Scozia On The Road. Stirling e il suo castello

He who holds Stirlingholds Scotland

Con montagne, dirupi rocciosi e il fiume Forth a fare da sfondo, Stirling, non è solo il cuore storico della Scozia, ma è anche il ponte simbolico che collega le Highlands con le Lowlands. Con  il suo famoso castello, le antiche prigioni, i monumenti maestosi, i parchi e, forse, i fantasmi dei più famosi condottieri scozzesi ad animare le sue ripide strade, Stirling stimola la fantasia di tutti i bambini ed il romanticismo di tutti gli adulti.

Passeggiando qui, infatti, è facile immaginare il fiero esercito degli Scoti che, sotto il comando del leggendario William Wallace, marcia contro gli Inglesi sconfiggendoli nella battaglia dello Stirling Bridge. Per poi combattere e vincere ancora, questa volta sotto la guida di un altro famoso eroe scozzese, Robert the Bruce, nella battaglia di Bannockburn.

Prima di arrivare a Stirling, decidiamo di fermarci proprio a Bannockburn, che si trova a circa 3 km dalla cittadina, sulla A872. A prima vista, sembra non ci sia molto da fare. Eppure si respira un’aria strana. Sembra quasi di avvertire il rumore incessante dei soldati che marciano, le urla della battaglia, il profumo della vittoria per alcuni e l’odore acre della sconfitta per altri. Una piccola, grande deviazione assolutamente da fare, soprattutto se si viaggia con dei bambini; un’occasione imperdibile per compiere un tuffo nella storia e spiegare loro i valori della libertà e dell’indipendenza.

Stirling con bambini

Il Bannockburn Heritage Centre commemora, infatti, lo scontro armato forse più famoso di tutta la storia scozzese, attraverso una presentazione audiovisiva della battaglia, mettendo in luce le tattiche innovative adottate da Bruce contro l’esercito di Edoardo I d’Inghilterra. All’esterno, un cairn (cioè, un tumulo di pietre) indica quello che si dice doveva essere il posto di comando di Bruce durante la battaglia e, poco più in là, una sua toccante statua.

Dopo Bannockburn, ci dirigiamo – finalmente – verso Stirling. Decidiamo di percorrere a piedi il ripido pendio che separa il centro della Old Town dal Castello. Parcheggiamo, dunque, lungo St. John’s Street (a pagamento, con parchimetro). Per chi non avesse voglia di inerpicarsi, c’è un altro ampio parcheggio, sempre a pagamento (£4,00) proprio nel piazzale antistante il Castello.

Lungo St. John’s Street, ci imbattiamo nell’edificio che ospitò per tanti anni la prigione cittadina e che oggi è invece sede di un interessante museo, la Old Town Jail: un percorso animato da attori, che ricostruisce le terribili condizioni di vita dei detenuti nell’epica vittoriana, tanto da meritarsi – nel 1840 – il titolo di “Prigione peggiore della Gran Bretagna”.

Il primo personaggio che incontriamo è Jock Rankine, l’ultimo boia e carnefice delle prigioni di Stirling. Jock ci racconta dettagliatamente gli strumenti di tortura usati in quel periodo e le morti violente che venivano inflitte ai prigionieri. Dopo di lui, incontriamo un secondino, da cui apprendiamo le pessime condizioni di vita dei detenuti. Il racconto è ovviamente in inglese, per cui – se non masticate la lingua – capirete probabilmente ben poco. Devo ammettere, però, che lo spettacolo è stato avvincente a prescindere dalla lingua e i bambini erano letteralmente ipnotizzati da questi personaggi strani e rumorosi che si avvicendavano nei corridoi bui della prigione…

Le celle colpiscono per le loro dimensioni minuscole. La pelle si accappona al pensiero che in quello spazio angusto venivano stipate oltre 25 persone, senza distinzione di sesso o età, senza letti, senza servizi igienici e spesso senza cibo… Il percorso termina con la visita della stanza adibita alle punizioni dei detenuti, con la visita delle celle più moderne e con il panorama incredibile di Stirling, che si gode dal punto più alto della torre della prigione.

Finito il tour della Old Town Jail, ci dirigiamo verso il Castello. Lungo la strada, è impossibile non fermarsi ad ammirare il Mar’s Wark, un edificio nobiliare iniziato nel 1570 dal primo conte di Mar, reggente di Scozia fino a quando il legittimo sovrano, Giacomo VI, non ebbe raggiunto la maggiore età. Il palazzo non fu mai completato.

E, finalmente, dietro una curva, si apre la spettacolare vista del Castello di Stirling, uno dei più maestosi della Scozia e, a mio avviso, anche uno dei più children-friendly. Arrivando dalla ripida collina, lo sguardo vacilla, mentre si sposta, stupefatto, dalla mole impressionante del maniero alla silenziosa presenza delle pietre tombali del vicino cimitero celtico. E il cuore batte un po’ più forte…

Stirling con bambini

Conosciuto anche come “la chiave della Scozia“, in quanto controllava la maggior parte di spostamenti sia di beni che di persone attraverso la Scozia, il castello di Stirling ha da sempre rappresentato una sfida formidabile per i suoi potenziali invasori. La sua inespugnabilità si rivela fortemente quando si ammira il castello da ovest: da questa direzione, infatti, i 750 metri della rocca a strapiombo su cui è stato costruito il castello si stagliano in tutta la loro imponenza.

Per visitare la fortezza, concedetevi dalle due alle tre ore. Non mancano fossato e ponte, i quali – ovviamente – stimolano immediatamente l’immaginario dei miei piccoli viaggiatori.

Stirling con bambini

Appena superato il cancello d’ingresso, sulla sinistra, troverete l’affascinante The Queen Anne Garden, detto anche The Bowling Green Garden. Uno spazio verde raccolto, intimo, rilassante, a cui fa da guardia un bellissimo faggio di oltre 200 anni. Sembra quasi di vedere il re e la regina passeggiare con i cortigiani, guardare spettacoli o giocare con le bocce.

Castello di Stirling con bambini

Dopo il rilassante giardino, comincia l’esplorazione vera e propria di questa roccaforte, costruita su più livelli. Ed è un’infinita successione di spalti merlati, fori per i cannoni, feritoie, torrioni, scale nascoste, angoli segreti contrapposti a sale maestose.

Molto interessante per i bambini è la Castle Exhibition: la mostra è ospitata nei sotterranei, accessibili passando attraverso The Queen Anne Garden. Qui, troverete un susseguirsi di giochi interattivi e sensoriali per toccare con mano la vita di corte.

Dalla musica…

Stirling con bambini

Ai colori e ai profumi…

Ai tessuti e ai vestiti…

Qui, come per magia, grandi e piccini si trasformano in re e regine, principi e principesse, cavalieri e cortigiane…

stirling con bambini

E come ogni reale che si rispetti, ci avviamo fieri vero il Royal Palace, uno degli edifici rinascimentali più belli e meglio conservati della Gran Bretagna. Un trionfo di mobili sontuosi e di ricche e sofisticate decorazioni, volute da re James V e da sua moglie, la francese Mary of Guise.

Da una finestra del Palazzo Reale, intravediamo la Great Hall che si impone ai nostri occhi silenziosa.

Castello Stirling con bambini

Il suo colore giallo ocra ci richiama e noi accorriamo, senza riserve.  Ed è così che piccoli principi sognano di essere finalmente incoronati e diventare grandi Re.

Di fianco, la Cappella Reale, voluta da James VI per il battesimo di suo figlio. Fu completata in appena sette mesi, in tempo per il battesimo del piccolo erede al trono. Questo edificio magnifico, però, non gli portò fortuna. Il Principe Henry morì prima di diventare Re, all’età di 18 anni.

La visita al Castello è giunta al termine. Usciamo nel piazzale e in lontananza scorgiamo il monumento eretto in memoria di Wallace. Sembra lanciarci un saluto carico di promesse.

Stirling con bambini

Noi le cogliamo in volo e le abbracciamo strette: lasciamo Stirling con una stretta al cuore, ma anche pieni di eccitazione. Dalla Chiave di Scozia, infatti, stiamo per dirigerci, finalmente, verso il suo cuore. Le Highlands

____

Informazioni pratiche:

  • Bannockburn Heritage Centre: in vista del 700esimo anniversario della Battaglia di Bannockburn, che avverrà nel 2014, il centro è stato chiuso il 31 ottobre per essere demolito e ricostruito. Il progetto prevede l’apertura di una struttura più grande e più moderna, che dovrebbe essere pronta per fine Giugno 2013. Nel frattempo, sarà possibile visitare una mostra temporanea, allestita nei pressi del Centro. Per informazioni sull’avanzamento dei lavori, visitate il sito: www.battleofbannockburn.com
  • Old Town Jail: aperta da Aprile a fine Ottobre dalle 10 alle 17; biglietti d’ingresso Adulti £6.75; bambini (dai 5 ai 16 anni) £4.25; Family Tickets (1 adult o & fino a 3 bambini)£17.25; Family Tickets (2 adulti & 2 bambini)£19.75. Per maggiori informazioni: www.oldtownjail.com
  • Stirling Castle: aperto dal 1 settembre al 30 aprile, dalle ore 9:30 alle ore 18:00 e dal 1 ottobre al 31 marzo, dalle ore 9:30 alle ore 17:00. Biglietti di ingresso Adulti £13.00; Bambini (da 5 a 15 anni) £6.50; sotto i 5 anni gratuiti. I biglietti possono essere acquistati online. Possibilità di affittare, in loco, l’audioguida, anche in Italiano e anche in versione per bambini (all’ingresso, ma non alla biglietteria centrale). Vengono, inoltre, organizzati ogni giorno tour gratuiti, ogni ora, dalle 10 alle 15. Le visite guidate partono dal Fort Major’s House. All’interno del Castello, troverete un Gift Shop, un Cafè/Ristorante (con menu per bimbi, omogeneizzati gratuiti, tovagliette colorate, ecc) e bagni attrezzati con fasciatoio (in Guardroom Square e nella Great Hall). Per maggiori informazioni: www.stirlingcastle.gov.uk
  • The Wallace Monument: non l’abbiamo visitato, ci siamo accontentati di ammirarlo dal piazzale antistante il Castello. E’ aperto tutti i giorni dalle 10 alle 16 (in estate fino alle 17). Biglietti d’ingresso: Adulti £8,25; Bambini da 5 a 16 anni £6,65; sotto i 5 anni gratuiti; Biglietto Family (2 adulti + 2 bimbi) £ 24,25; Biglietto Family (1 adulto + 3 bambini) £21,25. Per maggiori informazioni: www.nationalwallacemonument.com
  • Per mangiare: noi abbiamo pranzato in un Pub proprio di fianco al Castello, The Portcullis (anche hotel). Vista la location, il conto è stato piuttosto salato, ma il cibo davvero ottimo. I bambini, qui, sono ammessi fino alle ore 20.00.

Potrebbero anche interessarti:

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

8 Responses to Scozia On The Road. Stirling e il suo castello

  1. viaggideirospi Rispondi

    08/11/2012 at 09:31

    Che spettacolo Vale! Ma quanto siete belli in costume d’epoca…ma sbaglio o c’è un musetto furbetto e monello con te???
    Adesso però sono curiosissima di leggere e vedere le highlands!!! Ancora, ancora, ancora!!!

  2. Pingback: Un rifugio nelle Highlands | The Family Company

  3. Pingback: Scozia per bambini… l’itinerario | The Family Company

  4. Pingback: Glasgow: mini-guida per un weekend con bambini | The Family Company

  5. Pingback: Scozia per bambini: il Glasgow Science Centre | The Family Company

  6. viaggiebaci Rispondi

    12/01/2013 at 17:29

    Ma la sarta aveva smarrito le forbici quando e’arrivato il momento di confezionare il vestito di ms cappio? Ahahahah …

    • The Family Company Rispondi

      12/01/2013 at 17:37

      In realtà il vestito era stato confezionato per ViaggieBaci The Queen. Io, da pessima dama di compagnia, me lo sono provato di nascosto mentre la regina era in bagno… LOL!

Rispondi a The Family Company Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *