Val di Non: tra le pagine di una fiaba

Un’anima generosa e giocosa, quella della Val di Non. Il suo volto cambia forma e colore ad ogni curva. I suoi dolci declivi danzano sinuosi. Per poi trasformarsi in panorami selvaggi.

Casa nella prateria val di non

L’abbiamo visitata vissuta in occasione di 1,2,3 storie – un bellissimo evento, che ha avuto luogo a Cles, dedicato alla narrazione per bambini e alle sue infinite possibilità.

rospo 123storie cles val di non

Due giorni tra storie, libri, racconti, laboratori, spettacoli, colori… Che ritorna anche quest’anno, dall’10 al 12 luglio, sempre a Cles. Il filo conduttore di questa quarta edizione sarà “Riprendiamoci il tempo”  quinta edizione è il cibo, che verrà non solo raccontato, ma sarà anche al centro di spettacoli, performance culinarie per “piccoli palati”, mostre, laboratori e serate. Il centro storico di Cles, inserito in un contesto naturalistico di straordinaria bellezza, farà da cornice a tanti eventi pensati per tutta la famiglia.

 foto festival cartolina

E, come sempre, i protagonisti assoluti saranno la narrazione e i tanti modi in cui si possono raccontare le storie. Non mancheranno spettacoli di burattini, mimi e laboratori…

leo libri van di non 123storie

bici e fiori cles

… e nuovi amici.

leo e ernesto cles val di non

Da non perdere la Biblioteca commestibile dove sugli scaffali, oltre ai libri, i bambini troveranno materie prime alimentari e utensili, per scoprire giocando gli “ingredienti” della cucina e gli oggetti che ne permettono la trasformazione.

foto festival cartolina

E ancora, ci sarà una meravigliosa installazione-mostra, “A testa in giù”, realizzata in esclusiva per il festival della giovanissima autrice italo-polacca Zosia Dzier?awska: una mappa interattiva permetterà ai bambini di interagire con le stagioni, osservando come il loro mutare influisca su frutta, verdura, cereali, legumi, sia nella loro evoluzione che nella loro produzione. Ecco il programma dell’evento:

Download (PDF, 4.41MB)

Ma le storie, in questa antica valle, escono dolcemente dalle pagine dei libri.

123storie libro val di non

E si riversano nei pascoli, nei boschi, nei borghi fioriti.

balcone pineta val di non

Attraversano sentieri, castelli, laghi e montagne. Si rincorrono tra i meleti. Scorrono insieme a ruscelli che, per millenni, hanno scavato nella roccia, formando burroni, canyon e cascate.

cascata canyon rio sass val di non

E, infine, si trasformano in prati immensi in cui correre e giocare.

alessio nel prato val di non

Un grande parco giochi a cielo aperto, insomma. Ecco. La Val di Non è, soprattutto, questo.

val di non con bambini

C’è così tanto da fare. Così tanto da vedere. Non mi credete? Seguitemi… In punta di piedi, attraverseremo insieme le storie più belle di questa valle. Uno scrigno di meraviglie, tutte da vivere ed esplorare…

Caccia al tesoro nei borghi

Ogni luogo viene vissuto fino in fondo solo attraverso i suoi dettagli. Attraverso i suoi angoli più nascosti. Perché sono i dettagli e gli scorci più inaspettati che raccontano delle persone che lo abitano.

bidoni colorati fondo

E, allora, esplorate con i vostri bimbi questi piccoli borghi ricchi di tesori, testimoni della lunga storia della Val di Non. Chiese, santuari, antiche residenze. Ma anche tesori più semplici… E altrettanto emozionanti.

fiori su porta fondo val di non

Scoprirete composizioni bizzarre e colorate.

panchina colorata cles

Angoli romantici.

panchina fiorita cles

E scorci allegri e bambineschi.

marmotta parco giochi cles

Pronti, partenza, via! Alla ricerca delle sfumature più inaspettate della Val di Non! Vince chi scova i dettagli più curiosi ed originali… Credetemi, non sarà per niente difficile!

Laboratori, visite e attività family

Eh si, non ci si annoia proprio mai qui! La Val di Non propone un bellissimo calendario di animazione estivo, dedicato esclusivamente alle famiglie con bambini. Tutti i giorni, tantissime attività ed iniziative prendono vita sul territorio, diventando storie da vivere, da ricordare, da raccontare.

cubi colorati val di non

Le lezioni di equitazione per i più piccini, gli spettacoli, oppure i tanti laboratori didattici organizzati nei vari borghi della valle, ad esempio.

letture animate 123 storie val di non

laboratori 123storie val di non

E ancora, cacce al tesoro per tutta la famiglia all’interno di magici castelli, oppure le  visite in fattoria, per incontrare da vicino gli animali da cortile ed imparare tutto sulla vita dei contadini.

val di non con bambini

Per i più sportivi, passeggiate nel bosco, corsi di arrampicata, escursioni al lago ... Un’avventura sempre nuova, un gioco diverso dietro ogni angolo, dentro la storia di ogni borgo.

alessio parco giochi cless

leo e pallone cles val di non

I profumi di mille rose

Ma le storie, in questa magica valle, si snodano anche tra profumi e colori straordinari. Come quelli del Giardino della Rosa, a Ronzone.

corridoio rose giardino della rosa ronzone

Si tratta di un raro, immenso roseto che fiorisce e ammalia a mille metri d’altezza: un tripudio di colori e profumi su una delle più belle terrazze dell’Alta Anaunia.

giardino della rosa ronzone 2

Tutti sanno che la Val di Non è famosa per le sue mele. Ed è da questa tradizione che nasce il Giardino della Rosa. Lo sapevate infatti che la rosa è strettamente imparentata con il melo, protagonista incontrastato di questa valle?

giardino della rosa di ronzone 3

Tutto ciò che trovate qui è perfettamente integrato nel luogo circostante: gli steccati, i materiali adoperati, le piante autoctone che delimitano i confini del giardino, la coltivazione biologica. Tutto è stato pensato nel rispetto più assoluto dell’ambiente.

giardino rosa ronzone 7

giardino della rosa ronzone 6

Passeggiando tra i vialetti, è possibile avvicinarsi fino a toccarle queste meravigliose rose, ci si immerge nei loro profumi, ci si stordisce di forme, colori e sensazioni sottili. E si resta incantati di fronte ai dettagli…

giardino della rosa di ronzone 5

Al centro del giardino, un grande spazio verde, un palcoscenico a cielo aperto  ed una scenografia sublime: le rose, la valle e le Maddalene, Qui, nelle calde sere d’estate, è possibile assistere a spettacoli ed incontri.

palcoscenico giardino della rosa ronzone

Un luogo meraviglioso, da assaporare piano. E con il cuore aperto.

giardino della rosa ronzone 1

Qualche informazione pratica sul roseto:

  • Apertura: il Giardino della Rosa è aperto dal 22 giugno al 20 ottobre; con i seguenti orari: dal 1 al 30 giugno e dal 19 agosto al 15 settembre, aperto dal mercoledì alla domenica con orario 10.00 – 12.30 / 14.30 – 19.00 (chiuso il lunedì e martedì); dal 1 luglio al 18 agosto, aperto tutti i giorni con orario 10.00 – 12.30 / 14.30 – 19.00; dal 16 settembre al 20 ottobre: aperto solo di sabato e domenica.
  • Biglietti: adulti 3 euro; bambini e ragazzi dai 7 ai 18 anni: 2,50 euro; bambini sotto i 7 anni: gratuito; famiglie (2 adulti + figli sotto i 18 anni): 6 euro; possessori Trentino Card: gratuito
  • Visite guidate: tutti i mercoledì e le domeniche, dal 1 luglio al 18 agosto, alle ore 16.00.D urata: 1 ora circa. Prenotazioni obbligatorie (entro le ore 17.00 del giorno precedente) all’APT Val di Non tel. 0463 830133 info@visitvaldinon.it
  • Laboratori per bambini: ogni giovedì pomeriggio, dal 4 luglio al 22 agosto, il Giardino della Rosa propone un laboratorio didattico per conoscere, giocare ed esplorare il mondo delle rose attraverso i cinque sensi. Il laboratorio dura due circa ed è indicato per i bambini  dai 5 anni in su.  Costo: 5,00 euro. Prenotazioni obbligatorie (entro le ore 17.00 del giorno precedente) all’APT della Val di Non.

Le storie… di un canyon incantato

… entri qua dentro e ne devi uscire ubriaco…

Sono le parole di Lorenzo, la guida che ci ha accompagnato nella visita al Canyon Rio Sass, un itinerario naturalistico di una bellezza straziante, percorribile in tutta sicurezza grazie ad una serie di passarelle e scalette in ferro, ancorate alla roccia.

canyon rio sass 1

Il Canyon si è formato grazie all’azione erosiva dell’acqua del torrente che attraversa il caratteristico borgo di Fondo.  La prima parte è decisamente selvaggia e la si percorre sospesi su di un burrone, avvolti dalle rocce e, in sottofondo, il rombo dirompente dell’acqua.

canyon rio sass 3

Esplorando il canyon, si scoprono muschi, felci, alghe rosse e verdi, persino dei fossili.

canyon rio sass 4

Un susseguirsi di curve, un saliscendi suggestivo e potente.

canyon rio sass 2

canyon rio sass 7

Poi, improvvisamente, tutto si placa. Il paesaggio si apre, le rocce lasciano il posto agli alberi e al sole, il rombo dirompente diventa una dolce ninna nanna.

canyon rio sass 8

E, magicamente, ci si incanta di fronte ad arcobaleni, giochi di luci e guizzi di colore…

canyon rio sass 9 arcobaleno

canyon rio sass 5

Qualche informazione pratica sul Canyon Rio Sass:

  • La visita è fattibile anche per i bambini. Il percorso, però, non è adatto ai passeggini; per cui, per i più piccoli, consiglio fascia, marsupio o zainetto porta-bimbi. Tenete presente che alcuni passaggi, anche se brevi, sono molto stretti.
  • Non serve nessuna attrezzatura particolare, ma è fortemente consigliato un abbigliamento comodo e sportivo. Il centro visite del canyon fornirà a grandi e piccini mantelline impermeabili, caschetto protettivo e radio ricevente. Se preferite, potete portare le vostre personali mantelline.
  • Il percorso è lungo circa 1.200 metri e il tempo di percorrenza (andata e ritorno) è di  2 ore circa. Se i bimbi sono stanchi, potete, in qualsiasi momento, tornare indietro.
  • La prenotazione è obbligatoria ed è consigliabile effettuarla con qualche giorno di anticipo, telefonando al 0463-850000 oppure scrivendo una mail a smeraldo@fondo.it
  • Tariffe: adulti: € 8,00, bambini 6-12 anni: € 6,00, bambini sotto i 6 anni: gratis.
  • Attività per bambini: il 27 luglio, il 10 e il 24 agosto, alle ore 14:30, oltre ad una visita guidata per famiglie, seguirà un laboratorio didatticoper scoprire le alghe, i fossili, i pesci e gli altri animali che popolano il canyon. L’iniziativa è pensata per i bambini dai  dai 6 ai 12 anni. Durata totale dell’attività, comprensiva di percorso: 2/3 ore . Costo : 6,00 euro (compresa attrezzatura) Prenotazione obbligatoria presso Cooperativa Smeraldo.

canyon rio rass bimbi con mantellina

Quando le storie non hanno fine

Lo so, ogni storia che si rispetti ha una sua fine. Eppure, in Val di Non, capita di affacciarti all’alba e di restare abbagliata da tanta bellezza.  Allora aspetti il tramonto. E poi l’alba. E il tramonto, ancora. Ed un’altra alba. Perché vuoi che questa storia non abbia mai fine.

Alba Val di Non

D’altra parte, quando li guardi e li vedi cosi, felici e spensierati, sai che questa è la storia giusta. E che la fine di ogni storia, in fondo, è sempre un nuovo inizio.

ale e leo al pineta val di non

__

Se volete organizzare una meravigliosa vacanza con bambini in Val di Non, vi lascio il link ad una piccola guida che ho scritto,  con suggerimenti pratici, su dove mangiare, dove dormire e come risparmiare. Per un hotel davvero meraviglioso, invece, vi invito a leggere il reportage che ho scritto sul Pineta Hotels (testato in prima persona dalla family). E’ uno dei miei alberghi preferiti, in assoluto. E sono sicura che ve ne innamorerete anche voi.

Per maggiori dettagli ed informazioni sulle attività per famiglie e per bambini della Val di Non, potete contattare l’Apt:

APT  VAL DI NON
Via Roma , 21
38013 Fondo (Tn) – Trentino
Tel. 0463-830133;
 info@visitvaldinon.it
www.visitvaldinon.it

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

10 Responses to Val di Non: tra le pagine di una fiaba

  1. Luisa Rispondi

    24/07/2013 at 08:38

    Ma che meraviglia! Io adoro il Trentino ma in Val di Non non ci sono mai stata. E’ ora di organizzare. Sembra davvero un posto stupendo per i bambini. Non vedo l’ora di leggere di questo albergo da sogno… Grazie!

    • Valentina Cappio Rispondi

      24/07/2013 at 08:56

      Si Luisa! Una vera meraviglia la Val di Non! I bimbi si sono divertiti un mondo…
      E l’albergo… arriva presto! Io lo adoro!!! Un abbraccio e a presto

  2. carlo Rispondi

    24/07/2013 at 09:11

    Che foto spettacolari Fai venire voglia di partire subito
    Del canyon avevo sentito parlare, ma non pensavo si potesse visitare anche con i bambini. Di sicuro, ci faremo un pensierino. Grazie.

    • Valentina Cappio Rispondi

      24/07/2013 at 09:24

      Grazie per i complimenti Carlo!
      Il canyon è assolutamente visitabile anche con i bimbi. Si divertiranno un mondo anche solo ad indossare caschetto e mantellina! Fammi sapere se andate. Ciao!

  3. Ciao Vale, bellissime le foto e il racconto…bravissima! Peccato non aver avuto tempo di fare una foto insieme, sarà per la prossima! Un abbraccio a te e ai tuoi bei bimbi!

    • Valentina Cappio Rispondi

      24/07/2013 at 12:37

      Vero Ale!! Dobbiamo assolutamente rimediare ed organizzare prestissimo! Un abbraccio cara

  4. Annalisa Rispondi

    24/07/2013 at 12:36

    Sono tornata ieri dalla mia solita settimana alle Regole di Malosco: sfondi una porta aperta! Anch’io ho visitato il giardino delle rose ed il canjon per la prima volta e li ho trovati magnifici entrambi. Ci eravamo sempre limitati (!) alle camminate nei boschi, ma quest’anno ho fatto in tempo a prendere appunti dai tuoi suggerimenti.
    Altra scoperta che ti consiglio caldamente: il lago di Tret, 7 chilometri dopo Fondo. Fantastico.

    • Valentina Cappio Rispondi

      24/07/2013 at 12:38

      Allora devo assolutamente ritornarci e fare un salto a Tret! Grazie di cuore Annalisa! Un abbraccio!

  5. Vaty Rispondi

    30/07/2013 at 09:44

    Vale, avevo visto e letto il post da casa e solo ora mi trovo davanti al pc che ti posso dire la mia: che è stata una esperienza incredibile!!come dici tu, una fiaba senza fine! Bellissime le tue foto del Canyon (in realtà tutte ma quelle del Canyon sono speciali poichè in quelle condizioni di luce e di umidità non so come hai fatto, per le immagini sono degne di nationa geographics reportage!!)
    Valentina, super Mamma 🙂

    • Valentina Cappio Rispondi

      30/07/2013 at 10:57

      Vaty, tu sai quanta stima io abbia di te e quanto adori le tue foto. Quindi, le tue parole non possono che emozionarmi profondamente. Grazie cara…

Rispondi a Valentina Cappio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *