La vera Grotta di Babbo Natale a Ornavasso: Mini Guida

E’ stato un weekend magico quello trascorso nella Grotta di Babbo Natale a Ornavasso, uno di quelli che ti restano nel cuore. Uno di quei fine settimana che rifaresti, nonostante la distanza (il marito doveva lavorare, per cui ho guidato da sola 4 ore all’andata e 4 al ritorno!), la folla, le file chilometriche e due bambini scalmanati che non stanno più nella pelle tanta è la gioia di incontrare Babbo Natale!

La manifestazione è bellissima ed organizzata molto bene, ma – come succede sempre in tutti gli eventi che hanno una discreta affluenza -, è bene pianificare la gita fuori porta per tempo ed essere preparati ad affrontare code, folla ed eventuali imprevisti. Ecco, allora, qualche informazione pratica per vivere un fine settimana piacevole alla Grotta di Babbo Natale di Ornavasso.

La Vera Grotta di Babbo Natale: cos’è e come funziona

La Grotta di Babbo Natale di Ornavasso è, in realtà, l’antica cava di marmo del paese, allestita, decorata magnificamente e trasformata nel magico rifugio di Babbo Natale. Qui, infatti, il famoso signore dalla barba bianca e dal vestito rosso aspetta grandi e piccini seduto sul suo grande trono. L’iniziativa, però, non si esaurisce con Babbo Natale. Anzi! Prima di entrare nella grotta, i bimbi affrontano un percorso altrettanto magico, in cui incontrano buffi personaggi, superano prove, esplorano il bosco, accarezzano le renne… Un vero e proprio  viaggio nel Natale (qui, trovate il nostro racconto)!

Tutti inizia in Piazza XXIV Maggio, proprio nel centro di Ornavasso, dove troverete le biglietterie ed un primo punto ristoro, al coperto. Il percorso si snoda, poi, attraverso i Mercatini di Natale e sale fino al Santuario della Madonna della Guardia, da cui parte l’avventura vera e propria verso la Grotta. Per arrivare al Santuario, bisogna percorrere il Sentiero del Boden, lungo 1,8 km e in salita (con un dislivello di circa 2oo mt). La strada è chiusa al traffico, per cui va percorsa a piedi. Tuttavia, esiste un servizio navetta a pagamento (il trenino Renna Express), che, dai mercatini, vi porterà fino al Santuario. Una volta qui, si assiste all’animazione di Messer Gatto e poi si prosegue nel bosco, fino ad arrivare al Villaggio dei Twergi, al Parco delle Renne e, infine, alla Grotta.

Per i disabili ed i passeggini, una volta giunti al Santuario, è possibile proseguire usufruendo della viabilità normale,  invece di attraversare il bosco. Vi segnalo, infine, che il Sentiero del Boden è chiuso al traffico e che il trenino non arriva fino alla Grotta di Babbo Natale. L’ultimo tratto va dunque percorso a piedi.  I disabili possono chiedere, in biglietteria, l’autorizzazione a salire in auto.

Oltre all’incontro con Babbo Natale e al “percorso magico” per arrivare alla sua grotta, vengono organizzate tante altre attività collaterali a cui è possibile partecipare e che vi consiglio caldamente. Vediamone qualcuna.

Il laboratorio di pasticceria natalizia 

Dedicato sia ai bambini che ai genitori. E’ tenuto da Azzurra, insieme alle sue due piccole aiutanti, bravissime a lavorare la pasta di zucchero! Il costo è di 8 euro (1 bambino + 1 genitore); eventuali fratelli e sorelle pagano la metà. Si svolge presso il Santuario, con tre turni: ore 11 – 13 – 15 (questi erano gli orari dell’anno scorso; vi consiglio di verificare gli orari di quest’anno sul sito della manifestazione). Il laboratorio può essere prenotato sul momento, presso il bar di fronte al santuario.

I Mercatini di Natale

Rigorosamente a km zero. Tutto ciò che viene esposto qui, dalle casette in legno, agli addobbi e ai prodotti in vendita, è prodotto localmente.

Passeggiare tra queste bancarelle è un viaggio tra colori e profumi. Il profumo del pane appena cotto, di biscotti appena sfornati, di formaggio d’alpeggio, di legno piallato, di sorrisi genuini.

Il presepe meccanico

All’interno del Santuario della Madonna della Guardia, stupenda testimonianza barocca del territorio ornavassese, è stato allestito un meraviglioso ed imponente presepe meccanico, ad opera dell’artista valsesiano Giuseppe Loda. Il presepe è uno dei più grandi d’Italia, con i suoi 100 mq e centinaia di statuine in movimento. L’ingresso al Santuario costa 1 euro.

Il Parco delle Renne

Lungo il percorso che dal Santuario arriva alla Grotta di Babbo Natale, vi imbatterete nel Parco delle Renne, che ospiterà, fino al 23 dicembre, quattro renne (vere!) provenienti da un allevamento locale. Nei giorni infrasettimanali, alle 9:30 e alle 15:30, i bambini presenti potranno persino dar loro da mangiare! L’ingresso  costa 1 euro, se si è in possesso del biglietto per la Grotta; 3 euro intero. Gratuito per i bambini sotto i 3 anni e per i diversamente abili.

Pony e Conigli 

Presso la grotta di Babbo Natale, di fianco al Parco delle Renne, la Fattoria Didattica del Toce presenta un‘esposizione di dolcissimi conigli, le cui razze sono a rischio di estinzione. L’ingresso all’esposizione è gratuito. Sempre nei pressi del Parco delle Renne, il Ranch di Pieve Vergonte propone ai bambini passeggiate su mini pony.

Volo in elicottero

Per i più coraggiosi, è possibile prenotare un volo turistico in elicottero per ammirare, dall’alto, le montagne ornavassessi, il Lago Maggiore e il Lago di Mergozzo. La partenza è presso la palestra comunale, vicino i parcheggi dedicati alla manifestazione. Troverete l’elicottero nel campo di basket, retrostante la palestra. I prossimi voli sono previsti per Domenica 9 dicembre, al costo di 40 euro a persona. E’ possibile prenotare online, sul sito della manifestazione, mentre il pagamento avverrà direttamente in loco. In voli sono soggetti alle condizioni meteo.

Punti ristoro

Ce ne sono diversi, sia all’aperto che in locali riscaldati. Eccoli:

  •  In Piazza XXIV Maggio: c’è uno Chalet che propone frittelle dolci e la Taverna dei Twergi, in locale riscaldato. Il menu è abbastanza limitato: un paio di zuppe, panino con wurstel, bibite, crostatine e caffè; attenzione: se avete bisogno del bagno, sappiate che i WC non si trovano nei locali in cui si mangia, ma al piano di sopra. Per accedervi, dovrete passare dall’esterno (dettaglio da tenere in considerazione se avete dei bambini).
  • All’interno dell’Asilo Infantile, lungo la via dei Mercatini, è stata invece allestita un’area per chi preferisce il pranzo a sacco; il salone dispone di distributori automatici e di bagni per bambini.
  • Presso la fermata del Renna Express, subito dopo i Mercatini, troverete un altro punto ristoro, all’aperto, che propone panini, salamella e griglia.
  • Presso il Santuario, c’è un terzo punto ristoro, sempre all’aperto, con pizza (ottima!!) e focaccia cotti al momento (preparatevi a fare una bella fila all’ora di punta!), piadine dolci, torte e servizio bar. Vengono messi a disposizione di tutti tavole e panche, per cui è anche possibile portare pranzo a sacco.
  • Nel Villaggio Twergi, troverete la Locanda Alpina, con cucina tradizionale (polenta, selvaggina, salumi e formaggi,

Aree allattamento e cambio pannolini

All’interno del micro-nido comunale, che si trova nell’area dedicata ai mercatini, vicinissimo a Piazza  XXIV Maggio, è stato predisposto un locale riscaldato dedicato all’allattamento e al cambio dei neonati.  Un secondo punto cambio neonati è allestito presso la Locanda Alpina, nel Villaggio Twergi (quindi, nei pressi della Grotta).

Biglietti

Il biglietto per la Grotta di Babbo Natale (che, oltre all’ingresso in grotta includono l’animazione di Messer Gatto, il percorso attraverso il Villaggio dei Twergi, la merenda di Natalina ed un regalino consegnato da Babbo Natale a ciascun bambino) costa 10 euro fino al 23 dicembre e 6 euro dal 24 dicembre al 6 gennaio (bambini sotto i 3 anni e diversamente abili gratuiti). I biglietti possono essere acquistati presso le casse di Piazza XXIV Maggio, fino ad esaurimento. Un consiglio: l’affluenza è davvero importante, per cui, il rischio di arrivare e scoprire che i biglietti sono già finiti è altissimo. Vi suggerisco, dunque, di acquistarli online il più presto possibile! Tutte le altre attività, invece, possono essere prenotate e pagate in loco.

Novità 2013: è stato inserito un meccanismo di prenotazione dell’orario di ingresso alla Grotta di Babbo Natale, per evitare le lunghe code che si formavano negli anni precedenti. Le prenotazioni possono essere effettuate online solo per le seguenti giornate: 23-24-30 Novembre 2013 e 1-6-7-8-14-15-21-22 Dicembre 2013. In caso di esaurimento dei posti prenotabili on line, sarà comunque sempre possibile acquistare i biglietti direttamente presso l’ingresso della Grotta. In questo caso, tenete presente che potreste dover affrontare una bella coda per vedere Babbo Natale, per cui portate uno zainetto con acqua, snack e magari qualche giochino.

Se invece riuscite a prenotare i biglietti online, fate attenzione che l‘orario di prenotazione si riferisce all’ingresso nella Grotta di Babbo Natale per cui – essendoci il percorso animato prima – vi suggerisco di arrivare ad Ornavasso almeno due ore prima rispetto all’orario prenotato.

Al momento della prenotazione, è possibile anche selezionare l’opzione “data flessibile”, che consente di modificare la data prescelta fino a 8 giorni prima.

Se intendete visitare la Grotta di Babbo Natale dal 23 dicembre al 6 gennaio 2014 (chiuso il giorno di Natale e nella mattina di Capodanno), sappiate che non è possibile acquistare i biglietti on line.

Parcheggi

Una volta arrivati ad Ornavasso, troverete chiare indicazioni per le aree parcheggio adibite alla manifestazione. Sono diverse, tutte gratuite e tutte vicine a Piazza XXIV Maggio. Nello specifico: Impianti Sportivi Comunali di Via Sergio Bovo, area in Via Enrico Menconi e area Industriale di Ornavasso.

Camperisti

I camper possono posteggiare, sempre gratuitamente, nelle aree parcheggio di cui sopra. Le aree non sono però attrezzate per il carico-scarico di acqua e liquami igienici.

Dove dormire

L’organizzazione dell’evento ha predisposto delle convenzioni con alcuni alberghi della zona. Qui, troverete tutte le offerte. Noi abbiamo soggiornato all’ Hotel Pesce d’Oro di Verbania, a circa 20 minuti d’auto da Ornavasso. In questo post, ve ne parlo nel dettaglio. Vi anticipo, comunque, che ci siamo trovati benissimo e che è estremamente family-friendly.

Allora, quando partite??! Buon divertimento. Anzi, buona… magia!

___________

Potrebbero anche interessarti:

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

18 Responses to La vera Grotta di Babbo Natale a Ornavasso: Mini Guida

  1. Pingback: Viaggio nella Vera Grotta di Babbo Natale | The Family Company

  2. Tiziana Rispondi

    28/11/2012 at 09:56

    Troppo bello! Dici che una bambinona un po’ in là con gli anni come me la lasciano entrare?

    • The Family Company Rispondi

      28/11/2012 at 09:57

      direi proprio di si! D’altra parte, Babbo Natale non guarda mica l’età anagrafica! basta essere bambini dentro!! E’ davvero uno spettacolo Tiz!

  3. viaggideirospi Rispondi

    28/11/2012 at 10:00

    E l’elicottero??? Ci siete stati allora?? Grandissima Vale, sempre più stima! La guida è davvero ottima brava!!!

    • The Family Company Rispondi

      28/11/2012 at 10:03

      Abbiamo fatto l’errore di lasciarlo per ultimo… ma a fine pomeriggio di Domenica, Leonardo è crollato. E quindi siamo andati solo a vederlo velocemente… Mi prenoto già per l’anno prossimo, però!

  4. messer gatto Teodoro Rispondi

    03/12/2012 at 23:18

    Grazie per non avermi neanche nominato !!!!Fantastico non aver capito nulla di questa manifestazione …. pensate c’è una formula magica da dover imparare per potersi in Twergi trasformare…. perchè solo ai Twergi è stato dato il permesso di poter entrare nella Grotta di Babbo Natale .. nessuno altro lo può fare …. ed io alla Torre della Guardia la devo a tutti insegnare ….
    Messer Gatto TEODORO

    • The Family Company Rispondi

      04/12/2012 at 08:46

      E quindi non avrei capito nulla di questa manifestazione solo perché non ti ho nominato?! Carina come affermazione! Mi permetto di dissentire, caro Messer Gatto Teodoro,e mi permetto anche di dirti che, se ti fossi soffermato a leggere con attenzione, avresti scoperto che, non solo ti ho nominato qui nella guida (che è – come si evince dal titolo – una guida pratica e basta), ma ho tessuto le tue lodi nel post precedente, più descrittivo ed emozionale e incentrato proprio sull’esperienza che abbiamo vissuto. Ti lascio il link, casomai ti venisse voglia di darci uno sguardo e di lasciarci qualche altro commento (pensa che c’è persino un bel tuo primo piano!) http://familyco.wordpress.com/2012/11/27/viaggio-nella-vera-grotta-di-babbo-natale/
      Un caro saluto.

    • samantha Rispondi

      11/12/2012 at 10:40

      MESSER GATTO TEODORO… l’unico che vale i soldi spesi della giornata! tutto il resto è stata un’enorme delusione. non siamo riusciti neanche ad entrare nella cava; non perchè non avessimo il biglietto, ma perchè dopo un’ora in fila al freddo abbiamo dovuto rinunciare per i bimbi che non si tenevano più!

      • The Family Company Rispondi

        11/12/2012 at 11:03

        Samantha, mi dispiace molto che tu non sia riuscita ad entrare. Anche noi abbiamo fatto una bella fila per accedere alla cava e, in tutta onestà, anche io ho faticato non poco a tenere i bimbi buoni perché effettivamente per loro è molto stancante. Questo, come ho detto nel post, è stato l’unico aspetto negativo della manifestazione e penso che ne siano consapevoli anche gli organizzatori. Speriamo che il prossimo anno riescano a trovare una soluzione… Detto questo, però, penso anche che l’evento sia molto bello, a prescindere da Babbo Natale nella grotta. C’è il bosco da esplorare, i Twergi da cercare, il presepe, le bancarelle, le renne, e ovviamente Messer Gatto Teodoro, il cui spettacolo è magia pura. Per grandi e per piccini. Peccato che non siate riusciti a goderne appieno…

      • Michi Rispondi

        21/12/2012 at 00:47

        A noi la manifestazione è piaciuta proprio tanto e l’abbiamo trovata originale …soprattutto una bella esperienza perchè purtroppo i nostri bimbi sono quasi sempre chiusi in città… è vero c’è un po’ da aspettare per entrare in Grotta però si fanno code molto più lunghe per i parchi di divertimento! Grazie per la guida ci è stata davvero utile e abbiamo trascorso una magnifica giornata…

        • The Family Company Rispondi

          21/12/2012 at 07:53

          Michi, grazie di cuore per essere passati di qua a raccontare la vostra esperienza. Commenti come il tuo mi scaldano il cuore! Sono contenta che vi sia piaciuto, noi abbiamo provato le stesse emozioni! Ottimo atteggiamento alle code! Spesso si è più occupati a trovare le cose negative che a godersi quello che abbiamo intorno! Auguro a te e alla tua famiglia in sereno natale!

  5. Pingback: Hotel Pesce d’Oro di Verbania: suggestioni in riva al lago | The Family Company

  6. Mara Rispondi

    12/12/2012 at 21:28

    buonasera e’ il B & B ca di twergi di Ornavasso bravissima la signora x aver scritto questa mini guida molto ben curata nei dettagli . La prox volta ci venga a trovare nel nostro b & b sara’ accolta da due twergi ,potra’ dormire da noi e far una bella colazione visiti il nostro sito e………………………..arrivederci

    • The Family Company Rispondi

      13/12/2012 at 06:43

      Ma grazie signora Mara! Verremo senz’altro a trovarla e senza nemmeno aspettare il prossimo Natale! In realtà, ci sarebbe piaciuto stare da voi quel weekend, ma eravate già pieni. Un augurio di Buon Natale e a prestissimo!

  7. Sara Rispondi

    19/11/2015 at 20:38

    Buon sera vorrei sapere se questo anno si può visitare tutto ciò da quando si può iniziare?

    • Valentina Cappio Rispondi

      25/11/2015 at 13:07

      Ciao Sara. Si certo, si può visitare tutto. Ti consiglio di guardare il sito dell’evento per maggiori dettagli sulle date. Un abbraccio!

Rispondi a Mara Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *