Una sbirciatina ad uno dei villaggi “più lunghi” del mondo


Solo 58 caratteri: Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch. Ecco il villaggio con il nome più lungo della Gran Bretagna ed il terzo più lungo del mondo. No, non è uno scherzo! E nemmeno uno scioglilingua! Esiste davvero e si trova sull’isola di Anglesey, nel nord-ovest del Galles. Il suo nome, in gallese, significa: “Chiesa di Santa Maria nella valletta del nocciolo bianco, vicino alle rapide e alla chiesa di San Tysilio nei pressi della caverna rossa”. Non male, eh?

In realtà, in orgine il villaggio si chiamava Pwllgwyngyll Llanfair, un nome decisamente più corto e più facilmente pronunciabile! Ma nel 1860, per attrarre più turisti e per il prestigio di avere “la stazione ferroviaria con il nome più lungo della Gran Bretagna”, il consiglio cittadino decise di trasformarlo in nientepopodimeno che…

Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch!

E la strategia ha decisamente funzionato, perché oggi questa località è una popolare destinazione turistica e tantissime persone si fermano alla stazione ferroviaria solo per scattare una foto al cartello che riporta il nome impronunciabile! Ma il nome di questo paesino gallese non è di certo l’unico motivo per farci una capatina. Intanto, il villaggio si trova nell’isola di Anglesey, che – si narra – non è altro che la mitica Avalon, un nome noto nella mitologia del Graal.

Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch o anche Pwllgwyngyll Llanfair, giusto per non complicarci troppo la vita, è una meta pittoresca e accogliente, ideale destinazione per famiglie, in quanto è tranquilla ma non troppo… Ed è a breve distanza dalle principali attrazioni, bellissime peraltro, del Galles del Nord.

Ma vediamo, prima di tutto, le cose da non perdere nel centro cittadino: 

1) La stazione ferroviaria, (ovviamente!), che è stata costruita nel lontano 1845, chiusa nel 1966 a causa di un incendio che distrusse il Britannia Brige e riaperta poi nel 1973.  Restaurata alla perfezione, oggi assume le sembianze che aveva nel suo periodo di massimo splendore vittoriano. Una foto qui è d’obbligo!


2) The Marquess of Anglesey’s Columnleggermente in periferia, questo monumento alto 27 metri svetta sulla campagna di Anglesey. Fu eretto in onore del marchese Henry Paget, che perse una gamba nella battaglia di Waterloo. Il monumento è situato su una collina, su cui vi consiglio di salire, se non siete troppo stanchi. Solo 115 gradini vi separano da panorami mozzafiato: il mare, le campagna di Anglesey e lo Snowdonia National Park.

3) La Chiesa di St Mary, da cui deriva, in parte, il nome del villaggio e che si trova a breve distanza dalla Colonna del Marchese di Anglesey. La Chiesa di St Tysilio invece, costruita nel 15 ° secolo, si trova sull’isola di Church, nello stretto di Menai, appena al largo della costa di Anglesey. Nessuno oggi sa dove si trovi la grotta rossa, mentre i noccioli bianchi della Chiesa di St Mary sono da tempo stati sostituiti da alberi di quercia e olmi.
4) The Toll House:questo edificio ottagonale, è uno dei tre caselli ancora intatti lungo la A5 tra Llanfairpwll e Holyhead. All’esterno del palazzo è possibile osservare la tabella originale dei pedaggi pubblici, che furono applicati per l’ultima volta nel lontano 1895.
5) Nelle vicinanze, c’è l’Aquario di Anglesey, la Casa delle Farfalle (nel villaggio di Menai Bridge) e l’Anglesey Model Village, una serie di miniature delle principali attrazioni storiche di Anglesey, da scoprire quasi magicamente seguendo i sentieri che si snodano all’interno di magnifici giardini. Per maggiori informazioni, potete visitare il sito del villaggio.

Dove dormire e dove mangiare: sempre sul sito del villaggio, troverete diversi indirizzi – suddivisi per categoria: Alberghi (Hotels), Appartamenti (Self-Catered); Bed&Breakfast e Ristoranti (Places to Eat).

Bene, appuntamento al prossimo post, per esplorare le meraviglie di Anglesey… Seguiteci, mi raccomando!

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.