Dormire con bambini low cost: ostelli per famiglie

Avete mai pensato ad un ostello, per le vostre prossime vacanze con bambini al seguito? Spesso, nell’immaginario collettivo, ci si immagina l’ostello come luogo di ritrovo per giovani con zaino in spalla, bottiglia di birra in mano e chitarra da strimpellare a tutte le ore.

In realtà, negli ultimi anni, molti ostelli si sono attrezzati per fornire ospitalità su misura anche alle famiglie con bambini, mettendo a disposizione stanze spaziose, dotate di bagno privato e, spesso, anche di un angolo cottura equipaggiato di tutto punto. Sono i Family hostels, ossia ostelli che offrono servizi pensati appositamente per venire incontro alle esigenze di chi viaggia in famiglia:

  • Per prima cosa è possibile prenotare stanze per famiglie con letti a castello per i bambini, letto matrimoniale per i genitori e all’occorrenza anche culle da campeggio, per i più piccoli.
  • Le stanze per famiglie hanno bagni con doccia en suite.
  • I Family Hostels mettono a disposizione spaziose sale da pranzo ed una cucina comune, dove poter preparare i pasti autonomamente.
  • Generalmente, gli orari della sveglia e conseguentemente quelli per andare a letto sono pensati su misura per famiglie. Non c’è rischio dunque di dover sentire fino a notte fonda musica e schiamazzi.
  • Molte di queste strutture offrono addirittura un servizio di baby sitter, e la maggior parte di esse mettono a disposizione dei propri ospiti una sala giochi, oltre ad organizzare attività ed escursioni per tutte le età.
Come trovare un ostello per famiglie? Ecco qualche sito utile alla ricerca e anche all’eventuale prenotazione:
  • Hostelsbookers: uno dei principali portali di ricerca e prenotazione ostelli in tutto il mondo, ha stilato una lista di 10 family hostels nelle principali capitali europee. E’ possibile prenotare direttamente dal sito, senza pagare nessuna commissione.
  • Anche il sito Hostelworlds offre una sezione dedicata agli ostelli per famiglie in Europa e Oceania. Per cercare family hostels in città diverse da quelle presentate nella sezione apposita, basta scegliere l’opzione “family rooms” nei criteri di ricerca avanzati: in homepage, inserite la città dove intendete soggiornare, il periodo ed il numero totale di persone; cliccate su “Search”; si aprirà una pagina con le strutture presenti nella città desiderata e, sulla sinistra, una serie di criteri di ricerca avanzati. Aprite il menu a tendina “Room Type” e selezionate l’opzione “Family Room”; cliccate infine su “Reset Filters”. In questo modo, il portale filtrerà le strutture che offrono camere (e si spera servizi) adatti alle famiglie con bambini.
  • Un altro portale utile è hostels.com. Anche qui troverete una sezione dedicata agli ostelli per famiglie, situati in varie destinazioni, anche insolite – come Bejing in Cina e Rotoura, Nuova Zelanda. Per ostelli in città diverse da quelle indicate nella lista, bisogna fare una normale ricerca in homepage, inserendo città, periodo e numero di persone. Non esistono altri criteri di ricerca, per cui tocca cliccare su ciascun ostello, per leggerne descrizione e dettagli. Scomodo, ma tant’è…
  • Ancora, c’è hostelsclub.com: dall‘homepage è possibile selezione città, numero di persone, tipo di stanza (camerata o stanza privata), e servizi extra come bagno in camera, presenza della cucina, aria condizionata e così via. I risultati vengono posizionati su una mappa e si può restringere la ricerca solamente a strutture vicine ad un dato luogo (es. ostello entro 2 km dalla Torre Eiffel).
  • Altri siti utili: Aighostels.com, il sito dell’Associazione Italiana Ostelli della Gioventù dove troverete indirizzi e mappe di oltre 5.000 ostelli sparsi in Italia e nel mondo, con tutte le indicazioni utili su prezzi e prenotazioni; auberges-de-jeunesse.com per la Francia (in lingua inglese e francese), yha.org.uk per la Gran Bretagna; stayokay.com per l’Olanda e reaj.com per la Spagna.
  • Infine, offline, vi consiglio una guida imperdibile che si chiama “Hostels France & Italy: The Only Comprehensive, Unofficial, Opinionated Guide“, di Paul Karr and Martha Coombs, purtroppo solo in lingua inglese. La guida descrive tantissimi ostelli in Italia e in Francia, segnalando quelli adatti per famiglie e anche quelli noti per lo schiamazzo eccessivo (ovviamente, da evitare, se si viaggia con bambini…).
Qualche accortenza, prima di prenotare:
  • se il soggiorno avverrà in periodi di alta stagione, prenotate con largo anticipo. Gli ostelli sono molto popolari e rischiate di non trovare posto
  • se non è espressamente dichiarato che si tratta di un ostello per famiglie, leggete con attenzione le descrizioni e assicuratevi che non vi siano limiti di età per soggiornarvi
  • in generale, non dimenticate di leggere tutte le informazioni elencate nella pagina di descrizione delle strutture, perché è lì che vengono segnalate le regole, ed eventuali restrizioni anche sugli orari, dell’ostello.
Ora tocca a voi! Avete mai pernottato in un ostello per famiglie? Ce ne sapete suggerire qualcuno?
A presto!!
___________________
Potrebbero anche interessarti:


 

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

9 Responses to Dormire con bambini low cost: ostelli per famiglie

  1. Pingback: Dove dormire con i bambini low cost: conventi e monasteri | The Family Company

  2. acasadiclara Rispondi

    12/06/2012 at 13:18

    ciao noi siamo stati qualche volta in ostello ma per vari motivi non abbiamo scelto specificamente ostelli per famiglie. ci interessava il luogo e siamo andati lì e ciao. il più bello è stato un ostello in svizzera http://www.emmelodge.ch/index.php/en/ dove nella settimana di Pasqua hanno organizzato giochi e attività per i bambini e persino una caccia all’uovo molto simpatica. Li scegliamo più che altro perchè non costano molto, soprattutto nelle città (in campagna puoi trovare b&b con costi affini) e sono luoghi informali e spaziosi. In molti ostelli tedeschi i bambini non pagano sotto i 6 anni, a Ulm ci hanno persino regalato i biglietti per Legoland per i bambini. In svizzera http://www.youthhostel.ch/en/home ci sono molte offerte a seconda del periodo e della località. In italia siamo stati all’ostello di Bosa in sardegna che è praticamente sulla spiaggia ed ha una cuoca spaziale. Il nostro sogno è dormire in un ostello-castello (ne abbiamo già adocchiati alcuni, prima o poi ci andremo). ciao!!!

    • The Family Company Rispondi

      12/06/2012 at 15:58

      @acasadiclara, ma che commento fantastico!! Tantissime informazioni utili!! Grazieee!! E poi è verissimo, non necessariamente devono essere catalogati come ostelli per famiglie. Ormai quasi tutti gli ostelli hanno spazi comuni vivibili e stanze adatte ad ospitare una famiglia con bimbi. Grazie grazie grazie!

  3. viaggideirospi Rispondi

    13/06/2012 at 01:33

    Anche noi non ci siamo mai fatti problemi!!! Dobbiamo però provare ora l’esperienza con Fede, perchè siamo sempre e solo andati nei B&B!!!

    • The Family Company Rispondi

      13/06/2012 at 06:50

      E allora che ostello sia Ale!!! Ma i bimbi, generalmente, si adattano sempre meglio degli adulti ;-)!!

  4. Patamamma Rispondi

    12/01/2013 at 23:02

    Che post interessante!Non sapevo ci fossero ostelli dedicati alle famiglie!Si impara sempre qualcosa dai genitori piu’ esperti!Grazie!
    Tra gli ostelli tradizionali piu’ belli provati da non genitori ma dove porterei il mio bimbo (con possibilita’ di camera privata ma non bagno ensuite) posso consigliare:
    - Russia – Mosca: Gozilla Hostel (pulito, nuovissimo e in posizione comoda)
    - Australia – Lorne Great Ocean Road Backpakers Hostel (immerso nella natura, bel parco con pappagalli e camera spaziosa)
    Per gli altri dovrei guardare i riferimenti ma se serve chiedete!

    • The Family Company Rispondi

      13/01/2013 at 08:59

      Ma che bello fare la tua conoscenza Patamamma! E grazie per le indicazioni… Tra l’altro sono mete sulla mia wish list da molto moltissimo tempo!!!! Mi appunto i tuoi suggerimenti e me li conservo gelosamente! Grazie ancora per essere passata di qua.

      • Patamamma Rispondi

        13/01/2013 at 21:21

        Grazie a te per le info!
        Se ti servono info per Australia e Russia “on the road” contattami pure via mail!Mi fa piacere!Ciao!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>