Il latte di mamma non si scorda mai! L’importanza di allattare al seno.

 Il latte di mamma non si scorda mai! E’ lo slogan della recente campagna del Ministero della Salute a favore dell’allattamento al seno.

Allattare al seno è il modo più naturale di nutrire il proprio bambino  ed il latte materno è certamente l’alimento più adatto per il cucciolo d’uomo. Ma allattare è anche un’esperienza emozionale unica, una possibilità che la natura ha messo a disposizione di tutte le mamme e di tutte le donne che partoriscono.

I vantaggi dell’allattamento al seno sono molti: è un alimento vivo che si modifica adattandosi alle esigenze del bambino durante la crescita, fornisce al piccolo anticorpi che lo aiutano a difendersi dalle infezioni, aiuta il bambino modulando gli effetti di agenti sensibilizzanti sul sistema immunitario, è sempre pronto, caldo al punto giusto, facilmente digeribile, pratico e disponibile in qualunque momento, nella quantità giusta. Ed è economico!

Allattare al seno, inoltre, favorisce la relazione tra mamma e bambino dando continuità all’esperienza di unione propria della gravidanza, ed aiuta il bambino a calmarsi se è nervoso o piange.

Le ostetriche suggeriscono che è molto importante attaccare il bambino al proprio seno entro le prime due ore dalla nascita o comunque al più presto possibile, nel rispetto dei tempi e della disponibilità della madre e del neonato. La suzione precoce faciliterà l’avvio dell’allattamento: nel seno della mamma che ha partorito c’è colostro, un alimento unico ed insostituibile per valore nutritivo e perché contenente gli anticorpi della mamma che difendono il neonato dalle infezioni.

Spesso il ritorno a casa coincide con l’arrivo della montata lattea che a volte può comportare disagio, ci si trova a tu per tu con il bambino e con i primi dubbi, le ansie ed i piccoli problemi. Se ne sentite il bisogno, quindi, non esitate a rivolgervi alle strutture che nel vostro territorio prevedono servizi di sostegno all’allattamento al seno, o ad associazioni e consulenti in grado di ascoltarvi ed aiutarvi in questi primi momenti e nel tempo. Se vi è possibile partecipate a incontri sul tema: potersi confrontare con altre mamme e sostenersi a vicenda è importante.  Serve a rassicurarsi e ad affrontare con maggiore serenità un momento così bello ma così impegnativo come i primi mesi di vita del vostro bambino.

Preziosi consigli ed informazioni possono anche essere reperite dalle tantissime associazioni che si occupano di allattamento al seno a livello nazionale; eccone qualcuna: MAMI, La Leche League Italia, La Leche League International.

Inoltre, sul sito nazionale  www.aiblud.org,  potete trovare l’ elenco delle Banche del latte umano operanti sul territorio italiano. Il sito mette a disposizione anche una pagina con indicazioni per donatrici. Donare il latte non richiede un impegno particolare e non comporta alcun costo, è sufficiente estrarne una quantità anche modesta con un tiralatte e conservarlo nel congelatore. E’ possibile raccogliere il latte materno e donarlo ai  bimbi nati prematuri e a tutti quelli che per gravi problematiche non tollerano altri tipi di latte. Per fare questo è necessario sottoporsi ad un normale controllo che consiste in un prelievo del sangue per escludere eventuali malattie (es. epatite, HIV, etc.).

Infine, da vedere il video “Latte a km zero…”, un bellissimo filmato che ci mostra come allattare bene al seno!

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=k8HJqg00Uyo]

Io ho allattato entrambi i miei bambini e posso assicurare che è una delle esperienze più belle della vita di una mamma. Allattare al seno è uno scambio di messaggi, di emozioni e di amore. Se potete, non privatevene.

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *