamente di fronte alla spiaggia (attrezzata) -molto comodo per i bimbi, perché ha sia la formula hotel che gli appartamenti; animazione, piscina, baby club. Mi sono arrivati anche altri suggerimenti da altre famiglie, il che mi ricorda che devo scriverci un post! Settimana prossima, provo a ricomporre i pezzi (e a ritrovare le mail) e poi ti so dire! Un abbraccio

      • Francesca Rispondi

        20/06/2014 at 14:12

        Ciao Valentina!
        Mi dispiace tanto per il ritardo nella risposta. Provo a contattare l’hotel indicato da te, magari per una settimana ad agosto, dopo ferragosto.

        Abbiamo cambiato destinazione per le vacanze a luglio, a Milano Marittima! :D

        Grazie per la risposta, sei tanto gentile.
        Un abbraccio anche a te.

        Francesca

  11. Marina Rispondi

    12/05/2014 at 17:38

    Noi abbiamo visitato la grande miniera-museo che hai citato, e’ molto suggestiva. Davvero unica. Ci siamo stati in primavera, molto bella

  12. Giovanna Rispondi

    17/07/2014 at 16:17

    Grazie di tutte le dritte. Le mie domande: secondo te la seconda metà di agosto troveremmo troppa folla x parcheggi, spiagge, prenotazioni varie oppure è vivibile?andremmo in vacanza anche per non stressarci ….inoltre un unico appoggio e’ sufficiente per girare l’isola, vero? Non dovremmo stare troppo in auto, o no?

    • Valentina Cappio Rispondi

      17/07/2014 at 18:55

      Ciao Giovanna, purtroppo ad Agosto penso sia inevitabile la folla. Ma ci sono delle navette che consentono di limitare l’uso della macchina. Ti confermo che un unico appoggio è sufficiente, Elba non è grande. Un abbraccio!

  13. fabio Rispondi

    27/07/2014 at 20:26

    Ciao, sono un papà divorziato e quest anno porto la mia bimba a marciano marina .,,.si annoiera? Mia figlia ha 13 anni …speriamo bene.
    Datemi qualche consiglio

    Ciao Fabio

    • Valentina Cappio Rispondi

      28/07/2014 at 07:20

      Ciao Fabio!
      Sono sicura che non si annoierà di certo. A 13 anni ci sono tante cose che potete fare, l’importante è stare insieme. Prova a coinvolgerla prima di partire, se ne hai l’occasione. Per capire cosa le piacerebbe fare, quali sono le sue aspettative. Fate un programma insieme. Guarda sui siti ufficiali dell’isola, in estate ci sono tanti eventi a cui poter partecipare. Se sei in un hotel con animazione, sicuramente avrete modo di divertirvi. Organizza un’escursione nell’entroterra (nel post ho dato qualche suggerimento) oppure un picnic sulla spiaggia o una gita in gommone. Le miniere sono molto belle da vedere con i ragazzini. Ma ricorda che a volte basta poco, una pizza insieme, un aperitivo per farla sentire grande (anche se lei berrà solo un succo), una passeggiata serale in uno dei borghi. Non avrai bisogno dei nostri consigli, segui l’istinto di papà e segui le inclinazioni della tua bimba…Buone vacanze e facci sapere!!

  14. serena Rispondi

    12/08/2014 at 16:08

    Grazie mille per aver raccontato la tua esperienza, anche se sono toscana e anche se ho visitato l’elba altre volte mi sono sempre “fermata” (come hai scritto tu) alle prime apparenze.
    Quando ci tornero’ faro’ tesoro dei tuoi consigli.
    Grazie

  15. FRANCESCO SAGRINI Rispondi

    25/08/2014 at 15:50

    Buonasera Valentina,
    io e mia moglie vogliamo trascorrere 1 settimana a Settembre all’Elba, abbiamo un bimbo di appena 1 anno, stiamo cercando un appartamento piccolo con angolo cottura in un posto comodo con il mare bello dove ci sia la possibilità di avere una formula mezza pensione o un ristorante a pochi passi in modo da poter pranzare in casa e cenare con comodità al ristorante, però ho difficoltà a trovarlo.
    Grazie e complimenti per il tuo lavoro

    Francesco

    • Valentina Cappio Rispondi

      26/08/2014 at 05:50

      Buongiorno Francesco, io ho alloggiato all’Hotel Residence Acacie a Capoliveri.
      Ha sia camere normali che appartamentini con angolo cottura e può scegliere di cucinare autonomamente o di servirsi del loro ristorante. Di fronte hanno spiaggia privata attrezzata e animazione anche per bambini in hotel. Spero possa esservi utile. Buone vacanze!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>