Bergamo con bambini: cosa vedere

Guest post di Roberta, Bergamo Insider che vuole raccontare la sua città con gli occhi di chi la vive da dentro.

Visitare una città d’arte come Bergamo con bambini potrebbe sembrare, se non la si conosce, un’impresa non facile. Con i suoi meravigliosi palazzi ed i suoi tanti musei, si potrebbe facilmente incappare nella convinzione che Bergamo sia una destinazione poco adatta ai  minori di 14 anni e poco capace di accendere nel modo giusto l’interesse dei più piccoli. Fortunatamente la realtà è ben diversa, in quanto questa bella e poco conosciuta città lombarda offre tante attrazioni adatte anche alle famiglie. Ecco quindi qualche spunto per una vacanza che sappia accontentare grandi e piccini!

Bergamo con bambini: i Musei family-friendly

Iniziamo dal Museo di Scienze Naturali Enrico Caffi, che si trova in Cittadella, in Città Alta. Si tratta di un museo dove ogni bambino, anche il più scalmanato, resta ad occhi aperti appena entra. Ad aspettarlo, infatti, c’è la ricostruzione a grandezza naturale di un mammut con il suo piccolo, che mostra fiero tutta la sua imponenza. Nelle altre sale, poi, si trovano animali di ogni specie perfettamente conservati e c’è addirittura lo scheletro di un allosauro, con tanto di spazio attrezzato dove i bambini possono disegnare gli animali e naturalmente i dinosauri. Una tappa imperdibile se si visita Bergamo con bambini.

Bergamo con bambini

Bergamo con bambini. Museo di Scienze Naturali. Credits: Roberta

Sempre restando in Città Alta, in Piazza Vecchia si trova il Museo Interattivo del ‘500, un altro museo capace di incantare. Il percorso parte da Venezia e, dopo avervi accompagnato a Bergamo e aver trasformato la città in una fortezza con la costruzione delle sue mura, vi permette di conoscere i bergamaschi del ‘500, come il libraio, lo speziale o i venditori della fiera di Sant’Alessandro. Un tuffo nel passato che sa coinvolgere e catturare l’attenzione di grandi e piccini.

Bergamo con bambini: il teatro kids

Se poi i vostri bambini amano stare ad occhi aperti ad ascoltare storie, a Bergamo i teatri a loro dedicati non mancano. C’è per esempio il Creberg Teatro, il teatro cittadino che spesso propone musical e spettacoli sulle fiabe più famose. Inoltre, durante tutto l’anno, in città vengono organizzate rassegne ed eventi dedicati ai più piccoli con la collaborazione di attori professionisti.

Bergamo con bambini: i parchi gioco

Dopo la cultura,però, è d’obbligo un po’ di svago! A Bergamo si trovano tantissimi parchi e spazi dove i bambini possono correre e giocare mentre i genitori si rilassano. In Città Alta c’è ad esempio la Fara, un grande prato proprio di fronte all’ex-convento di Sant’Agostino, dove si può fare un pic-nic, sdraiarsi sull’erba e addirittura giocare a pallone – cosa oggigiorno piuttosto rara nei centri città.

In Città Bassa invece il parco cittadino più frequentato è il Parco Suardi, dove si trova uno spazio giochi del tutto restaurato e un chiosco per fare merenda.

Bergamo con bambini

Bergamo con bambini: Parco Suardi. Credits: Roberta

Insomma, visitare Bergamo con bambini potrebbe facilmente diventare sinonomo di vacanze indimenticabili per tutta la famiglia e questo non può che farvi sentire più tranquilli all’idea di partire alla volta di una città d’arte con i più piccoli!

Per altre idee su cosa vedere a Bergamo, date un’occhiata al sito ufficiale del Turismo Bergamasco.

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

4 Responses to Bergamo con bambini: cosa vedere

  1. Lali Rispondi

    13/11/2013 at 23:13

    Meta davvero dietro l’angolo! Da segnare in agenda!!

  2. Daniela Rispondi

    26/06/2014 at 10:39

    Da segnalare anche, a mio avviso, l’esperienza di raggiungere la città alta in funicolare partendo dalla città bassa.
    A dire il vero Bergamo ne ha due di funicolari, perchè c’è anche quella che raggiunge il Colle di San Vigilio. In entrambi i casi, per i bambini, un’esperienza davvero divertente ed indimenticabile. Quando noi andiamo (spesso) è una tappa d’obbligo!

Rispondi a Daniela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *