Vostro figlio urla come un matto? Parola d’ordine “Non cedere!”

Sono convinta che sia una scena nota a tutti voi, miei cari genitori e compagni di sventura… State facendo la spesa con i vostri bimbi, tutto sembra tranquillo…  ed ecco che, improvvisamente, vostro figlio irrompe con la domanda più temuta di tutte:  “Mamma mi compri questo?!”.  Dopo i primi vostri “NO” e le prime più o meno educate proteste della piccola peste,  scoppia inesorabilmente la tempesta: capricci, urla, pianti, a volte anche calci e pugni… E mentre voi provate stoicamente a non cedere, la gente intorno vi guarda con aria di disapprovazione, scuotendo la testa e commentando fra i denti…

urla bambini

Eh si, la baby crisi isterica può avvenire ovunque ed in qualsiasi momento: a casa, per strada, al ristorante, al parco giochi, al supermercato… E la storia è sempre la stessa, il piccolo tiranno si dimena ed il povero genitore prova maldestramente a gestire sia il figlio che il proprio imbarazzo… E’ successo anche a voi, vero?! Bé, sappiate che fa tutto parte del copione: il bambino sta tentando semplicemente e con tutte le armi che ha a disposizione di ottenere ciò che vuole.  E sa bene che snervare mamma e papà è la strada più facile per ottenere successo… Il punto è che, se mamma e papà cedono, è la fine. Il piccolo tiranno li avrà in pugno per sempre. A dirlo è il pediatra Italo Farnetani, docente dell’Università di Milano-Bicocca.

Per fortuna, ci sono due magre (molto magre) consolazioni:
1) la prima è che, a parere di Farnetani, “sono bimbi molto intelligenti quelli che cercano di imporre la propria volontà prima dei 2 anni. Ecco che la casa, e soprattutto le uscite in pubblico, possono diventare teatro di una lotta di potere che vede soccombere i genitori permissivi, ma non quelli protettivi e autorevoli”, assicura l’esperto.
2) la seconda è che non siamo da soli…  In Italia, già ad un solo anno di vita, 30.000 bimbi sono talmente intelligenti da cercare di imporre la propria volontà a suon di pianti e urla. La piccola folla urlatrice si espande a dismisura raggiungendo quota 150.000 bambini, non appena si taglia il fatidico traguardo degli ormai noti ‘ terribili 2 anni’ (una fase in cui anche il bimbo più angelico mostra continui ed esasperanti atteggiamenti di ribellione). Come si dice, mal comune, mezzo gaudio…

In realtà, con queste richieste ostinate ed insistenti, i bambini ci comunicano il bisogno di ricercare un limite che solo noi, in quanto adulti e genitori, siamo in grado di fornirgli, grazie a un sistema di regole e di divieti ben precisi e circostanziati. Non porre dei limiti e dei confini ai nostri figli significa abituarli a vivere in un mondo privo di regole e, quindi, privo di punti di riferimento.

Come comportarsi dunque? Di fronte all’atteggiamento troppo lassista di alcuni genitori, incapaci di porre dei limiti, si contrappone l’atteggiamento di altri indubbiamente troppo rigidi e intransigenti. Se è bene ricordare che nessun estremo garantisce una crescita equilibrata, è altrettanto importante sottolineare che la politica del “lasciar correre e del lasciar fare” non è un segno di amore per i nostri figli. Anche se con un tale atteggiamento siamo convinti di rispettare la loro libertà e la loro autonomia, di fatto rischiamo di trasmettergli un segnale di indifferenza.  Vale la pena allora riflettere ricordando che l’amore non è sufficiente per educare un figlio. E’ fondamentale partire proprio dal nostro amore per evolvere verso una genitorialità più matura ed autorevole. E’ l’unico modo per dare ai nostri figli gli strumenti necessari per crescere e ad affrontare il mondo, anche senza di noi.

Ecco, allora, 10 piccole regole per gestire i nostri baby-urlatori senza soccombere:

1) Chiarire in modo inequivocabile cosa è concesso e cosa non lo è.  “E’ fondamentale mettere dei paletti”, dice Farnetani.

2) Mostrarsi irremovibili sulle decisioni condivise: “Il piccolo ‘annusa’ la parte debole della coppia”.

3) Non alterare il proprio comportamento in seguito agli strilli, altrimenti si rischia di perdere “non una battaglia, ma la guerra”.

4) Non far capire che pianto e urla ci mettono in imbarazzo in pubblico: il piccolo li riserverà alle uscite per ottenere quello che vuole. “Meglio ignorare gli strepiti, parlare al bimbo con voce calma e tranquilla mostrandosi indifferenti. Se imbarazzati dagli sguardi altrui, meglio spiegare che si tratta solo di un capriccio piuttosto che cedere per farlo stare buono”.

5) Cercare di rispettare il più possibile gli orari del bimbo, in particolare quelli della pappa e del sonno. In questo modo sarà più tranquillo e meno irritabile.

6) Se a un anno vuole mangiare insieme agli adulti, è bene assecondarlo. Certo non potrà consumare le stesse cose, ma assaggiare e guardare come si comportano i grandi può essere utile. Insomma, se fa i capricci per mangiare con mamma e papà, “si può tranquillamente concedere un posto a tavola”.

7) Quando si mette a strillare è bene che tutti, “genitori, nonni e tata, abbiano lo stesso atteggiamento. E non facciamoci ingannare da pseudo-credenze come quella secondo cui i maschi non vanno fatti piangere, sennò gli esce l’ernia”, dice Farnetani.

8 ) Non forzarlo ad andare a letto troppo presto o quando c’è troppa luce. “Meglio portarlo a nanna quando ha sonno, così dormire da solo nel lettino sarà’ più’ facile”, assicura.

9) Non imporgli tutto, ma solo le cose fondamentali. “Insomma, è giusto concedere qualcosa al piccolo urlatore, ma e’ vietato farlo quando strilla: deve imparare a chiedere, specie se è già grandicello”.

10) Non reagire mai con rabbia o frustrazione, ma mostrarsi calmi e imperturbabili. Questo, assicura il pediatra, disinnescherà l’arma ‘sonora’.

E se avete avuto la pazienza e la voglia di arrivare fino in fondo a questo post, vi premio con un’undicesima chicca… la strategia della sgridata di 1 minuto!

Questa strategia è stata studiata da un gruppo di psichiatri americani: una sgridata da 1 minuto significa che deve essere breve per essere ascoltata e compresa dal bambino, facendogli capire l’importanza dell’errore che ha commesso, ma al contempo trasmettendogli un messaggio di affetto, che lo rassicuri del nostro amore. Allontanatevi quindi col bambino dal luogo in cui ha commesso il fattaccio o il capriccio. Prendete in braccio vostro figlio e durante i primi 30 secondi esprimetegli tutta la vostra preoccupazione o la vostra irritazione (è importante che esterniate le sensazioni che state provando, in questo modo scaricherete l’eventuale tensione accumulata). In un secondo momento spiegategli le ragioni per cui è stato sgridato, facendogli capire quale regola è stata infranta. Quando il bambino mostrerà una reazione, cambiate il tono di voce e, con atteggiamento rassicurante, ditegli che in ogni caso lo amate e che lo sapete capace di comportarsi bene. Alla fine di tutto, un abbraccio.

In bocca al lupo!!  E fatemi sapere se funziona!
Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

5 Responses to Vostro figlio urla come un matto? Parola d’ordine “Non cedere!”

  1. giannigirotto Rispondi

    08/02/2012 at 15:07

    In tema invito sinceramente tutti a leggere due libri fondamentali per l’educazione dei figli, e che potete leggere gratis su http://giannigirotto.wordpress.com/indispensabili/libri/
    Si tratta di “Genitori Efficaci” e “Il segreto dei bambini felici”, entrambi basati sul puro buon senso e che non fanno discorso complicati o astrusi, e che non richiedono nessun tipo di preparazione specifica, solo un po’ di buona volontà nel mettere in pratica anzitutto su noi genitori stessi quanto suggerito…

    • The Family Company Rispondi

      08/02/2012 at 19:30

      Grazie mille per la segnalazione Gianni. Visiterò il tuo blog con interesse. A prestissimo!

  2. no figli Rispondi

    12/07/2013 at 22:30

    NON FATE FIGLI PER CARITA’ … FATELI SOLO SE VOLETE VIVERE DISPERATI

    • Valentina Cappio Rispondi

      15/07/2013 at 07:07

      Oh mamma! Che tristezza. Mi dispiace per te cara o caro, ma io ne ho fatti due e ne sono super felice.

  3. adriano chinese Rispondi

    28/08/2014 at 16:17

    io posso capire da padre normale e figli normali.ma da genitori invalidi nati con problemi fisici e fortunati nel concepire il primo figlio maschio normale al 95 per100 il secondo al 70 per 100 il terzo con problemi isterici urlatore per 24 0re al giorno e notte.che i due fratelli sono privi di toccarlo o giocarci.che urla come un tenore senza motivo come lo stessero uccidendo.io che abito al terzo piano sia in estate che d inverno non da tregua sia piano terra che al quarto piano. e il bambino ha superato i due anno anni da molto tempo.i nostri parenti e amici non ci fanno più visita e mia figlia non ha più la pazienza di vivere e studiare per gli urli inutili contro la nonna i genitori e fratelli e parenti che non lo portano con piacere fuori casa o al mare in vacanza .e preferiscono portare i fratelli più grandi che uno e stato operato al cervello per tumore urgentemente e ragiona e calmo.il fratello grande da piccolo ha avuto problemi d udito e guarito.ma la madre nata con la colonna vertebrale curva e li marito e ritardato motorio e vocale lato destro del cervello.come puo una famiglia da soli affrontare tutti i giorni la nonna anziana .la moglie scartellata che dio offre maschi ogni tre anni il padre invalido he non lavora e credo che vivano con asistenza sociale e pensioni. il problema e per noi vicini che per la crisi vorrei vendere la casa per cabiare zona e vita sociale.e la casa si svaluta perché tutti vendono per cambiare e non investono per migliorare il condominio. come risolvere il problema consulto famigliare del comune. il comune non ha la forza di garantire l acqua potabile al secondo piano e il condominio non spende per l autoclava pressione acqua piani alti.i pediatri parlano bene che sono figli inteligenti che urlano ma noi genitori per quanti anni possiamo vivere tranquilli e sopportare lo stato normale di tasse vicini invalidi stranieri giovani che in nero con guerre e padroni speculatori ci preparano un futuro di medio evo per ricchi super protteti e poveri esauriti di forze e difese sociali da privatizazione di classi sociali ricchi o poveri ce in pochi anni saremo le colonie asiatiche mussulmani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *