Istanbul con bambini quarto giorno: Uskudar, il quartiere asiatico

Siamo giunti alla fine di questo nostro spettacolare viaggio ad Istanbul con bambini. Per avere la guida completa, date un’occhiata agli altri articoli pubblicati, dove racconto  – giorno per giorno – cosa vedere, dove dormire e dove mangiare:

Ma ora è proprio arrivato il momento di raccontarvi del nostro quarto giorno in questa splendida città.

Istanbul e il quartiere asiatico di Uskudar

Non volevamo lasciare Istanbul senza cogliere l’occasione di mettere piede in Asia, considerata la sua doppia identità.

La parte asiatica di Istanbul, situata sulla sponda destra del Bosforo, ha diversi quartieri affascinanti che meriterebbero una visita. Purtroppo il tempo a nostra disposizione è poco e scegliamo quindi di visitare il solo quartiere di Üsküdar, il più vicino e veloce da raggiungere da Sultanahmet.

istanbul con bambini

Di primo mattino arriviamo a piedi (il vantaggio di avere un hotel centralissimo!) alla stazione dei traghetti, sul molo di Eminönü vicino al Ponte di Galata, noto anche per la possibilità di assaggiare i famosi panini con il pesce fresco comprati direttamente dalle barche dei pescatori.

Decidiamo di non prendere il traghetto turistico che effettua gite di una giornata sul Bosforo fino al Mar Nero, ma optiamo per un traghetto per pendolari, che serve la tratta Eminönü-Üsküdar. I bambini non stanno nella pelle per l’imminente gita in battello!

istanbul con bambini

Sul traghetto lungo il Bosforo abbiamo la possibilità di scoprire i magnifici palazzi affacciati sul mare, che i sultani succedutisi nei secoli hanno fatto costruire in una sorta di competizione tra loro a chi aveva il palazzo più sfarzoso: il Palazzo Dolmabahçe e il Palazzo Çiragan.

istanbul con bambini

In lontananza il ponte sul Bosforo, che collega Europa ed Asia. Una vera emozione vederselo lì, imponente e fiero.

visitare istanbul

Dopo circa un’ora di viaggio raggiungiamo la nostra meta: Üsküdar.

Incredibile. La nostra prima volta in Asia. Subito notiamo qualche differenza rispetto a quanto visto finora a Istanbul: una maggiore presenza di fedeli nelle moschee e di donne velate e vestite di nero. Del resto questa parte della città è notoriamente più musulmana e conservatrice rispetto ai quartieri occidentali.

istanbul cosa vedere

Iniziamo subito a perlustrare questo piacevole quartiere, non ancora battuto dal turismo di massa e per questo ci sentiamo immersi nella vita locale più autentica. Le strade sono animate di persone e di auto, le moschee piene di fedeli, i mercati all’aperto anche improvvisati sono tantissimi.

istanbul cosa vedere

Visitiamo la moschea Mihrimah Sultan Camii, nota per la bella fontana per le abluzioni. Qui si respira davvero la religiosità musulmuna rispetto alle moschee che abbiamo visitato finora.

Troviamo un bel mercato tipico al coperto. E’ bello passeggiare senza meta nelle stradine del quartiere e lungo l’arteria principale Hakimiyet-i Milliye Caddesi, dove ogni negozio attrae la nostra attenzione .

IMG_0407

Nel pomeriggio riprendiamo il traghetto e torniamo a Sultanahmet.

Effettuamo una piccola deviazione sul percorso verso l’hotel per visitare la Piccola Aya Sofia (KüÇük Aya Sofia Camii), davvero un gioiellino. La moschea, originariamente chiesa cristiana, fu fatta costruire nel 536 da Giustuniano e Teodora, poi trasformata in moschea nel 1500.

istanbul cosa vedere

Sarà che era già buio e l’illuminazione esterna della moschea creava un’atmosfera suggestiva ma l’abbiamo particolarmente apprezzata.

istanbul 9

È ora di preparare le valigie perchè domani ci aspetta il nostro volo per l’Italia. La vacanza è finita ma questa meravigliosa città con la sua magica atmosfera, i suoi straordinari edifici ricchi di storia e soprattutto i suoi cittadini così gentili, accoglienti e sinceramente innamorati dei bambini, rimarrà per sempre nei nostri cuori.

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

One Response to Istanbul con bambini quarto giorno: Uskudar, il quartiere asiatico

  1. alessia Rispondi

    12/09/2014 at 06:21

    adesso la guida è completa! ora possiamo partire! grazie, sono sempre ottimi consigli e belle foto!

Rispondi a alessia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *