10 buoni motivi per andare a Mauritius con i bambini

Lo ammetto. Non sono mai stata attratta dalle isole tropicali. Quelle da cartolina, per intenderci. Con mare verde acqua e spiaggia bianco cipria. Le ho sempre immaginate mete un po’ noiose, senza quel guizzo avventuroso che personalmente cerco sempre in un viaggio. Questo fino a quando io e i bimbi non siamo stati in Madagascar, un paio di mesi fa; a Nosy Be, per la precisione – un’isolotto da cartolina, appunto.

mauritius con bambini

Mare splendido, spiagge paradisiache. Ma anche tanto tanto di più. Un popolo straordinario, un entroterra ricchissimo, un’avventura dopo l’altra da vivere in famiglia. È stato allora che ho capito, ahimè, di essere stata terribilmente prevenuta verso una certa tipologia di vacanza. Ed è stato sempre allora che mi sono perdutamente innamorata dell’Africa.

Anche Maurtius fa parte del territorio africano.

Anche Mauritius è un’isola da cartolina.

Anche Mauritius è un po’ vittima di una certa prevenzione.

Nell’immaginario dei più (e anche della sottoscritta, fino alla settimana scorsa) è la classica meta da viaggio di nozze. Spiaggia, mare, coccole al sole e cocktail all’ombra di una palma. Ecco perchè sono rimasta piacevolmente sorpresa dall’invito dell’Ente Turistico di Mauritius, che ha voluto incontrare un gruppo di mamme blogger per raccontare quest’isola e spiegare perchè è, invece, estremamente family-friendly. Ho raccolto tantissimi spunti durante questo incontro, e oggi li condivido con te riassumendoli nei miei 10 buoni motivi per andare a Mauritius con bambini.

mauritius mare bambini

1. Perché è un’isola sicura e priva di rischi 

Mauritius è un’isola sicura, con un bassissimo tasso di criminalità e la si può tranquillamente visitare da soli noleggiando un’auto o uno scooter.

Cosa ancora più importante, a Mauritius non c’è la malaria e non esistono specifici rischi epidemici (al contrario del Madagascar e di molti altri Paesi africani). Non richiede quindi vaccinazioni o profilassi, anche se – durante la stagione umida (ottobre – maggio), è sempre bene proteggersi dalle zanzare con spray e simili.

Le strutture sanitarie, sia pubbliche che private, sono in genere di livello europeo. Tuttavia – come ho suggerito più volte (vedi qui e qui) – quando si viaggia con bambini, soprattutto a lungo raggio, è sempre consigliabile munirsi preventivamente di una polizza sanitaria con copertura completa, che preveda anche la possibilità di un rimpatrio sanitario.

2. Perché è collegata ottimamente ed è priva di jet lag

Il volo è sicuramente il costo che incide di più in un viaggio del genere. Ma, con qualche piccolo accorgimento (ad esempio prenotando con congruo anticipo), si possono trovare tariffe molto concorrenziali.

La compagnia di bandiera Air Mauritius collega l’isola alle principali città italiane, con voli giornalieri che fanno scalo a Parigi o a Londra. Anche Emirates propone voli giornalieri, ma con scalo a Dubai. Meridiana, invece, propone un volo settimanale diretto, con partenze da Milano o da Roma.

Il viaggio dura circa 11 ore più eventuali scali; per questo motivo, se possibile, è bene optare per un volo notturno, in modo da consentire ai bimbi di riposare e di svegliarsi praticamente a destinazione!

Per quanto riguarda il jet lag, Mauritius si presta particolarmente ad un viaggio con bambini perchè ha un fuso orario minimo rispetto all’Italia: 3 ore in inverno e 2 ore appena in estate.

Inoltre, a partire dal 1° novembre 2012, non è più necessaria la validità residua del passaporto di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. È sufficiente che la scadenza dello stesso sia successiva alla data del ritorno dal viaggio. Per maggiori informazioni sui documenti necessari a viaggiare con i bambini, ti rimando a questo post; per saperne di più, invece, su come richiedere il passaporto ai minori, puoi leggere questo approfondimento.

3. Per le sue spiagge 

L’abbiamo già detto. E forse non c’è nemmeno bisogno di sottolinearlo. Dici Mauritius e ti viene in mente sabbia bianca come il latte e mare turchese e cristallino. Qualcosa di molto simile al paradiso, insomma!

mauritius con bambini

Chilometri e chilometri di spiagge mai affollate, abbracciate – da un lato – dall’Oceano e – dall’altro – dal paesaggio tipico di un’isola vulcanica, con montagne e tanto verde lussureggiante.

Durante l’incontro con l’Ente Turistico, ci è stato raccontato che la costa Nord è quella più sviluppata in termini di strutture e servizi.  Il Sud, invece, è caratterizzato da scogliere a picco sul mare.

mauritius con bambini

La costa ovest, anch’essa ricca di bellissime spiagge ed eleganti resort, offre aree di notevole interesse naturalistico come Bel Ombre.

La costa est, infine, è un susseguirsi infinito di villaggi caratteristici, lagune mozzafiato ed insenature paradisiache. Questa è sicuramente la parte più tranquilla dell’isola e quella che offre alcune tra le più belle spiagge del paese, tra cui Belle Mare. Ad ovest, al largo di Tamarin Bay o Flic en Flac, in direzione della Île aux Benitiers, è possibile avvistare i delfini che raggiungono queste acque per riposare e nutrirsi. 

4. Per il suo clima

Il clima di Mauritius è mite tutto l’anno e presenta due stagioni principali: l’estate che corrisponde più o meno al nostro inverno (va da novembre ad aprile), con temperature medie intorno ai 30°; e l’inverno, che va da maggio a ottobre, con temperature medie intorno ai 25°. La temperatura dell’acqua invece oscilla tra i 22 e i 27 gradi, a seconda della stagione.

Questo significa che Mauritius è una destinazione accessibile in qualunque momento dell’anno; anzi, andarci durante la nostra estate (che per loro rappresenta la “bassa stagione”) può essere particolarmente conveniente per il portafoglio.

5. Per il suo popolo

Non c’è niente da fare. Nel viaggio, come nella vita, la differenza la fanno sempre le persone. La popolazione di Mauritius è famosa in tutto il mondo per il suo calore e un innato senso di ospitalità, forse dovuto al fatto che l’isola è sempre stata un crocevia di tante culture diverse. I Mauriziani, infatti, a causa delle colonizzazioni subite,  sono una mescolanza di razze: europea, africana, indiana, cinese.

mauritius con bambini

Andrzej Kubik / Shutterstock.com

Questo incredibile melting pot ha reso il popolo di Mauritius orgoglioso ma solare, aperto e sempre sorridente. Insomma, una cultura ricca di sfumature, tutte da scoprire.

mauritius pescatore bimbo

6. Per il suo entroterra

No. Mauritius non è solo mare. C’è tantissimo da scoprire e tutto è a misura di bambino. L’entroterra è formato da monti vulcanici, lussureggianti foreste, incantevoli laghetti, imponenti cascate e parchi naturali.

mauritius con bambini

Ecco qualche esempio di escursioni fattibili anche in famiglia (l’elenco ovviamente non vuole per niente essere esaustivo!):

– I giardini botanici di Pomplemousses, con piante rarissime fra cui le gigantesche ninfee Victoria.

mauritius giardini botanici, mauritius con bambini

– Le Terre di Chamarel, famose per le loro striature di 7 colori diversi e nessuno ancora è riuscito a spiegare perchè …

Terre di Chamarel

– Le piantagioni di vaniglia, canna da zucchero e ananas.

mauritius campi di zucchero, mauritius con bambini

– Il parco dei coccodrilli, dove vivono centinaia di coccodrilli di tutte le dimensioni e tartarughe giganti alte più di un metro.

 La strada del Tè: un percorso in mezzo alle piantagioni di tè che parte da Domaine Les Aubineaux, antica casa colonica nei pressi di Curepipe, e termina con la visita alla fabbrica di tè Bois Chéri, con annesso museo, serra di anturi e piantagioni di vaniglia.

mauritius con bambini

– Trou aux Cerfs, ovvero il cratere di un vulcano estinto ubicato al centro di un altopiano e alto 85 metri, che culmina in un lago naturale. Il panorama che si gode dalla cima deve essere semplicemente strepitoso!

Mauritius Trou aux Cerfs

7 . Per i suoi siti Patrimonio Unesco

Sono ben tre i Patrimoni UNESCO riconosciuti all’Isola di Mauritius.

  • Aapravasi Ghat fa parte di un complesso di edifici costruiti nella seconda metà del XIX secolo (ed unico ancora esistente) come centro di raccolta e smistamento degli schiavi provenienti dall’India. È stato inserito nella lista dei Patrimoni Culturali come “luogo in cui ebbe inizio la diaspora della servitù debitoria”. E penso sia davvero un’incredibile lezione di vita da condividere con i bimbi.
  • Le Morne Brabant, un promontorio divenuto celebre nel XIX secolo quando alcuni schiavi fuggiaschi lo utilizzarono come nascondiglio. Si racconta che, a seguito della proclamazione dell’abolizione della schiavitù, alcuni poliziotti si recarono a Le Morne Brabant per informare gli schiavi della loro liberazione. Ma essi ebbero paura e, pensando che fossero venuti lì per ricondurli in schiavitù, decisero di lanciarsi nel vuoto. Era il 1 febbraio 1835. Da quel giorno, ogni anno, i mauriziani celebrano l’abolizione della schiavitù.

mauritius Morne Brabant, mauritius con bambini

  • E infine la Sega, che è diventato da pochissimo Patrimonio Immateriale Unesco. Sega è un ballo che trae origine dalla musica rituale del Madagascar e dell’Africa, accompagnato da voci, strumenti e ritmi coinvolgenti. Originariamente cantata da uomini e donne venduti come schiavi, la Sega è oggi parte integrante del folklore e della cultura mauriziani ed è un’espressione di gioia e vivacità.
bengy / Shutterstock.com

bengy / Shutterstock.com

8. Per la sua cucina

Le diverse culture che l’hanno influenzata fanno di Mauritius una delle località più varie e ricche a livello gastronomico. La cucina mauriziana è un mix sapori indiani, creoli, africani ed europei.

hanmon / Shutterstock.com

hanmon / Shutterstock.com

Il pesce fresco la fa da padrona, naturalmente. Per non parlare della frutta esotica: papaia, ananas, litchi, mango, cocco e tanto altro. Insomma, un viaggio a se stante. Anche perchè un popolo lo si comprende fino in fondo solo esplorando sapori e profumi. Ne sono fortemente convinta!

9. Per le sue strutture family-friendly

Il turismo a Mauritius nasce 30 anni fa come turismo d’elite. Oggi non è più così ovviamente, in quanto è diventata una meta accessibile a tutti. Gli standard qualitativi degli hotel, però, sono rimasti, in media, estremamente elevati. Troverai quindi ottime strutture, adatte ad ogni portafoglio, e la maggior parte con servizi e programmi studiati appositamente per le famiglie con bambini.

resort

Il periodo migliore, da un punto di vista economico, per un viaggio a Mauritius con bambini, è proprio durante la nostra estate. Essendo per loro bassa stagione, la maggior parte delle strutture dell’isola propongono offerte e sconti davvero vantaggiosi. Per le famiglie, ad esempio, i bambini fino a 17 anni soggiornano gratuitamente, se in camera con i genitori.

All’incontro con l’Ente Turistico, hanno partecipato anche alcuni Resort, illustrandoci le loro proposte family. Ecco qualche esempio:

  • Beachcomber Hotels:  propongono vari pacchetti family, gratuità per bambini e ragazzi fino a 17 anni se dormono con i genitori e fino al 50% di sconto se dormono invece in una stanza separata; mini club per bimbi dai 3 ai 12 anni; diverse tipologie di sistemazione: villini, appartamenti e suite con due camere da letto; camere comunicanti.
  • Constance Hotels: diversi programmi di intrattenimento studiati ad hoc per i bambini, attività per tutta la famiglia, Kids Club per bimbi dai 4 agli 11 anni, aree gioco all’aperto, laboratori, zona dedicata alla reception, zona wifi e playstation, piscina formato kids, feste e pigiama party, giocattoli disponibili anche dopo l’orario di chiusura del mini club.
  • Heritage Resorts: Mini club e programma di attività diversificati a seconda dell’età dei bambini; qualche esempio? a caccia di granchi sulla spiaggia, giochi in piscina, escursioni, feste e gare di gruppo. Un occhio di riguardo anche ai piccolissimi, grazie al Baby Club, gratuito, dedicato ai bimbi dai 0 a 2 anni.
  • LUX* Resorts & Hotels: mini club per bambini dai 3 agli 11 anni e Studio1t per i ragazzi dai 12 ai 17 anni; family suite, sport d’acqua, snorkeling, escursioni in barca con fondo di vetro, escursioni in mare per nuotare con i delfini, mountain bikes, playstation e tante altre attività studiate appositamente per i piccoli ospiti.
  • Shanti Maurice: villini con una o due camere da letto, con jacuzzi e giardino privato. Mini Club per bambini dai 3 ai 12 anni, piscina bassa, stanza dei giochi, DVD, playstation e wii, programma di attività settimanale, sport acquatici, escursioni e persino lezioni di yoga per bambini. A tavola, speciali menu kids.
  • Veranda Resorts: mini club per bambini dai 3 agli 11 anni, con piscina baby, laboratori creativi, giochi di gruppo. Baby Sitter disponibile su richiesta e a pagamento.

10. Per il suo nuovo sito dedicato alle vacanze in famiglia

Si chiama www.familyfunadventure.mu ed è un nuovo sito internet, promosso da Mauritius Tourism Promotion Authority, interamente dedicato alle famiglie, con offerte, promozioni ed una guida completa per l’organizzazione delle prossime vacanze estive a Mauritius con i bimbi. Insomma, l’impegno di quest’isola verso il turismo family mi sembra davvero evidente!

sito mauritius

Il sito propone diverse sezioni, per aiutare le famiglie con bambini a programmare un viaggio sull’isola, magari pianificando già da casa le attività da fare con i bimbi: oltre ad hotel, residence e ristoranti, infatti, troverai suggerimenti utili per tour, escursioni, attrazioni, musei e spa.

E tutti gli esercenti che hanno aderito al portale, offrono sconti fino al 30% sulle tariffe dei servizi o promuovendo pacchetti e iniziative speciali dedicati alle famiglie.  Il sito, purtroppo, non è disponibile in italiano, ma solo in inglese e francese.

Per chi, invece, non ama il fai da te e preferisce appoggiarsi ad un tour operator, segnalo Alidays. La loro referente esperta di Mauritius era presente all’incontro con l’Ente Turistico e ci ha mostrato delle meravigliose foto del suo viaggio sull’isola insieme alla figlia di appena due anni. Direi che c’è da fidarsi, no?

***

[Tutte le foto di questo articolo sono state prese da Shutterstock.com]

 

 

 

 

 

 

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

10 Responses to 10 buoni motivi per andare a Mauritius con i bambini

  1. Elena Terenzi Rispondi

    21/07/2015 at 21:05

    Bellissimo post di cui farò certamente tesoro. Anche io avevo sempre evitato isole tropicali per gli stessi motivi poi siamo andati alle Maldive con i bambini in un’isola abitata evitando i resort e é stata un’esperienza meravigliosa. Grazie per i preziosi consigli!

    • Valentina Cappio Rispondi

      22/07/2015 at 05:15

      Elena che bello ricevere altre testimonianze!! Grazie davvero per il tuo commento! Buon viaggio family e… complimenti per i tuoi bellissimi lavori (si ho sbirciato sul tuo sito!).
      Se vuoi raccontare sul blog la tua esperienza alle Maldive con bimbi, sei la benvenuta!!

  2. Patty Rispondi

    22/07/2015 at 17:43

    Ciao, confermo tutto!
    Siamo andati io e mio marito a Mauritius appena conosciuti, 12 anni fa e abbiamo deciso di tornarci quando la nostra bambina aveva 5 anni proprio perchè è un paese che ti fa sentire tranquillo! Abbiamo viaggiato con Meridiana e prenotato 2 strutture al nord, abbiamo girato l’isola in pullman con i locali, mangiato dei noodles buonissimi che ancora ricordiamo, e visitato tutto quanto riportato nell’articolo. Da non dimenticare il Casela nature park, un parco naturale con tanti animali in una natura rigogliosa, dove è possibile fare un minisafari e vedere centinaia di zebre, antilopi, facoceri, scimmie, struzzi..mi sono commossa per tanta bellezza!

    • Valentina Cappio Rispondi

      22/07/2015 at 22:10

      Patty ciao! Che bello leggere il tuo commento! Se hai voglia di raccontare il vostro viaggio sul blog, sei la benvenuta! Un abbraccio!!

  3. Benedetta Rispondi

    14/10/2015 at 10:16

    Ecco, proprio il post che cercavo! Vorrei partire quest’inverno con i miei bimbi di 5 anni e 5 mesi e sono alla ricerca di una meta “tropicale”.

    Complimenti per il blog!

    Benedetta

  4. gisella Rispondi

    11/03/2016 at 14:31

    Ci sono stata con bambina di 4 anni, tutto vero, viaggio indimenticabile

  5. Laura Rispondi

    20/02/2017 at 09:45

    sono molto contenta di leggere questo post (come tutto il tuo blog, cara Valentina complimenti!).. stiamo pianificando questo viaggio per giugno con i nostri due bambini di 4 e 2 anni.. hai ulteriori link dove posso sbirciare per reperire informazioni? grazie ancora e continua così!

  6. stefano Rispondi

    02/07/2017 at 07:03

    Occhio che c’è un link che porta a siti non proprio per bambini.
    Quello subito sotto al titolo del 10 motivo. Suggerisco di cambiarlo/inibirlo.

    • Valentina Cappio Rispondi

      02/10/2017 at 11:08

      Sono pubblicità che purtroppo non riesco a controllare e che derivano dalla navigazione dell’utente, non dal sito.

Rispondi a Patty Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *