Benidorm e la Costa Blanca: mare, divertimento family e natura

Avete mai pensato alla Spagna come meta mare per la famiglia? Noi siamo appena stati a Benidorm, in Costa Blanca: bel mare, spiagge dorate, tanto divertimento, ottime strutture family-friendly e tante attività per i bambini.

Siamo appena rientrati da una settimana di sole, di mare e di puro divertimento in Costa Blanca. A Benidorm, per la precisione. Ne hai mai sentito parlare? In realtà, è poco conosciuta in Italia, ma si tratta di una destinazione molto popolare tra le famiglie spagnole ed inglesi, le quali – ogni estate – popolano la sua lunga spiaggia di sabbia dorata ed i suoi tantissimi hotel a misura di bambino.

benidorm 5

Perché Benidorm? Perché il mare è pulito e degrada dolcemente, la città è sicura, i servizi dedicati ai bambini sono tantissimi, così come le attività ed i divertimenti, ha un entroterra ricco di cose da vedere e non manca la tipica movida spagnola, lo spirito vacanziero che tanto aneliamo per staccare la spina. Infine ma non meno importante, Benidorm strizza l’occhio al portafogli: i prezzi – in linea generale -sono assolutamente abbordabili (io l’ho trovata molto meno cara dell’Italia) e gli aeroporti più vicini , Alicante e Valencia, sono serviti da voli low cost. Per cui, se sei in cerca di una destinazione per le prossime vacanze estive con bambini all’insegna del mare e del divertimento, Benidorm potrebbe fare proprio al caso tuo.

Le spiagge benidorm cosa fare

Sicuramente la principale attrattiva di Benidorm è la sua baia di circa 5 chilometri di lunghezza, con belle spiagge dorate e protette dal vento ed un mare pulito e cristallino.

Il litorale della cittadina si divide in “Playa de Levante” e “Playa de Poniente“.

La spiaggia di Levante è la più famosa ed affollata, forse perchè si trova a ridosso dell’area urbana più sviluppata in termini di servizi e strutture ricettive ed il suo lungomare è puntellato di bar, ristoranti e negozietti vari.  Si trova a nord del porto ed è lunga circa due chilometri.

benidorm spiaggia

A sud, invece, troverete la spiaggia di Ponente, più ampia, meno affollata e lunga ben tre chilometri. Anch’essa è costeggiata da un esteso lungomare oltre che da una bellissima pista ciclabile che la rendono particolarmente adatta alle famiglie con bambini.

benidorm playa poniente

Tra Playa de Levante e Playa de Poniente si trova Mal Pas, una tranquilla insenatura di sabbia finissima, con tanto di palme e, generalmente, molto meno affollata delle altre spiagge.

benidorm recensioni, costa blanca con bambini

Per chi invece vuole sfuggire al caos e alla folla, consiglio una puntatina a Ti Ximo e La Almadrava, che si trovano all’estremità nord di Benidorm. Si tratta di due piccole calette naturali, ma la costa è accidentata e il fondale è roccioso. Non proprio l’ideale per i bimbi piccoli, ma assolutamente da non perdere se ami le spiagge solitarie e lo snorkelling.

benidorm recensioni, costa blanca con bambini

Le spiagge a Benidorm (come in tutta la Spagna, del resto) sono libere. Non esistono gli stabilimenti balneari, anche se – alternati alle spiagge libere – ci sono dei tratti di arenile attrezzati, dove è possibile noleggiare ombrelloni e sdraio a prezzi molto modici: intono ai 5 euro.

benidorm spiaggia

Lungo tutto il litorale, poi, ogni 300 metri circa, ci sono fontane gratuite per liberarsi della sabbia in eccesso prima di rientrare in hotel.

bendiorm fontane spiaggia

E ogni 500 metri circa fanno capolino dei lunghi totem colorati, dalle forme più buffe: macchinine, pesciolini, casette e trenini. Sono punti di raccolta nel caso i bimbi si perdessero. Per cui, se sei in vacanza a Benidorm, individua il totem  più vicino a te e assicurati che i tuoi bambini sappiano cosa sia, a cosa serve e come raggiungerlo in caso di necessità.

meeting point

Per una pausa dal solleone, ci sono le BiblioPlayas, ovvero angoli lettura in spiaggia, dove grandi e piccini possono rilassarsi all’ombra sfogliando qualche bel volume. E per un po’ di sano divertimento, imperdibili gli acquapark marini. Si tratta di gonfiabili posizionati non lontano dalla riva, su cui grandi e piccini possono scivolare, saltare e tuffarsi in acqua. Sono a pagamento e, compreso nel prezzo, è previsto l’utilizzo di un giubbotto di salvataggio che i bambini devono obbligatoriamente indossare, per ovvi motivi di sicurezza.

benidorm spiagge

Per altri suggerimenti sulle spiagge di Benidorm e dintorni, vi rimando a questo approfondimento scritto da Federica un po’ di tempo fa.

I parchi tematici benidorm cosa fare

Benidorm è la patria dei parchi tematici. Ce ne sono ben sei: due parchi divertimento, due parchi acquatici e due parchi natura. Quelli che abbiamo visitato noi sono:

Aqualandia Benidorm cosa fare

Dicono sia il parco acquatico più grande d’Europa e sicuramente è davvero a misura di bambino. A loro, infatti, sono dedicate due zone con giochi d’acqua, scivoli, piscine basse e gommoni.

benidorm acqualandia 2

Per i più grandi, c’è il Kamikaze, il Niagara e il Bing Bang – ovvero lo scivolo più alto d’Europa che supera i 33 metri! Molto bella la grande piscina ad onde ed una fantastica zona “Spa” con indromassaggio e getti d’acqua, che si trova proprio di fianco all’area dedicata ai bambini. Insomma… due piccioni con una fava, no?

benidorm parco acquatico

Mundomar 

Mundomar confina con Aqualandia, ma il suo focus sono gli animali, per lo più esotici. Ci sono pappagalli, fenicotteri, leoni marini, foche, pinguini, lemuri, tartarughe e tanti altri. Le attività previste per i bimbi sono moltissime (vanno tutte prenotate anticipatamente): è possibile, ad esempio, dar da mangiare agli animali o diventare allenatore di leoni marini per un giorno.

Benidorm Mundomar 1

Ma l’appuntamento più apprezzato è lo spettacolo dei delfini, che pare sia tra i migliori al mondo.

benidorm mundomar

Personalmente, non amo molto questo tipo di attrazioni. Mi intristisco sempre a guardare questi animali che vivono in cattività, anche se sono trattati benissimo e, nella maggior parte dei casi, vengono portati qui in condizioni pietose per essere curati e rimessi in sesto. Devo però ammettere che per i bambini è stato molto interessante; erano affascinati e lo spettacolo dei delfini li ha tenuti inchiodati per quasi un’ora!

Terra Mitica

Terra Mitica è un parco divertimenti un po’ inusuale, grazie alla sia ambientazione scenografica: è diviso in varie aree e ogni area rappresenta un’antica civiltà. C’è l’antica Roma, l’Egitto e la Grecia. C

benidorm terra mitica 1

i sono diverse giostre, alcune adatte ai bambini più piccoli, altre – invece – dedicate ai più grandi. L’attrazione più famosa è Syncope, ideale per gli amanti del brivido e dell’adrenalina.

terra mitica 2

E poi ci sono le montagne russe in legno più grandi d’Europa e vari spettacoli, sempre a tema storico, particolarmente apprezzati dai più piccini. Noi, ad esempio, abbiamo assistito allo show Hercules, davvero d’effetto! Peccato si svolgesse all’aperto alle 13:30, in pieno solleone!

terra mitica 3

Molto carini e assolutamente imperdibili nelle calde giornate estive sono i giochi d’acqua. Essendo esposto a Sud, infatti, questo parco divertimenti è decisamente assolato e le zone in ombra, purtroppo, non sono tantissime.

Altre attività family da fare a Benidorm

Oltre al mare e ai parchi divertimento, sono molte le attività da fare con i bimbi a Benidorm. Qualche esempio?

Gita a Benidorm Island

Benidorm Island è un isolotto che si trova proprio di fronte al litorale di Benidorm. È possibile raggiungerlo in circa 20 minuti, a  bordo di apposite barche che partono dal porto (qui orari e prezzi).

benidorm island

Una volta sull’isola, potresti completare l’escursione su una seconda barca, questa volta con fondo trasparente, e scoprire così i segreti del mare! Si tratta di Aquascope, un’imbacarcazione che assomiglia ad un sottomarino giallo (ma non preoccuparti, non si inabissa davvero!). Immagina la meraviglia e l’eccitazione dei tuoi bimbi!

https://www.excursionesbenidorm.com/en/benidorm-island.html

https://www.excursionesbenidorm.com/en/benidorm-island.html

Le barche partono ogni ora dal porto di Benidorm e potrebbe essere un’idea carina prevedere di trascorrere l’intera giornata sull’isola, che non è abitata, ma è provvista di un bar o un ristorante. In alternativa, potresti portare del pranzo a sacco.

https://www.excursionesbenidorm.com/en/benidorm-island.html

Purtroppo, noi non siamo riusciti a fare questa attività; ma parlando con altri genitori che invece l’hanno fatta, il riscontro è stato molto positivo. Per cui, mi sento di consigliarla ad occhi chiusi!

Pomeriggio al Benidorm Circus

Molto bello è anche il circo, rigorosamente senza animali! Lo spettacolo strizza l’occhio alle famiglie con bambini, proponendo numeri simpatici e divertenti, alternati a momenti di suspance. E nell’intervallo, arriva persino Spongebob, pronto a farsi scattare una foto ricordo insieme a tutti i bimbi che lo vorranno.

La Old Town, il lungomare ed i panorami più belli

Al tramonto, c’è solo una cosa da fare: perdersi tra le stradine del centro storico di Benidorm, la Old Town. In netto contrasto con i grattacieli super-moderni, qui pervade un’atmosfera raccolta e forse più autentica. Negozietti, tapas bar, ristorantini tipici, artisti da strada, le tradizionali casette bianche e la bellissima chiesa dal tetto blu, dedicata al patrono di Benidorm: San Giovanni.

Benidorm chiesa blu

Passeggiando tra i carrero (che qui a Benidorm, per qualche motivo che ancora non sono riuscita a capire, si chiamano “strade dei gatti”), si raggiunge il Casco Antiguo, ovvero il castello antico, che in realtà castello non è. Si tratta invece di un’enorme terrazza a picco sul mare, da cui si gode un panorama strepitoso su tutta la baia e sullo skyline di Benidorm.

benidorm 7

Viene chiamata così perchè – si dice – sia stata costruita lì dove un tempo sorgeva un vero castello, edificato per difendere la cittadina (allora semplice villaggio di pescatori) dai pirati. Non esistono documenti ufficiali che attestino l’esistenza di questo maniero. Ma a noi la storia piace. E quindi ci crediamo 🙂

Benidorm 6

Per concludere in bellezza la giornata, passeggiata d’obbligo sul lungomare che, di sera, si anima di musica, luci e risate. Un gelato da Pinocchio, lungo la spiaggia di Levante, qualche capriola sulla sabbia e magari un bel mojito per mamma e papà!

benidorm sera

Escursioni nell’entroterra

Tra le escursioni nell’entroterra di Benidorm meritano sicuramente un posto d’onore ci sono i borghi di La Nucia, Polop, Callosa, il castello di Guadalest, e anche villaggi più vicini come Altea, con la sua tradizione marinara, l’Alfàs del Pi con il suo clima perfetto e Villa Joyosa, la più pittoresca località della Costa Blanca.

Benidorm 3

Molto bello anche il jeep safari organizzato da Marco Polo Expediciones: si parte, a bordo di una jeep, alla volta di Sierra Cortina con vista spettacolare su tutta Benidorm!

benidorm cosa fare con bambini

Dopo aver ammirato il panorama che si gode da lassù, si esplora l’entroterra, attraverso campi di nespole e ulivi. Si inizia a salire, attraversando borghi e spettacolari sentieri di montagna e, dopo aver pranzato, si trascorre il pomeriggio a Les Fonts de L’Algar. Si tratta della sorgente del fiume Algar, che – in quest’area – ha creato cascate e pozze naturali dove è possibile fare il bagno. In un punto, in particolare, è persino possibile tuffarsi!

benidorm 2

Se non volete fare il jeep safari, potete raggiungere l’Algar anche in autonomia, noleggiando un’auto oppure con l’autobus locale (non conosco però gli orari, rivolgetevi all’ufficio turistico). Per accedere alle cascate, bisogna pagare un biglietto d’ingresso. Consiglio fortemente di andarci in un giorno infrasettimanale, perchè nei weekend è preso d’assalto!

benidorm 4

Con Marco Polo è anche possibile noleggiare quad biciclette (a disposizione bici di tutte le dimensioni e bici con seggiolino-bimbo) e partecipare ad una serie di escursioni adatte a tutti. C’è ad esempio la biciclettata family, attraverso campi di limoni, aranci e mandorli, con fermata d’obbligo in un bar per un drink in compagnia. Oppure c’è il trekking  in notturna – fattibile anche per i bambini più grandicelli e abituati a camminare. Si tratta di un percorso in montagna di 14 o 22 km, intervallato da una serie di tappe dove è possibile fare merenda e bere qualcosa e, all’arrivo, ci si diverte tutti insieme in una grande tenda con musica, balli e risate.

Allora, cosa ne dici? Ha sorpreso anche te Benidorm come ha fatto con noi?!

***

A breve, pubblicherò una mini-guida con indicazioni e consigli pratici su dove dormire, dove mangiare e come arrivare a Benidorm. Per altre informazioni e idee su cosa fare in questa bella cittadina della Costa Blanca, vi rimando al sito ufficiale dell’Ente Turistico, Visit Benidorm (anche in italiano).

***

[Le foto di Mal Pas e di Ti Ximo sono state prese da shutterstock.com; le foto di Benidorm Island sono state prese da excursionesbenidorm.com; tutte le altre sono mie]

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!