Repubblica Dominicana con i bambini: Punta Cana

Mare blu (o verde), acque cristalline, spiagge bianche sterminate punteggiate di palme. Ma anche parchi nazionali, pitture rupestri, grotte, ruscelli dalle acque limpidissime. Senza dimenticare la musica, il sorriso e la gentilezza della gente. Questa è la Repubblica Dominicana con bambini.

spiaggia barcelo 1

La Repubblica Dominicana, nel cuore dei Caraibi, è una meta unica e sicura. Ideale per le famiglie. Sia per chi vuole passare una settimana (o più) all’insegna del mare in un resort all inclusive, sia per chi, più avventuroso, vuole scoprirne aspetti meno noti e decide di girarla in auto facendo capo a strutture più piccole. In sette giorni di viaggio insieme a nostro figlio, ne abbiamo visitata una parte e ne siamo rimasti piacevolmente sorpresi. Le nostre destinazioni? Volo aereo su Santo Domingo, la capitale, minibus fino a Punta Cana, nella parte Sud Est affacciata sul Mar dei Caraibi. Quindi ancora via terra verso l’Oceano Atlantico e la baia di Samanà.

Un itinerario che vi raccontiamo in quattro puntate.

repubblica dominicana con bambini

Repubblica Dominicana con bambini: Punta Cana

La prima puntata di questo racconto riguarda appunto Punta Cana, Cap Cana e la zona del Bavaro. Qui si concentrano centinaia di resort tutti affacciati, uno accanto all’altro, sul Mar dei Caraibi. E che mare! Spiagge di sabbia all’infinito, acqua piacevolmente calda, sole caliente: una goduria davvero. La formula all inclusive proposta da buona parte delle strutture è l’ideale. Braccialetto di riconoscimento al polso si mangia, si beve, si accede alle piscine, ai bar, alle discoteche senza alcuna spesa in più. Noi abbiamo soggiornato al Memories Splash di Punta Cana  e ci siamo trovati molto bene. Il buffet, a cominciare dalla colazione e proseguendo con pranzo e cene, è spettacolare. C’è di tutto e di buona qualità. Difficile alzarsi da tavola insoddisfatti. Il Memories è poi un vero paradiso per i bambini. A parte la spiaggia, ci sono le tre piscine e, soprattutto, il parco acquatico con scivoli mozzafiato, toboga aperti e coperti, una vasca con le onde artificiali (foto sopra).

repubblica dominicana con bambini

Insomma, divertimento allo stato puro anche per gli adulti a dire il vero. E poi attività sulla spiaggia, giochi e intrattenimenti durante il giorno e anche alla sera. Per la gioia dei piccini vi sono poi papere, pavoni e altre uccelli residenti che si fanno fotografare come modelli in cambio di un pezzetto di pane. Da veri curiosi abbiamo anche voluto visitare due strutture family friendly vicine a noi: il Sirenis  e il Barcelò Bavaro Deluxe Family Resort.

Che dire? Il Sirenis ha il più grande parco acquatico di Punta Cana (foto sopra): un “mondo acquatico” aperto anche a chi non soggiorna presso l’hotel (distante dalla spiaggia l’unica pecca) con la formula “tutto compreso: attrazioni, cibo e bibite”. Insomma si passa un’intera giornata passando dall’Aquatubes al Tobosplash, dall’Aquaracer alla Piscina dei pirati.

v

Il Barcelò Bavaro Deluxe Family Resort (foto sopra) vanta un ambiente raffinato dove tutto è curato nei dettagli. I ragazzi hanno una discoteca riservata (niente alcolici naturalmente), una piscina con scivoli e una galera pirata dove fare arrembaggi in acqua. Ben organizzato il miniclub, ma troppi videogiochi per i nostri gusti. Durante il soggiorno abbiamo poi fatto quattro escursioni mirate: Dolphin Discovery di Punta Cana, Bavaro Adventure Park, Scape Park a Cap Cana e Carribbean Pirates. Ve li raccontiamo nel prossimo post.

repubblica dominicana con bambini

Informazioni pratiche Repubblica Dominicana con bambini

L’Ente del Turismo della Repubblica Dominicana ha sede a Milano ed è in grado di dare tutte le informazioni per mettere a punto una vacanza a seconda delle proprie esigenze. Vi sono voli charter dall’Italia oppure voli di linea con uno o più scali. Per entrare nel Paese non occorre un visto. All’arrivo viene rilasciata una carta turistica pagando 10 dollari. Non sono necessarie vaccinazioni di alcun tipo.

La lingua ufficiale è lo spagnolo, ma nelle principali strutture parlano l’inglese e in alcuni resort anche l’italiano. La guida è a destra come in Italia e il sistema utilizzato per pesi e misure è quello metrico decimale. I soldi possono essere cambiati in albergo che in genere non fa pagare commissioni come in banca.

La Repubblica Dominica è una meta sicura. Donne e bambini possono viaggiare da soli ovunque.

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *