Londra con bambini in due giorni

Un fine settimana a Londra con bambini è un viaggio breve e perfetto per ricaricare le pile. Una vera iniezione di energia. Perché a Londra – tra la folla, il traffico e la confusione – si respira profumo di vita e di libertà. 

London Regent Street at night 3

Sono follemente innamorata di questa città. La sua bellezza complessa mi attrae senza riserve. I suoi colori, la sua multietnicità,  le mille sfumature… mi fanno sentire… libera. E’ una città enorme, aperta, dove tutto rinasce e cambia continuamente. E’ la città degli inizi, delle trasformazioni. Si respira un’energia che inevitabilmente ti coinvolge, ti cattura e non ti lascia scampo. Noi cerchiamo di venire a Londra almeno una volta l’anno e, ogni volta, la City ci regala emozioni inattese.

Londra Piccadilly Circus primo piano

Quello che sto per proporvi è un breve itinerario – a misura di bambino – nella capitale britannica, adatto soprattutto a chi Londra l’ha già visitata almeno una volta. Quarantotto ore per assaporarla con la rilassatezza di chi ha già visto le sue principali attrazioni turistiche e, quindi, non ha la smania di voler vedere quante più cose possibile in quanto meno tempo possibile. Sarà un po’ come andare a trovare dei vecchi amici, sedersi nel loro salotto con una fumante tazza di tè tra le mani e passare il tempo a chiacchierare allegramente della vita.  Senza fretta. Senza uno scopo preciso. Semplicemente, per il puro piacere di essere là…

Londra con bambini I giorno: perdersi a Chinatown

Atterriamo a Gatwick in un freddo pomeriggio di fine Febbraio. Ci accoglie l’immancabile pioggerellina londinese e il suo cielo grigio. Prendiamo il Gatwick Express e arriviamo a London Victoria che è già buio.

Facciamo velocemente il check in presso il nostro hotel, posiamo i bagagli e in poco meno di un quarto d’ora siamo di nuovo fuori, pronti per la nostra annuale overdose di colori, profumi, luci, persone. Tutto si sente a Londra. Tutto si vive. Tutto entra sotto la pelle.

Londra con bambini

L’immancabile giro in metropolitana mi fa sorridere. Mi è mancato. Perché Londra è anche questo. E’ la musica che riempie il suo mondo sotterraneo. I treni dell’underground che sfrecciano sempre pieni. E per i piccoli viaggiatori è già un’avventura andare su e giù per le scale mobili. Passerebbero il pomeriggio intero là sotto…

Londra con bambini

Resto incantata di fronte alla curiosità che vedo nei loro occhi, mentre osservano attenti l’andirivieni di persone. Gente che arriva, gente che parte, gente che aspetta. E, insieme, ci divertiamo con un gioco antico come il mondo: immaginare le storie di questi sconosciuti che, per qualche istante, dividono con noi spazio e tempo. Dove vanno, cosa fanno, chi aspettano?

Londra con bambini: metropolitana

Siamo sulla Piccadilly Line e decidiamo di fermarci proprio a Piccadilly Circus, da molti ritenuto il cuore pulsante di Londra. E’ bello e piena di vita. Esattamente come un anno fa. O come vent’anni fa, a dire il vero. Ricordo ancora perfettamente l’emozione che ho provato quando – per la  prima volta –  ho visto la famosa statua dell’Eros e le insegne a neon sullo sfondo. Avevo sedici anni e la voglia di spaccare il mondo. Uscire dal buio della metropolitana e riversarmi in quel caleidoscopio di luci e rumori è stato semplicemente perfetto. In quel momento, mi è sembrato davvero di poter spaccare il mondo. Un’energia vitale che fluida mi scorreva nelle vene.

Londra Piccadilly di notte

Da allora, avrò visto Piccadilly Circus almeno un centinaia di volte (di cui sette con i miei figli). E’ ogni volta è come la prima volta. Ci divertiamo a scattare fotografie sui gradini ripieni di gomme da masticare. Poi, lentamente esploriamo i dintorni rumorosi.

Svoltiamo in Shaftesbury Avenue e lasciamo i bambini curiosare tra i mille negozi, calamita irrinunciabile per le loro anime giocose. I nasi restano appiccicati un bel po’ di fronte ad una colorata vetrina ricolma di dolci… D’altra parte, è ora di cena!

Londra vetrine dolci

Cominciamo a cercare un posticino per mangiare e ci imbattiamo nel Ristorante Rainforest… Un posto fantastico, se si è a Londra con bambini.

Londra Negozio Rianforest Cafè

Già dalle vetrine si intuisce che non si tratta di un semplice ristorante. Il primo piano è, infatti, dedicato alla vendita di dolciumi, giocattoli e peluche di ogni forma e dimensione.

Londra negozio Rainforest caramelle

Ma è l’ambientazione a colpire più di ogni altra cosa. E’ come entrare in una vera foresta equatoriale, con coccodrilli, serpenti, leopardi e alberi parlanti.

Londra negozio Rainforest tronco

Londra coccodrillo rainforest

Al piano inferiore si trova il ristorante, ugualmente meraviglioso e ovviamente a misura di bambino, ma non proprio a buon mercato (si spende, in media, circa 20 – 25 sterline a persona). Per questo motivo e anche perché abbiamo voglia di un’esperienza più “colorata”, scegliamo di proseguire. E, quasi senza accorgercene,  ci ritroviamo a Chinatown.

London Chinatown Dettaglio

Camminiamo tra la folla con il naso all’insù, attirati dalle decine di lampade rosse che sembrano cadere dal cielo scuro.

Londra ChinaTown lampade

Ci perdiamo nel dedalo di stradine, osservando divertiti le vetrine dei negozi.

Londra Chinatown anatre in vetrina

Languidamente, ci lasciamo attrarre da uno dei tanti ristoranti che urlano “Eat as much as you like for just £8.50!“… Mangiare cinese nel bel mezzo di Londra? S’ha da fare!

Londra mangiare a Chinatown

Londra mangiando cinese

Finalmente, stanchi e sazi, rientriamo in albergo. Domani… è un altro giorno!

Londra con bambini II giorno: being an insider

Abbiamo deliberatamente scelto di non fare colazione in hotel. Vogliamo ritrovare l’odore di bacon e fagioli nei piccoli cafè di Coven Garden. Ed è lì che ci dirigiamo. La città sembra ancora dormire. Le strade sono semi-deserte. E’ bello avere Covent Garden tutta per noi.

Covent Garden Mattina

I banchi del vecchio mercato hanno ormai ceduto il posto a negozi e ristoranti, ma  – a quest’ora – le saracinesche sono  ancora tutte abbassate e si vede poca gente in giro.

Coven Garden inside

Ci infiliamo in un Cafè minuscolo proprio a ridosso del piazzale: tra il bancone ed il muro c’è giusto lo spazio necessario a far passare una persona. I tavoli sono solo sei, tutti occupati da gente del posto che mangia e sbircia il giornale, in attesa di andare al lavoro. Dividiamo il tavolo con un muratore, che – con un forte accento cockney – ci parla immancabilmente del tempo. Ordiniamo salsicce, bacon, scramble egg, caffè e succo per i bimbi. L’English Breakfast è un vizio a cui non rinuncerò mai.

Londra colazione a convent garden alessio

Tra un boccone e l’altro, pianifichiamo la giornata di oggi. Piove e fa freddo, per cui la prima tappa sarà senza dubbio il Natural History Museum, con i suoi spazi verticali enormi che concedono, di tanto in tanto, qualche pausa dagli infiniti stimoli delle gallerie.

national history museum londra facciata

Quando arriviamo, i cancelli sono ancora chiusi. Mancano pochi minuti alle 10. La fila è già lunga, ma ordinata. Una bella lezione di vita per i miei piccoli scalmanati. Davanti a noi, c’è un gruppo di bambine con le loro belle divise scolastiche. Passeranno anche loro la mattinata al museo e noi ci uniamo contenti alla singolare comitiva.

Nationa History Museum Londra scolaresca

Entriamo e ci accoglie immediatamente l’enorme scheletro di un Diplodocus, che si staglia possente nel bel mezzo del salone centrale. Il Natural History Museum di Londra, infatti, ospita una delle più grandi collezioni di fossili e ossa di dinosauri del mondo, che –  insieme a display interattivi, scheletri e riproduzioni a grandezza quasi reale – danno vita ad un percorso che affascinerà grandi e piccini.

Londra National History Museum Hall

Il Museo è talmente vasto che si potrebbe trascorrere l’intera giornata e non riuscire a vederlo tutto. Prima di iniziare la visita, consiglio quindi di munirvi di una piantina e pianificare l’itinerario sulla base dell’età e degli interessi dei vostri bimbi. Qualsiasi sarà il percorso che sceglierete, state sicuri che i bambini si divertiranno un mondo (purché non facciate durare l’intera visita troppo la lungo!): il museo è pensato per i più piccoli e prevede tanti momenti di gioco ed intrattenimento didattico.

Londra Leo & Ale nel reparto Dino

History Museum Londra leo al darwing centre

L’area dei dinosauri è ovviamente da non perdere!

Londra Natural History Museum fossile dinosauro

national history museum londra dino dietro leo

Un altro padiglione molto interessante è il modernissimo Darwin Centre, ribattezzato “cocoon” (ovvero bozzolo), per la sua forma allungata.

Leo&Ale al Natural History Museum of London

Il centro è articolato su 8 piani e all’interno ospita 17 milioni di insetti e 3 milioni di piante. Attraverso le grandi vetrate, sarà possibile osservare veri scienziati al lavoro e persino far loro domande attraverso un microfono!

Natural History Museum Londra reparto darwin

Per pranzo decidiamo di fermarci al ristorante di un altro interessantissimo museo, poco distante da quello di Storia Naturale. Si tratta dello Science Museum – sempre ad ingresso gratuito.

Science Museum London 1

Anche in questo caso, consiglio di pianificare la visita preventivamente. Sul sito della struttura, vengono suddivise per fascia d’età le aree e le attività proposte dal museo. Un ottimo modo per ottimizzare il tempo ed evitare che i bimbi si annoino visitando gallerie non propriamente adatte alla loro età.

Science Museum Londra 2

Sicuramente da non perdere l’area dedicata allo spazio (si trova al piano terra)…

Science Museum Londra 3

…  dove sarà possibile vedere da vicino persino un pezzo di luna! E’ stato raccolto dall’astronauta David Scott durante la missione a bordo dell’Apollo 15, avvenuta nell’Agosto del 1971. Incredibile, vero?

Science Museum Londra luna

Una giornata davvero impegnativa, questa! Rientriamo in hotel per un meritato riposino e per cena… fish and chips in uno dei ristoranti storici di Londra, lo Sea Shell of Lisson Grove!

Londra con bambini III giorno: shopping & music

L’ultima mattina in terra londinese mi sveglio con un’incontenibile voglia di un Caramel Latte da Starbucks. Niente English Breakfast oggi… muffin per tutti! L’aereo parte nel tardo pomeriggio, abbiamo quindi quasi mezza giornata davanti a noi.

Siccome ogni promessa è debito, la nostra prima tappa dopo colazione è Hamelys: un enorme negozio di giocattoli nel centro di Londra, gioia di ogni bambino ed incubo di ogni genitore… Lungo Regent Street troviamo la solita fiumana di gente. Le vetrine scintillanti, il traffico che scorre veloce ed ordinato.

Piccadilly Circus Uderground London 2

I cinque piani di Hamleys superano ogni aspettativa. Una buffa guardia ci fa l’inchino mentre varchiamo la soglia di questo paradiso colorato.Da quel momento, è tutta un’esplosione di colori, di giochi da provare, di caramelle da mangiare e di scale mobili da conquistare!

Hamleys Londra 3

Hamleys Londra 2

Ovviamente non riusciamo ad uscire da questo posto senza aver comprato un piccolo pensierino, ma ce la caviamo con 3 sterline a testa. Un buon compromesso, tutto sommato! Incredibile come sia volato il tempo.

Ci dirigiamo verso Trafalgar Square, ultima tappa del nostro weekend londinese. Dopo una corsetta dietro gli immancabili piccioni, entriamo in una chiesa che pochi conoscono. Si tratta di St Martin in the Fields (di fianco alla National Gallery) dove, da sempre, si tengono concerti di musica molto apprezzati. Ciò che pochi sanno è che, tre giorni a settimana, si tengono concerti gratuiti che durano circa 45 minuti (il Lunedì, Martedì e Venerdì alle ore 13). Nella cripta della chiesa, inoltre, si trova una bellissima caffetteria dove poter sorseggiare una tazza di caffè o anche pranzare. Non potevamo scegliere di meglio per concludere il nostro soggiorno a Londra, non trovate?

Londra fotografando a Piccadilly Circus 2

E’ ora di ripartire. In aereo, Leonardo mi sussurra: “Mamma, ci siamo stati troppo poco tempo a Londra“. E’ vero. Ma già penso a quando ci torneremo…

Londra con bambini – Indirizzi utili

  • Cena “eat as much as you like” a Chinatown: Kowloon Restaurant, 21-22 Gerrard Street, Chinatown, Londra. Non accetta carte di credito. Stazioni metro più vicine: Piccadilly Circus, Leicester Square. Oppure Little Woo, lungo Shaftesbury Avenue. 
  • Colazione a Covent Garden: Café Fresh Delicious,  14 Henrietta Street, Covent Garden, Londra. Tel: 020 7836 4519. Orari di apertura: Lun-Sab dalle 8 alle 21; Dom dalle 7 alle 20.
  • Fish & Chips: Sea Shell of Lisson Grove (è un ristorante molto popolare, preparatevi a fare la fila), 49 – 51 Lisson Grove, tel 020 7224 9000; stazione metro più vicina: Marylebone; chiuso la Domenica
  • Hotel: Premier Inn
  • Natural History Museum: ingresso gratuito; orari di apertura: tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:50, ultimo accesso ore 17:30; stazione metro: South Kensington. Il museo organizza moltissime attività per i bambini. Per il programma completo, visitate il sito www.nhm.ac.uk
  • Science Museum:  ingresso gratuito; orari di apertura: tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00, ultimo accesso ore 18:15; stazione metro: South Kensington. Sito internet: www.sciencemuseum.org.uk
  • Hamleys Regent Street: indirizzo 188-196 Regent Street; orari di apertura: tutti i giorni dalle 10 alle 20, la Domenica dalle 12 alle 18; stazione mentro: Piccadilly Circus, Oxford Circus, Marble Arch.

Per un sacco di altri suggerimenti su cosa fare, dove mangiare e cosa vedere, ecco gli altri post che ho scritto su Londra:

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

27 Responses to Londra con bambini in due giorni

  1. Laura Rispondi

    04/04/2013 at 21:19

    Che bello, altre info su Londra!!! 🙂

  2. twins(bi)mamma Rispondi

    05/04/2013 at 11:01

    che bel post interessantissimo per me che penso ad organizzare un viaggetto con i bimbi.
    Qualche consiglio su hotel economici? Grazie ottimo spunto ….

    • The Family Company Rispondi

      05/04/2013 at 14:09

      Ciao cara! Noi ci siamo trovati molto bene al Premier Inn. E’ una catena di alberghi e a Londra ce ne sono diversi. A questo link, nei commenti, trovi uno scambio tra me ed un’altra mamma che mi chiedeva la stessa cosa. Ho postato un po’ di indirizzi. Spero possa esserti utile! A presto! http://familyco.wordpress.com/itinerari/londra/

  3. Tiziana Bergantin Rispondi

    07/04/2013 at 17:42

    Cara Vale quanti ricordi mi hai fatto riaffiorare. Era la prima volta che vedevo una scalinata della metro così alta e quanti piani sotto! Piccadilly poi, sembrava di essere davvero al centro della città, c’è ancora sulla piazza il Rock Circus Pavilion? Ricordo una mattinata molto divertente con Piero e il mio ragazzo. Poi Trafalgar Square, il bellissimo museo con i suoi tesori, la visita in St Martin in the Fields prima di andare alla ricerca della casa di Freddie Mercury (mio figlio a quel tempo era un grande fan) insomma Vale mi hai fatto venire una voglia di ripartire subito uffa! Bellissimo!

  4. Tiziana Bergantin Rispondi

    07/04/2013 at 17:42

    Cara Vale quanti ricordi mi hai fatto riaffiorare. Era la prima volta che vedevo una scalinata della metro così alta e quanti piani sotto! Piccadilly poi, sembrava di essere davvero al centro della città, c’è ancora sulla piazza il Rock Circus Pavilion? Ricordo una mattinata molto divertente con Piero e il mio ragazzo. Poi Trafalgar Square, il bellissimo museo con i suoi tesori, la visita in St Martin in the Fields prima di andare alla ricerca della casa di Freddie Mercury (mio figlio a quel tempo era un grande fan) insomma Vale mi hai fatto venire una voglia di ripartire subito uffa! Bellissimo!

    • The Family Company Rispondi

      16/04/2013 at 14:08

      Davvero Tiz conosci St Martin?? Sei la prima che me lo dice sai? Quante affinità… Un abbraccio!

  5. Lali Rispondi

    07/04/2013 at 23:17

    Troppo che non ci torno!!!

  6. Lali Rispondi

    07/04/2013 at 23:17

    Troppo che non ci torno!!!

  7. Pingback: Il meglio della settimana #marzo 2

  8. ilariagramigna Rispondi

    16/04/2013 at 13:29

    Bellissimo!!! grazie!

  9. Laura Rispondi

    10/06/2013 at 21:04

    Ciao, ho finalmente fatto il post sulla nostra vacanza a Londra, se ti va di venire a vedere è qui http://lamiastanzetta.blogspot.it/2013/06/londra.html e grazie ancora per tutte le info e i consigli!!!
    Un abbraccio

    • Valentina Cappio Rispondi

      10/06/2013 at 21:33

      Carissima, ho letto e commentato! Grazie di cuore per avermi citata. Sono stata davvero contenta di vedere che vi siete divertiti e che i miei consigli sono tornati utili!
      Bellissimo post e bellissime foto! A presto!

  10. Laura Rispondi

    11/06/2013 at 13:45

    Grazie a te!
    A presto!!!!
    🙂

  11. Vale&ElyVi Rispondi

    30/01/2014 at 15:36

    Ciao, sono capitata per caso sul tuo blog e da quel odo che ho letto l’ho trovato interessantissimo!!! Vorrei organizzare una gita di cinque giorni a metà luglio a Londra con mio marito e la bomba di quasi tre anni ma lui è indeciso, convinto che la bimba non guiderebbe di nulla in questa grande città. Visto che tu sembri molto esperta al contrario nostro, che siamo sempre e solo stati in posti di relax, cosa ci consigli? Ma soprattutto, in che zona concentrare le ricerche di un albergo??? Grazie, Vale.

    • Valentina Cappio Rispondi

      31/01/2014 at 11:09

      Ciao! Grazie per essere passata di qua. Ovviamente mi sento di tranquillizzarvi tantissimo. La tua bimba sarà estasiata ed incuriosita dalle luci e dai colori di Londra. L’importante è rispettare anche i suoi ritmi; se le giornate sono belle, potete fare un picnic al parco, se piove rifugiarvi in un bel museo (ce ne sono tantissimi che offrono sezioni ed intrattenimenti per i più piccini, anche di tre anni). Per l’hotel, io ti consiglio di sceglierne uno vicino alla metro e magari che abbia un ristorante interno, così la sera – se la bimba è stanca – non dovete andare in giro a cercarne uno. Un’alternativa comoda potrebbe essere un appartamento, così hai una cucina o angolo cottura a disposizione. Prova a guardare qui:
      http://thefamilycompany.it/2012/06/08/dormire-low-cost-con-i-bambini-gli-appartamenti/

      Per le zone, starei piuttosto centrale… ma, poichè in tanti mi chiedete dove dormire a Londra, mi sa che ci faccio un post! Arrivo eh! 😉

      per l’hotel io ti consiglio di scegliere in base alla metro.

  12. Gianluca Rispondi

    14/10/2014 at 15:11

    Ciao

    mia moglie ed io siamo appena stati a Londra 5 giorni insieme a nostra figlia di 8 anni. Abbiamo preso spunto dai tuoi articoli su Londra per trovare qualcosa che fosse divertente anche per lei. Alla domanda su cosa le sia piaciuto di più di Londra, risponde candidamente: “Gli scoiattoli di Hyde Park!”. Ci abbiamo passato un mezzo pomeriggio, durante il quale non ha smesso di rincorrere gli scoiattoli per dagli le noccioline. Le sono piaciuti anche il Rainforest Café e il negozio di giocattoli Hamleys.
    A proposito di questo, vale la pena ricordare che all’aeroporto di Stansted (non so gli altri), nella free tax zone, c’è un piccolo negozio della catena in cui è possibile comprare i giocattoli più in voga del negozio senza VAT (l’IVA inglese, pari al 20%). Nel mio caso per esempio vi ho trovato tutti e tre i giocattoli che ho comprato nel negozio di città. Un commesso, molto gentile, sarebbe stato anche disposto a farmi il reso dei giocattoli in modo da permetterci di comprare qualcos’altro con la differenza, peccato che lo scontrino d’acquisto fosse nella valigia già imbarcata…

    Abbiamo soggiornato al Premier Inn vicino alla Tate Modern. Ci siamo trovati molto bene sia come soggiorno sia come posizione: a piedi è stato possibile raggiungere in meno di un quarto d’ora queste diverse zone: London Eye, Westminster Abbey e Big Ben (da cui si arriva in breve anche a Trafalgar Square), Tate Modern, Borough Market, Millennium Bridge e St. Paul Cathedral, la nave della seconda guerra mondiale sul Tamigi e infine Tower Bridge e Torre di Londra.

    Grazie quindi per tutte le dritte.

    Gianluca

    • Valentina Cappio Rispondi

      15/10/2014 at 06:27

      Gianluca grazie di cuore per questa tua testimonianza!! Ho curiosato nel tuo blog… magari un giorno si organizza un piccolo trekking con bimbi al seguito, che ne dici?
      A prestissimo!

  13. Elena valigiaepasseggino Rispondi

    29/10/2015 at 12:53

    Ho visitato Londra tre anni fa, dopo pochi giorni dal rientro sono rimasta incinta. Non vedo l’ora di tornarci con il piccolino, e seguirò alla lettera tutti i vostri consigli!!!

    • Valentina Cappio Rispondi

      29/10/2015 at 15:17

      Elena sarà splendido! Facci sapere come va! Un abbraccio a te e al piccolino!

  14. federica Rispondi

    12/11/2015 at 16:58

    MI AIUTATE X FAVORE????VORREI ANDARE A LONDRA DAL 31 DIC AL 3 GENNAIO 16 SIAMO DUE ADULTI E DUE BIMBE UNA DI 6 E UNA DI 7 DOVE POSSO ALLOGGIARE?
    GRAZIE
    FEDERICA

  15. Nertila Rispondi

    25/01/2016 at 18:20

    Ciao sonno un ragazza albanese Via Italia da 10 hanni?. Cerca lavoro in Londra ho bisogno per un lavoro? Nertila sina

Rispondi a Tiziana Bergantin Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *