Salento con bambini: un weekend alla ricerca del Se

Le persone viaggiano per stupirsi dei mari, dei fiumi e delle stelle; e passano accanto a se stesse senza provare meraviglia

                                                                                                           #salentolistico Sant’Agostino

Ci sono viaggi che segnano irrimediabilmente. Come quello appena fatto in Salento con bambini.

Sono quelli in cui scopri che ti emozionano più le albe dei tramonti. Che ami più le sorprese delle promesse. Che preferisci l’odore del timo a quello del rosmarino. E che il mare d’autunno, baciato dal sole e accarezzato dalla spontaneità dei tuoi figli, è una delle immagini che più ti fanno commuovere al mondo.

salento con bambini

Ci sono viaggi che arrivano inaspettatamente. Inaspettatamente si, ma sempre nel momento giusto.

Sono quei viaggi in cui scopri che tutto è connesso. Tutto torna. Tutto ritorna. Sono quei viaggi che accendono un faro sull’anima. Mentre cammini nella notte che pizzica e aspetti per la prima volta l’alba insieme a tuo figlio di appena sette anni. Un bimbo che, al caldo comfort del letto, preferisce tenerti la mano al buio, sul tetto di una masseria, per provare a “vedere insieme a te, un po’ più in là”.

salento con bambini

Ci sono viaggi che ti riconducono alle cose essenziali della vita. Mentre scivoli felice sulle dune di un piccolo paese salentino. E scopri che tutto, intorno a te, è armonia. I diversi cespugli che trattengono la sabbia per non farla sparire, gli arbusti che difendono il mare, le falesie che raccontano secoli di storia, le conchiglie che ti parlano di venti e di pirati. Ogni cosa ha motivo di essere. Ogni cosa è connessa con l’altra, in un’armonia che commuove.

Si chiama perfezione. Si chiama vita.

salento con bambini

Ci sono viaggi in cui i pensieri volano, inseguendo la luce fluida della campagna al tramonto.

salento con bambini

Una campagna che si fonde con il mare. Il profumo della rucola selvatica si mescola con quello della salsedine. Il rumore delle onde che si infrangono si confonde con il frinire delle cicale. E la sabbia finita per sbaglio tra le pieghe della maglietta diventa tutt’uno con i rami di lentisco, mentre piccole dita li intrecciano con passione inaspettata.

salento con bambini

In fondo, cosa significa viaggiare? Significa sperimentare, scoprirsi. Interagire con spazi, cose e persone per trovare nuovi stimoli.

Si chiama turismo consapevole e noi l’abbiamo scoperto in Salento con bambini.

L’accoglienza di Rainbow Salento, a misura di bambino

L’idea di “turismo consapevole” è alla base di un bellissimo progetto di accoglienza in Puglia – Rainbow Salentoche ho avuto la fortuna di provare personalmente, durante un weekend in Salento con i miei bimbi.

Tutto parte dall’intuizione di una donna davvero fuori dal comune, Alessandra Muzzo De Diego, che ha creato una serie di itinerari olistici e fruibili da parte di tutti, senza limiti di età, esperienza o inclinazione. Un nuovo modo di “viaggiare”, dunque, che vada oltre la semplice visita, ma che diventi un vero e proprio percorso di crescita personale. Si, anche se si viaggia con bambini!

salento con bambini

Perché in Salento? Perché questo territorio, così come tutta la Puglia, è di una bellezza pura e naturale, viva ed umana. Ed è nella bellezza che si trova armonia. Con se stessi e con ciò che ci circonda.

Io so che Google non ama il copia incolla. Ma oggi me ne infischio. Perché la parole di Alessandra, fondatrice di Rainbow Salento, valgono molto più delle mie per spiegarvi cosa c’è dietro al suo progetto. Ascoltate…

La mia visione di turismo nasce dalla comprensione che per essere veramente consapevoli di qualcosa, bisogna Sperimentarla. Non basta essere coscienti, ovvero avere le nozioni di base, ma quelle nozioni vanno sperimentate come idee che si trasformano nella vita attraverso la materia e che ci permettano di realizzare il nostro percorso di Vita. Il nostro Talento.

E quale modo migliore per farlo se non in vacanza?

Nessuno può essere il maestro di nessuno, perché il maestro è in voi, ma vi auguro che vi interroghiate sempre. Vi auguro di passeggiare, di respirare, di guardare il mare, e poi di stupirvi di Voi. Il viaggio aiuta in questo; ognuno parte con una domanda, con un bisogno, cercando nel viaggio un certo tipo di risposta. È sempre stato cosi e lo sarà ancora, perché in verità – in un modo o nell’altro – il viaggio è sempre di trasformazione e di ricerca interiore. Qualcuno sia la scelta del viaggio, dentro o fuori, la storia la scrivete voi. Fatelo in modo consapevole e superate voi stessi.

Visitare il Salento con bambini, appoggiandosi a Rainbow Salento

Tra qualche giorno, ti racconterò nel dettaglio l’itinerario che Rainbow Salento ha creato per me e i miei bimbi, basandosi sui nostri Talenti: abbiamo passeggiato tra trulli, uliveti e rucola selvatica, scivolato su dune, costruito cestini, avvistato delfini ed iniziato un percorso di conoscenza interiore attraverso trattamento olistici.

salento con bambini 8

Nel frattempo, se l’idea incuriosisce anche te, dai un’occhiata al sito di Rainbow Salento – dove troverai diversi pacchetti/percorsi pensati per favorire il contatto di viaggiatori grandi e piccoli con il territorio e con le esperienze locali, ma anche attività di sperimentazione e ricerca interiore: yoga (per adulti e per bambini), massaggi, percorsi di crescita personale.

salento con bambini 2

Oltre ai pacchetti, c’è poi la possibilità di costruire il tuo viaggio personalizzato: sempre sul sito di Rainbow Salento, al link “costruisci la tua vacanza“, puoi scegliere le attività che vorresti svolgere in Salento (con bambini o anche senza, se decidi di concederti un viaggio in coppia o da sola):  si inizia con il selezionare il motivo del viaggio (ad esempio, viaggio in famiglia), poi si sceglie la formula preferita per alloggi e pasti (solo pernottamento, pensione completa, bed&breakfast, struttura luxury, ecc) e infine si passa alle attività che si vogliono provare. La scelta è vasta: massaggi, laboratori per bambini, corsi di cucina pugliese, trekking, ciclo-passeggiate, ascolto dei cavalli, danza dei cinque elementi e tanto altro.

salento con bambini

Vengono proposte esperienze davvero incredibili e il tutto è vissuto in maniera rigorosamente slow. Senza fretta. In perfetta sinergia con i ritmi della natura.

Ad un paio di chilometri dalle strutture scelte da Rainbow Salento, generalmente bellissime masserie nella campagna pugliese, c’è il mare. Bellissimo anche in inverno.

salento con bambini

E, per gli amanti della buona cucina, i dintorni sono ricchi di osterie tipiche. Provatene qualcuna e non dimenticate di ordinare “gli antipasti” (che per me sono un pranzo completo, tanti ne portano a tavola!), le orecchiette alle cime di rapa e le frise – bagnate rigorosamente nell’acqua di mare.

Ci sentiamo fra qualche giorno con il racconto dettagliato del nostro weekend olistico in Salento con bambini. Intanto… grazie di cuore ad Alessandra e a Rainbow Salento.

 

 

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

6 Responses to Salento con bambini: un weekend alla ricerca del Se

  1. Ale Rispondi

    23/10/2015 at 13:18

    Un incanto!! E sono immensamente felice che voi 3 vi siate rigenerati laggiù!! Anche Rospo mi parla sempre del Salento (io lo visitai da bimbetta, ma non ho grossi ricordi)… chissà che diventi una tappa fuori stagione per la primavera!! Bello, bello, bello!!

    • Valentina Cappio Rispondi

      23/10/2015 at 13:23

      Ve lo consiglio fortemente Ale. E andate a trovare Alessandra, non ve ne pentirete!

  2. Chiara Rispondi

    26/10/2015 at 09:29

    Sono curiosissima! La Puglia per noi è tappa annuale quasi obbligata perché da lì viene mia suocera e i parenti “diggiù” ci aspettano sempre a braccia aperte in agosto, ma il Salento l’abbiamo visitato solo una volta e prima o poi ci torneremo con i bimbi.
    Aspetto impaziente il tuo racconto perché una versione slow mi ispira tantissimo! Per non parlare dei delfini!
    E che foto splendide… 🙂

    • Valentina Cappio Rispondi

      26/10/2015 at 17:32

      Chiara grazie di cuore. Sai, quando i luoghi sono belli… non è difficile fare foto belle.
      Arrivo con il post. Un abbraccio forte!

  3. Ti ho seguita sui social e mi hai emozionata tantissimo con le foto di questi posti fantastici, ed ora lo hai fatto ancora di più con questo diario di viaggio 🙂
    La foto dei bimbi che rotolano sulla spiaggia e quella dei delfini sono le mie preferite 🙂

    • Valentina Cappio Rispondi

      26/10/2015 at 19:51

      Pam, che bello questo tuo commento… Grazie di cuore. Un abbraccio forte!

Rispondi a Chiara Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *