I numeri della Valle dei Segni

Questa Valle ha i numeri.

Di solito, “ha i numeri” lo si dice di qualche giovane promessa: ha le potenzialità, deve saperle tirare fuori bene, farle fruttare, farle crescere.

La Valle Camonica non è proprio giovane, no. Ma è – in un certo senso – giovane a una nuova scommessa: quella di diventare destinazione turistica al di là del flusso di studenti delle scuole primarie che ogni anno arrivano in valle per vedere le incisioni rupestri del Parco Nazionale di Naquane. Ma la Valle Camonica non è solo Naquane.

il parco di Bedolina

I numeri ce li ha, dicevamo.

94. È il nome ufficiale della zona: Sito Unesco numero 94. Contraddistingue praticamente l’area di tutta la Valle, che è stata riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco già nel 1979, primo sito in Italia a ricevere questo riconoscimento.

80. I chilometri di lunghezza della Valle Camonica.

Una vista della Valle

Una vista della Valle

180 località e 24 comuni coinvolti.

12mila. Gli anni di storia scritti e raccontati sulle rocce.

67mila. I visitatori che ogni anni arrivano in Valle. Il 70% di questi, però, sono studenti delle scuole primarie.

300mila. Il numero dei segni ritrovati, sparsi in tutta la Valle.

E “segni” è la parola magica: perché la Valle Camonica è la “Valle dei Segni”.

La Rosa Camuna, che è anche il simbolo della Regione Lombardia

La Rosa Camuna, che è anche il simbolo della Regione Lombardia

 Noi di The Family Company abbiamo avuto l’opportunità di visitarla grazie all’evento Multimedia Land 2013, e da oggi e per i prossimi giorni vi porteremo con noi alla scoperta della Valle dei Segni.

 

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

3 Responses to I numeri della Valle dei Segni

  1. Valentina Rispondi

    08/10/2013 at 08:46

    Marta, grazie per questo primo reportage. Mi hai fatto venire voglia di conoscere meglio questa valle. E penso proprio che presto organizzerò una spedizione… family, ovviamente!

  2. martilarossa Rispondi

    08/10/2013 at 11:07

    È da conoscere, ha potenzialità ma anche criticità. Molto da imparare e sviluppare se parliamo di turismo. Stay tuned!

Rispondi a martilarossa Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *