Tra il Bianco e il Rosso

Come fosse un quadro d’autore, i cui colori fanno tremare lo sguardo ed il cuore. E noi dritti dentro. Tra il bianco candido della neve e il rosso fuoco di un trenino che scala le montagne e sembra sfidare qualsiasi legge di gravità. S’inerpica e s’arrampica, alzando sbuffi di neve e sfidando pendenze tra le più ripide del mondo.

bianco rosso bernina express 2

Catturare la bellezza con lo sguardo. E’ tutto ciò che puoi fare qui, a bordo di questo treno. Tra montagne altissime, vallate puntellate di laghi, ghiacciai e boschi fiabeschi. A tratti, sembra di toccare le pareti bianche e i dirupi, talmente ti scorrono vicini…

bernina express valle lago

Bianco e rosso. Freddo e caldo. Magia della natura e geniale ingegneria. Contrasti che sfiorano la perfezione. Opposti che si attraggono. Anzi, che si completano. E tutto ha un senso. Anche percorrere 61 chilometri con il naso incollato al finestrino.

Nasi incollati ai finestrini sul Trenino Rosso del Bernina

E, di fronte a tanta bellezza, anche i bimbi s'improvvisano artisti e fotografi. Questo scatto è di Leonardo, 6 anni.

Di fronte a tanta bellezza… i piccoli viaggiatori crescono, trasformandosi in sensibili artisti. Questo scatto è di Leonardo, 6 anni.

E, nonostante il freddo, come non affacciarsi al finestrino per ammirare una locomotiva-spazzaneve?

Per poi ridiventare allegramente bambini: nonostante il freddo, come non affacciarsi al finestrino per ammirare una locomotiva-spazzaneve?!

Tirano – St. Moriz: 61 chilometri di magia. Percorrendoli, non sorprende scoprire che, insieme alla tratta dell’Albula, quella percorsa dal Trenino Rosso del Bernina è considerata l’attraversamento alpino più bello al mondo e che, nel 2008, è stata dichiarata patrimonio mondiale UNESCO.

ghiacciaio Morteratsch

Un vero viaggio slow tra la neve ed i sogni. I panorami cambiano ad ogni curva e sembrano diventare sempre più drammatici.

Una delle fermate più spettacolari è senza dubbio quella di Ospizio Bernina, il punto più alto toccato dal Trenino Rosso, sorgendo alla maestosa altitudine di 2310 m s.l.m. Ospizio Bernina prende il nome dal rifugio situato sul valico del passo; per secoli, ha avuto la funzione di sosta e di trasbordo merci per i somieri e, con il passare degli anni, il passo è stato fondamentale per i collegamenti tra le zone valtellinesi e i Grigioni, segnando – ancora oggi – il confine tra la regione di lingua romancia e quella di lingua italiana.

Approcciando Ospizio Bernina

Approcciando Ospizio Bernina

Arrivando in prossimità della stazione, è impossibile non restare incantati di fronte alla   maestosità e alla bellezza dell’imponente ghiacciaio del Cambrena, che domina la piana dell’Ospizio Bernina. Poi, inevitabilmente, lo sguardo cade su di una distesa bianca che sembra non finire mai… Si tratta di due laghi: il Lej Nair (il Lago Nero), che fluisce verso le zone nordiche, in direzione dell’Inn, e dunque del Mar Nero, e il Lago Bianco, che appartiene al bacino del Po e confluisce nel Mar Adriatico.

lago ghiacciato bernina express

E, nelle belle giornate di sole, non sarà difficile imbattersi in acrobatici spettacoli di snowkite sui laghi ghiacciati.

E, nelle belle giornate di sole, non sarà difficile imbattersi in acrobatici spettacoli di snowkite sui laghi ghiacciati.

Poco dopo, è la volta di Diavolezza, dove il massiccio del Bernina incontra il ghiacciaio. Il sole fa capolino tra la neve e luccica, rendendo il paesaggio quasi surreale.  Molti passeggeri scendono qui, noi invece decidiamo di proseguire fino a Morteratsch. Eh si ! Perché questa è proprio una fermata da non perdere!

morteratch fermata bernina express

Poco prima di arrivare in stazione, dunque, ci infiliamo, in tutta fretta, le tute da neve e gli scarponi. Afferriamo gli zaini e premiamo il pulsante di prenotazione fermata. Ci siamo! Guardandoci attorno, ci accorgiamo di essere l’unica famiglia con bambini a scendere qui. Ma non possiamo resistere… Tutta colpa di una leggenda… Curiosi di sapere di più? Allora leggete qua il nostro racconto

PS Io Amo la Neve. E voi?

_______

Per organizzare al meglio un weekend a bordo del Trenino Rosso:

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

35 Responses to Tra il Bianco e il Rosso

  1. Alberghi Tipici Riminesi Rispondi

    23/01/2013 at 08:48

    mi è sembrato di essere con voi in treno!
    Poi vedere i bambini affascinati dallo spettacolo che si ammira dal finestrino trasmette la suggestione del viaggio…
    Devo dire che noi amiamo la “tipicità” del mare, ma questi paesaggi che hai ritratto nelle foto riescono a comunicare grandi emozioni.
    Attendiamo il racconto della leggenda da leggere… tutto d’un fiato!

    • The Family Company Rispondi

      23/01/2013 at 08:58

      Anche io, da buona napoletana, nasco dal… mare. E, come voi, da brava viaggiatrice, resto incantata di fronte alla bellezza della natura. E il cerchio si chiude sempre. Avete notato la coincidenza del lago bianco che defluisce nelle acque dell’Adriatico? Un abbraccio e a prestissimo!

  2. Tiziana Rispondi

    23/01/2013 at 14:31

    Cara Valentina dopo aver letto questo tuo bellissimo post ripenso al mio e non posso che complimentarmi con te. E’ incredibile (o telepatia), stavo terminando un post proprio sul trenino, sul lago bianco e sul lago nero. Trovo un’idea così poetica pensare al famoso spartiacque che decide il percorso di due flussi, uno che finisce il suo viaggio nel mare adriatico e le acque dell’altro finiscono la corsa nel mar nero. Non è una cosa bellissima? Ciao tesoro aspetto il resto, sei entrata nella basilica di Tirano?

    • The Family Company Rispondi

      23/01/2013 at 17:55

      Tiziana!! Ma che bella coincidenza! Sono curiosa di leggere il tuo racconto sul trenino rosso, ora!! Chissà come l’hai vissuto tu! Hai ragione, il percorso dei due flussi ha un non so che di romantico. Come la neve, il ghiaccio, le montagne… io ne sono rimasta incantata… Un abbraccio forte!

      • Tiziana Rispondi

        24/01/2013 at 17:40

        Io non sono stata sopra al trenino… ma non voglio anticipare nulla, lo vedrai lunedì. La nostra sintonia è incredibile, non è vero? Un bacio.

        • The Family Company Rispondi

          25/01/2013 at 21:41

          Adesso sono proprio super curiosa! Non vedo l’ora che arrivi lunedi! Si, sintonia perfetta. E fra poco ci conosceremo di persona. Che gioia!!

  3. Patrizia Rispondi

    23/01/2013 at 17:31

    Io amo visceralmente la neve! Ed il Diavolezza era una delle mete delle mie vacanze da piccolina.
    Che bello!!!!!!

    • The Family Company Rispondi

      23/01/2013 at 17:55

      Davvero Patrizia?? Una meta meravigliosa allora!! Ci torni ancora? Un abbraccio

      • Patrizia Rispondi

        24/01/2013 at 08:40

        Non ci sono più tornata. Ora è lì, tra i ricordi.
        Un abbraccio a te!

  4. erdematt Rispondi

    23/01/2013 at 18:59

    Io sul Bernina ci sono stato in una Primavera di tanti anni fa.
    E’ semplicemente meraviglioso anche solo pensare di far inerpicare un mezzo così fascinoso come il treno tra le alte montagne.
    Ma anche questa è l’Italia…
    Grazie Vale per aver fatto riaffiorare quei ricordi.
    Indelebili.
    Pace e bene…

    • The Family Company Rispondi

      23/01/2013 at 19:05

      Hai ragione. Il solo pensiero di quello che riesce a fare questo trenino è affascinante. Grazie Ernesto per essere passato di qua!

  5. Pingback: Sul ghiacciaio di Mortaratsch. Tutta colpa di una leggenda. | The Family Company

  6. Patamamma Rispondi

    24/01/2013 at 08:57

    Bellissimo!Questo e il post della leggenda!Sara’ che e’ un po’ che ci voglio andare! Attendo i prossimi post!

    • The Family Company Rispondi

      24/01/2013 at 09:03

      Grazie Patamamma!! Dovete andare! E’ meraviglioso…. Fra pochissimo, pubblicherò un post molto pratico, cosi avrai tutte le info necessarie per organizzare un bel weekend! Un abbraccio!

  7. Elena Valli Rispondi

    24/01/2013 at 22:44

    Pensare che ce l’ho qui vicino e non ci siamo ancora andati. Spero di riuscirci presto è veramente affascinante.

    • The Family Company Rispondi

      25/01/2013 at 21:40

      E’ vero, da Milano potete andarci direttamente in treno! Dai Elena, organizza!

      • viaggideirospi Rispondi

        26/01/2013 at 00:17

        ohi ohi, veniamo anche noi!! Vale è stupendo!!! Sai quando amo la neve!!

  8. Pingback: Dormire a Tirano con bambini | The Family Company

  9. Pingback: Tirano: l’emozione che scorre slow | The Family Company

  10. Pingback: Guida Pratica al Trenino Rosso del Bernina – I parte | The Family Company

  11. Pingback: Come acquistare online i biglietti del Trenino Rosso del Bernina | The Family Company

  12. Pingback: Hotel per famiglie e offerte speciali family | The Family Company

  13. Pingback: 5 mete per festeggiare San Valentino con i bambini | The Family Company

  14. Sandra Rispondi

    22/10/2013 at 10:12

    Appena letto questo tuo meraviglioso reportage. Mi hai fatto venire voglia di andarci. Io amo il mare, ma con queste foto e con le tue parole, mi hai convinta! Quest’inverno assolutamente voglio provare! Grazie di cuore.

    • Valentina Cappio Rispondi

      22/10/2013 at 10:14

      Ciao Sandra! Sono immensamente felice di essere riuscita a trasferirti un po’ delle nostre emozioni. Sono davvero paesaggi splendidi. E ti consiglio di cuore di provare. Non te ne pentirai! Un abbraccio. E fammi sapere!

  15. marco rivera Rispondi

    24/02/2015 at 16:06

    Io ho fatto un viaggio sul trenino rosso da T irano a Saint Moritz tanti anni fa ,solo che non era d inverno ma d estate e l esperienza è stata meravigliosa.Tanti viaggiano all estero quando anche qui in Italia ci sono posti e occasioni che vale la pena da ammirare e rimirare.

    • Valentina Cappio Rispondi

      24/02/2015 at 20:50

      Grazie Marco! Anche io vorrei provare il Trenino Rosso d’estate! Ed è vero, ci sono posti in Italia da vedere assolutamente (ma il Trenino Rosso è in Svizzera però.. 😉 )

  16. Emanuela portioli Rispondi

    16/09/2015 at 23:53

    Salve le chiedevo è fattibile prendere il trenino arrivare a San moritz e rimanere a dormire due notti e fare ritorno il lunedì mattina….è sprecato fare così…grazie

    • Valentina Cappio Rispondi

      17/09/2015 at 05:57

      Certo, è possibilissimo. Si perde tutte le fermate intermedie che sono molto belle, ma non è obbligatorio fermarsi. Buon viaggio!

  17. Emanuela portioli Rispondi

    16/09/2015 at 23:59

    Salve io non bimbi piccoli ..io chiedevo è fattibile prendere trenino diretto a Saint moriz stare due notti e rientrare sempre fon trenino il lunedì mattina…frazie

  18. silvia Rispondi

    15/12/2015 at 12:55

    Ciao Valentina….
    vorrei chiederti delle informazioni sul Trenino Rosso:

    Partendo da Milano c’è un treno che arriva a Tirano?

    E poi una volta arrivati lì, conosci dei posti dove soggiornare , oltre al B&B che hai detto?

    Volevamo fare 2/3 giorni con mio marito , ma prendercela con molta calma e quindi anche come ristoranti o alloggi vari.

    Grazie mille in anticipo.
    Ciao Silvia

    • Valentina Cappio Rispondi

      21/12/2015 at 15:39

      Ciao Silvia e scusa il ritardo! Penso proprio ci sia qualcosa che colleghi Milano a Tirano, ma onestamente venendo dall’Emilia Romagna non saprei dirtelo di sicuro. Per quanto riguarda il dove alloggiare, noi abbiamo provato solo quello che segnalo per cui, non avendone testati altri in prima persona, non mi sentirei di consigliartene…
      Un abbraccio!

Rispondi a erdematt Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *