Il Museo dei Treni, una delle attrazioni più amate di Odense

Un viaggio nella storia. Dei treni, dei viaggiatori, del personale ferroviario. Tutto questo (e ancora di più) si sperimenta al Danish Railway Museum, ovvero il Museo Ferroviario Danese di Odense, una delle attrazioni più amate della famosa cittadina danese. Un vero paradiso per gli appassionati di locomotive. Ed un must se si visita Odense con i bambini.

Foto Roberto Savioli

Foto Roberto Savioli

Diecimila metri quadrati per ripercorrere, in maniera divertente, gli oltre 150 anni della storia dei treni e dei traghetti, dal 1844 ad oggi: modellini, vagoni ferroviari, locomotive e carrozze, un grande plastico e l’immancabile parco giochi esterno. Ma, essendo l’esposizione quasi tutta al coperto, la si può visitare anche in caso di pioggia.

Il Museo si trova dietro la moderna stazione centrale di Odense e quindi a poca distanza dal centro cittadino. La collezione di locomotive storiche cominciò prima del 1900 e poco alla volta è andata arricchendosi di pezzi importanti. I primi treni vennero sistemati nell’edificio principale a partire dal 1954.

Foto Robnerto Savioli

Foto Robnerto Savioli

Appena si entra, si ha subito modo di vedere il salone principale dove spiccano i modelli di treni più importanti e preziosi: una visuale incredibile e affascinante. Nostro figlio si è subito messo a correre di banchina in banchina, salendo all’interno dei vagoni, salutando noi e tutti i visitatori che, pazienti, gli sorridevano divertiti. Altri bambini lo hanno presto imitato e la sala si è riempita di vocine squillanti.

Foto Roberto Savioli

Foto Roberto Savioli

In pratica, si ha l’impressione di essere all’interno di un’enorme stazione dove sono in sosta modelli di locomotive di varie generazioni. Da quelle a vapore sino ai modelli più recenti. Ovunque vi sono poi manichini che rappresentano il personale di terra e di bordo: dai facchini ai controllori, dai macchinisti agli addetti al controllo dei binari.

Esemplari giganteschi e imponenti da “toccare con mano”; ingranaggi da osservare nei minimi dettagli, sedili imbottiti di prima classe dove sedere comodamente.

Il Blue Wagon-Lits. Foto Roberto Savioli

Il Blue Wagon-Lits. Foto Roberto Savioli

Tra i modelli meglio rappresentati c’è il Blue Wagon-Lits, una specie di hotel di lusso su rotaia che ospitava i passeggeri più ricchi. Vi sono decine di vagoni e anche decine e decine di modellini in miniatura da ammirare nelle vetrine e con cui anche giocare.

Molto particolare anche la carrozza reale utilizzata dai re danesi, con famiglia al seguito negli spostamenti ufficiali.

Foto Roberto Savioli

Foto Roberto Savioli

Al primo piano del Museo, per i bambini, è stata poi realizzata una mini stazione dove possono giocare a fare i bigliettai emettendo e vendendo biglietti, ma anche guidare un treno e imparare come funzionano i sistemi di sicurezza per evitare incidenti.

Foto Roberto Savioli

Foto Roberto Savioli

Nostro figlio è rimasto particolarmente colpito nel vedere anche un’auto con ruote in ferro per viaggiare su rotaia. Molto ben realizzata anche la parte esterna con diversi modelli di treni più recenti.

Foto Roberto Savioli

Foto Roberto Savioli

Di solito è in funzione anche un mini trenino dove i bambini possono salire e fare un giro guidato, ma quando ci siamo stati era guasto e quindi ci siamo accontentati di vedere le fotografie.

Infine, per i più grandicelli vi è una fornitissima sezione, il Knowledge Center (Il Centro della Conoscenza) con volumi sulla storia dei treni e dello sviluppo delle ferrovie in Danimarca. Oltre a una bellissima collezione di fotografie d’epoca con più di duemila immagini.

Un’altra tappa imperdibile se si visita la Danimarca, e Odense, con i bambini.

 

 

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

3 Responses to Il Museo dei Treni, una delle attrazioni più amate di Odense

  1. Tiziana Rispondi

    24/09/2016 at 12:59

    quali compagnie vanno a odense e hanno prezzi bassi? A me come aeroporti di partenza interessano Pisa, Fiumicino e Firenze

    • Valentina Cappio Rispondi

      01/10/2016 at 07:18

      Ciao Tiziana, Odense ha un piccolissimo aeroporto con pochi collegamenti internazionali. Ti consiglio di volare su Copenhagen e poi raggiungere Odense o con treno o con auto a noleggio.

  2. Valerio Rispondi

    01/10/2016 at 10:30

    Ciao Tiziana, confermo quanto detto da Valentina. Io sono partito con la mia famiglia (6 persone) da Fiumicino con la Norwegian per atterrare a Copenhagen. Ho speso circa € 78,00 a persona. In Italia, ho prenotato l’auto a noleggio (https://www.tinoleggio.it/Danimarca/Hovedstaden/noleggio-auto-Copenhagen%20Aeroporto%20Kastrup%20(CPH).html) e in poco meno di due ore ho raggiunto Odense. Che dire il Museo dei Treni, ha fatto emozionare i miei 3 bambini che mai avevano avuto modo di ammirarli così bene da vicino.

Rispondi a Valentina Cappio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *