Tre cartoline dall’Italia

Qualche settimana fa, Monica di Viaggi e Baci, ha lanciato in rete una stupenda iniziativa: celebrare la nostra bella Italia, cosi martoriata, bistrattata e – a volte – dimenticata, pubblicando tre foto, tre cartoline che ricordassero a tutti noi quanta bellezza ancora c’è nel nostro Paese.

Colori, profumi, emozioni, calore, caos, sapori, accoglienza, creatività, arte, storia… Un tesoro che spesso non sappiamo valorizzare a dovere, ma che ci deve rendere orgogliosi e curiosi di scoprire, ancora e sempre, cosa c’è dietro l’angolo.

Ho scelto queste tre cartoline non tanto per le località che rappresentano, quanto piuttosto perché in esse trovo, ogni volta che le guardo, l’Italia che cerco nei miei viaggi. L’Italia che si riflette negli occhi nei miei bambini. Quell’Italia che, nonostante tutto, c’è ancora.

La Cascata delle Marmore, che Byron definì “orribilmente bella”. Per ricordarci che l’Italia ci regala ogni giorno una natura meravigliosa. Panorami da togliere il respiro, grandi quadri dipinti da una mano invisibile, che ti entrano nel cuore e ti lasciano felici e sgomenti. E’ l’Italia dei colori. L’azzurro dell’acqua, il verde degli alberi, l’arcobaleno dei fiori. Mare, colline, montagne. Difficilmente, in altri Paesi, è possibile trovare dei panorami cosi variegati…

_______

La Cascata delle Marmore, che Byron definì “orribilmente bella”. Per ricordarci che l’Italia ci regala ogni giorno una natura meravigliosa. Panorami da togliere il respiro, grandi quadri dipinti da una mano invisibile, che ti entrano nel cuore e ti lasciano felici e sgomenti. E’ l’Italia dei colori. L’azzurro dell’acqua, il verde degli alberi, l’arcobaleno dei fiori. Mare, colline, montagne. Difficilmente, in altri Paesi, è possibile trovare dei panorami cosi variegati…

_______

San Leo, un piccolo borgo sulle colline di Rimini. Eh già, quella Rimini nota ai più per le feste, la folla, gli stabilimenti balneari e gli all inclusive, in realtà, custodisce tesori che vanno ben oltre la Riviera. Questa cartolina la scelgo per ricordare a me stessa e agli altri di non dare mai per scontato nulla. Men che meno una destinazione. Qualunque luogo, anche il più turistico, nasconde delle gemme preziose. Angoli che raccontano storie, e tradizioni. Che custodiscono un passato, il nostro passato, da scoprire lentamente. Con amorevole curiosità. Spesso le cose più belle, sono anche le meno conosciute. Diventiamo, dunque, esploratori del nostro Bel Paese…

::::::::

San Leo, un piccolo borgo sulle colline di Rimini. Eh già, quella Rimini nota ai più per le feste, la folla, gli stabilimenti balneari e gli all inclusive, in realtà, custodisce tesori che vanno ben oltre la Riviera. Questa cartolina la scelgo per ricordare a me stessa e agli altri di non dare mai per scontato nulla. Men che meno una destinazione. Qualunque luogo, anche il più turistico, nasconde delle gemme preziose. Angoli che raccontano storie, e tradizioni. Che custodiscono un passato, il nostro passato, da scoprire lentamente. Con amorevole curiosità. Spesso le cose più belle, sono anche le meno conosciute. Diventiamo, dunque, esploratori del nostro Bel Paese…

::::::::

Il Castello Estense di Ferrara, perché – in questo scatto e, soprattutto, in questo particolare momento di sofferenza a causa del recente terremoto – rappresenta l’Italia della storia antica e illustre, dell’architettura ardita, dell’arte da custodire. Ma anche l’Italia che non si arrende, mai. Nonostante i terremoti, le crisi economiche, l’omertà, le tasse… l’Italia è un Paese dal cuore grande. Un Paese che sa rialzarsi, sa ricostruire dal niente, sa amare e crede nel futuro, nonostante tutto.

E’ stata dura scegliere solo tre cartoline… Perché l’Italia ha mille volti, mille pieghe in cui accoccolarsi. Ha luoghi, storia, tradizioni. E persone. Di cui andare fieri. Non dimentichiamocene. E voi, quali cartoline avreste scelto?

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

18 Responses to Tre cartoline dall’Italia

  1. Tiziana Rispondi

    05/07/2012 at 08:44

    Ciao cara Valentina, come dici tu ci sono luoghi che ti entrano nell’anima e li rimangono per sempre. Ottime le foto ma ancora di più le tue descrizioni, sai tradurre in modo poetico le emozioni che provi. Condivido la scelta della cascata che ho potuto ammirare da vicino. Grazie per gli altri suggerimenti. Un bacio.

  2. The Family Company Rispondi

    05/07/2012 at 08:49

    Grazie Tiziana. Mi scaldi il cuore come sempre… Sono stata un po’ latitante in questi giorni. Tu sai. Ma ora raccolgo i pezzi. E recupero un po’ di tempo perduto. Prima tappa il tuo blog e la tua stupenda iniziativa. Non vedo l’ora di vedere a che punto è arrivato il nostro racconto… Ti abbraccio!

  3. viaggideirospi Rispondi

    05/07/2012 at 09:16

    Wow Vale, complimenti come sempre! Italia è sinonimo di tante parole, ma se devo scegliere tra le tue tre, quella che è più in linea per il mia concezione di Italia, è San Leo, perchè è dentro il viuzzo più angusto, stretto e nascosto che scopri la grandezza del nostro paese e di noi italiani!!

    • The Family Company Rispondi

      05/07/2012 at 09:18

      Grazie Ale! Ti dico la verità, credo che quella cartolina sia anche la mia preferita! Come dici tu “è dentro il viuzzo più angusto, stretto e nascosto che scopri la grandezza del nostro paese e di noi italiani”. Grazie per queste bellissime parole!

  4. viaggiebaci Rispondi

    05/07/2012 at 10:06

    Che bello essere riuscita ad averti con noi!
    “Ho scelto queste tre cartoline non tanto per le località che rappresentano, quanto piuttosto perché in esse trovo, ogni volta che le guardo, l’Italia che cerco nei miei viaggi”: se leggi l’introduzione al post che ho pubblicato stanotte con le mie 3 cartoline, è identico! Ennesima prova di un’alta sintonia, oppure che i sosia spirituali esistono veramente …
    Non mi sbilancio qui su quale cartolina sceglierò per non rovinare la sorpresa, ma ti aspetto sul blog per dirmi quale delle mie tre vorresti che partecipasse all’iniziativa, perchè la scelta è dei partecipanti e di chi legge …

    • The Family Company Rispondi

      05/07/2012 at 10:13

      Wow… appena letto! E quasi non ci credevo… “Non ho scelto le mie tre cartoline per la bellezza estetica o la località in cui sono state scattate, ma perchè rappresentano l’Italia che vorrei sotto il profilo turistico, e non solo. L’Italia che cerco quando viaggio e che sono riuscita a scovare, timidamente nascosta, negli angoli più inaspettati del Belpaese.” Le tue cartoline sono tutte belle… ma la mia preferita l’ho scelta già. Corro a dirti qual’è…

      • viaggiebaci Rispondi

        05/07/2012 at 10:31

        e non è la prima volta che scriviamo post quasi identici, eh?!?!? e anche nelle stesse ore … ah,ah,ah!

  5. Alberghi Tipici Riminesi Rispondi

    05/07/2012 at 10:56

    Valentina, ancora una volta hai saputo emozionarci.
    Il tuo post ci insegna a “… non dare mai per scontato nulla. Men che meno una destinazione.”
    Impariamo a scoprire le bellezze nascoste dietro l’angolo e in particolare, nel nostro caso, la Rimini oltre la Riviera.

    • The Family Company Rispondi

      05/07/2012 at 11:03

      Grazie mille davvero! Quando un luogo emoziona, non si può fare a meno di… inviare una sua cartolina al mondo intero! Spero di cuore di potervi rivedere prestissimo, e di scoprire altri tesori nascosti della vostra meravigliosa Rimini oltre la Riviera. Un abbraccio.

  6. Palmy Rispondi

    05/07/2012 at 13:28

    La cascata e San Leo li conosco, Ferrara non ho mai avuto il piacere di visitarla, ma rimedierò…

  7. The Scarletdrop Fae Rispondi

    05/07/2012 at 14:44

    Ciao.

    Sono in estasi: mi ci ha mandato la prima foto, le Cascate delle Marmore e mi piacerebbe poterle visitare presto.

  8. Pingback: Cartoline dall’Italia che conta « Viaggi e Baci

  9. Pingback: Gli Elementi dei Miei Viaggi e un’isola nel cuore | The Family Company

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>