Lago di Costanza con bambini: tra parchi gioco, spruzzi e musei family-friendly

Oggi pubblico con piacere il racconto di mamma Chiara, che è appena tornata da un bellissimo viaggio family al Lago di Costanza – tra Austria, Svizzera e Germania – fatto insieme a papà Massimo e ai loro bimbi Stefano di 5 anni e Luca di 3 anni. L’itinerario  che condivide con noi è pieno di cose meravigliose da fare con i bimbi: parchi gioco, musei family-friendly per i giorni di pioggia, piste ciclabili e tanto divertimento!

Perchè abbiamo scelto questa meta? In realtà, avevo consultato il sito di un’agenzia che promuove viaggi in bicicletta, anche per famiglie, e inizialmente quella era la nostra intenzione. Poi, visto il costo un po’ elevato, ho cercato un po’ di informazioni sul lago e ho trovato tantissime cose interessanti.

Intanto il lago di Costanza (o bodensee come lo chiamano qui) si trova tra Austria, Germania e Svizzera. Questi tre Paesi, da molti anni, presentano un’offerta turistica integrata, dal classico giro lungo la ciclabile alle località turistiche, passando per chilometri di sentieri attrezzati ed escursioni in traghetto. Inoltre, ho trovato moltissimi spunti interessanti per le famiglie con bambini e quindi ecco qui il nostro racconto.

::

Dove dormire lago di costanza con bambini

Abbiamo deciso di alloggiare in un campeggio vicino a Lindau. Il campeggio, un 5 stelle, si trova poco distante dalla città e si chiama Gitzenweiler. Ne avevo letto su un altro blog e quindi, abbiamo optato per questa scelta.
 ::
lago di costanza con bambini
Noi siamo stati in tenda; per i bambini era la prima volta ed erano davvero estasiati da quest’avventura. Il camping, super attrezzato con piscina, vari parchi giochi e bagni ad hoc per i bimbi, con tanto di ristorante italiano (gestito da italiani) all’interno, offriva davvero di tutto e di più e per i bimbi è stato fantastico.
:::
Unico neo, i bagni con docce erano molto distanti dalle tende e troppo pochi rispetto alla reale necessità. Vicino al posto in cui erano piantate le tende erano presenti solo alcuni wc.
:::
Inoltre, il camping era davvero superaffollato, per i nostri gusti un po’ troppo. Tutto sommato la prossima volta cercheremo un posto più appartato, ma sappiate comunque che qui potete trovare il meglio per i vostri bimbi.
 :::
IMG-20150818-WA0023
È possibile anche affittare case mobili e casette ecologiche (glamping am gitz). Il campeggio offre inoltre una comoda cucina liberamente utilizzabile (pagando una cifra irrisoria per l’uso dei fuochi).

Primo giorno: Lindau e Museo Zeppelin a Friedrichschafen

Il primo giorno abbiamo purtroppo trovato un tempo orribile, freddo e piovoso, così siamo andati a visitare la splendida città di Lindau (molto bello il centro storico medievale e rinascimentale) e al pomeriggio abbiamo fatto una capatina al museo Zeppelin di Friedrichschafen.
:::
 
itinerario lago di costanza con bambini
::: 
:::
Friedrichschafen, sede degli stabilimenti aeronautici Zeppelin e Dornier, è stata pesantemente bombardata durante la seconda guerra mondiale, quindi il centro storico non offre molto. Il museo invece è molto bello.
:::
 :::
IMG-20150824-WA0000
La scelta, vista la giornata uggiosa, non poteva essere più azzeccata, i bimbi sono rimasti affascinati dai dirigibili; inoltre era presente una sala dove poter fare una serie di coinvolgenti esperimenti. Insomma, il museo è davvero interessante e ai miei figli è piaciuto molto. Inoltre, da anni, è anche possibile effettuare voli turistici sul lago a bordo di un piccolo dirigibile, per chi è in cerca di un po’ di avventura adrenalinica!
:::

Secondo giorno: Ravensburg

Il secondo giorno abbiamo trovato finalmente il sole e siamo partiti per Ravensburg (mezz’oretta di auto), la città dei puzzle, che ospita un fantastico parco di nome Spieleland.
::
 
IMG-20150818-WA0030
 ::
L’ho trovato davvero molto bello e molto adatto per i nostri bimbi (anche meglio di Legoland) perché non era per niente affollato e offriva veramente di tutto.
 ::
IMG-20150818-WA0027
itinerario lago di costanza con bambini
Tra le attrazioni più carine: la gara con i mezzi dei vigili del fuoco per spegnere un incendio (rigorosamente finto), il gioco memory dall’elicottero, le ruspe da manovrare, i puzzle giganti, lo scivolo acquatico con il canotto e molto altro ancora.
IMG-20150818-WA0028
IMG-20150818-WA0029
Inutile dire che ai bambini sembrava di essere in un luogo magico e si sono divertiti tantissimo!!

IMG-20150818-WA0031

Terzo giorno: Legoland a Gunzburg

Il terzo giorno siamo partiti presto alla volta di Legoland a Gunzburg. Sapevamo di dover fare poco più di 100 km, ma il navigatore iPhone fuori uso ci ha portato un po’ fuori strada e quindi abbiamo perso l’autostrada. In ogni caso la deviazione fuori programma ci ha fatto apprezzare la tranquilla e ordinata campagna bavarese ed è stato un tragitto assai piacevole.

Giunti lo stesso a destinazione, abbiamo seguito i suggerimento presenti in questo articolo del blog dedicato proprio a Legoland: vista l’età dei nostri bimbi (5 anni uno e 2 anni e 9 mesi l’altro), abbiamo iniziato il percorso da sinistra, dove erano presenti attrazioni più adatte ai nostri figli e abbiamo visitato l’area Miniland a fine giornata, dal momento che le attrazioni avrebbero chiuso prima della chiusura definitiva del parco.

IMG-20150818-WA0020

Inutile dire che c’era di tutto, ma la cosa paradossale è che l’area che i nostri bimbi hanno maggiormente appezzato era riservata solo a loro: un’immensa struttura con scivoli lunghissimi che li ha mandati in visibilio.

IMG-20150818-WA0019

Molto belle anche le macchinine e le barchette Lego da guidare. Insomma, Legoland è sicuramente un posto in cui prima o poi occorre fare tappa con i bimbi. Non lo dimenticheranno facilmente!

IMG-20150818-WA0018

Siamo usciti dal parco alle 19 passate e abbiamo deciso di fermarci a Gunzburg per cena. La cittadina ci è piaciuta molto: il centro pedonale era infatti costellato da una serie di locali e ristoranti e l’atmosfera era molto piacevole.

Quarto giorno: monte Pfander

La quarta giornata, viste le due precedenti abbastanza piene, l’abbiamo presa con molta calma e abbiamo passato parte della mattinata in camping, dopodiché abbiamo pensato di andare a prendere la funivia in Austria e di salire sul monte Pfander sopra Bregenz.

IMG-20150818-WA0025

Il posto, oltre all’emozione della funivia, offre una vista mozzafiato sul lago di Costanza da una parte e una bellissima vista sulle Alpi austriache dall’altra. Volendo, ci sarebbero moltissimi sentieri da percorrere; noi ci siamo limitati al percorso con gli animali e ci siamo ovviamente fermati nell’immancabile parco giochi, ma parco giochi degno di questo nome però! Mi piacerebbe trovare anche nella nostra città uno scivolo come questo.

IMG-20150818-WA0026 (2)

Siamo poi tornati giù e ne abbiamo approfittato per visitare il vivace lungolago di Bregenz (anche qui sosta obbligata nell’immancabile super parco giochi, i nostri figli erano increduli); essendo Sabato era molto frequentato. La città di Bregenz è nota soprattutto per il suo festival estivo di musica, la cui principale attrazione è il palco galleggiante (da vedere)!

Per concludere degnamente questa bella giornata, ci siamo fermati a cena nel vivace centro pedonale.

Quinto giorno: Isola di Mainau

L’isola si trova dalla parte opposta del lago, vicino alla città di Costanza. Da Lindau è possibile arrivarci o dalla riva svizzera o da quella tedesca; il panorama lungo la strada è estremamente bello in entrambi i casi.
Abbiamo soprattutto avuto modo di notare che l’area tra Dingelsdorf (a nord di Mainau, verso l’estremità nord del lago) e Meersburg è costellata di località turistiche balneabili; sembra proprio di essere al mare, complice la temperatura elevata di quel giorno.
 :::
IMG-20150818-WA0021
Per quanto riguarda l’isola di Mainau, nonostante fosse molto affollata, vale sicuramente la pena visitarla (magari scegliendo un giorno infrasettimanale). Riporto in sostanza quanto avevo trovato su un sito di informazioni turistiche perché corrisponde perfettamente al vero.

L’ Isola di Mainau è una località con una lunga tradizione aristocratica e un’atmosfera unica. Il maestoso castello è in armonia  con il resto del parco, dalla primavera all’autunno, l’isola offre un mare di fioriture alternate: orchidee e milioni di tulipani, giacinti e narcisi in primavera; rododendri e la fioritura delle rose nel “giardino italiano” che segnano il punto più alto dell’estate ed infine, in autunno, il manto delle dalie. Qui, troverete anche la raccolta più grande del paese di farfalle colorate, vale la pena visitare la serra, i bimbi ne saranno affascinati.

Ai bambini è inoltre dedicato un intero parco ricco di attrazioni: il mondo acquatico, gli animali fiore, la fattoria, lo zoo, il pony per le cavalcate, il trenino ed un grande parco giochi, che è considerato uno dei più belli del Lago di Costanza.

IMG-20150818-WA0024

Anche per i bambini sotto i 4 anni c’è il “villaggio nano” con un sacco di possibilità di giochi.

IMG-20150818-WA0022

Comunque, i nostri bimbi si sono soprattutto divertiti a bagnarsi i piedi nel lago lanciando i sassolini. Insomma, spesso sono proprio i giochi destrutturati a intrattenere i piccoli viaggiatori per ore e ore…

Sesto giorno: ciclabile  tra Nonnenhorn e Langenargen

Dal momento che la nostra idea iniziare era quella di fare un visitare il Lago di Costanza con bambini in bici, abbiamo voluto percorrere almeno un pezzetto della sua famosa pista ciclabile e abbiamo scelto il tratto tra Nonnenhorn e Langenargen.

Ci sarebbe piaciuto noleggiare un carrellino per fare un giro più lungo, ma non ne abbiamo trovati e quindi abbiamo preso due bici per noi adulti – di cui una con seggiolino per il figlio più piccolo – e una bici da bimbo per il più grande (avevamo lasciato la sua in campeggio!!).

Ci siamo fermati per pranzo a Kressbronn, in una pineta con un bel parco giochi adiacente alla spiaggia sassosa del lago (dov’era possibile fare tranquillamente il bagno). Siamo passati in mezzo a boschi e alberi da frutto (si, il lago di Costanza, grazie al suo clima mite, è pieno di coltivazioni) e ci siamo fermati nella località turistica balneabile di Langenargen.

Qui termina questo nostro bellissimo viaggio con bambini al Lago di Costanza. Infatti, il giorno dopo, ahimè, abbiamo smontato la tenda e siamo tornati a Torino, facendo tappa a San Bernardino in Svizzera.
:::
::
Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

One Response to Lago di Costanza con bambini: tra parchi gioco, spruzzi e musei family-friendly

  1. MARI Rispondi

    23/01/2017 at 09:48

    Ciao!!
    che bello, mi piacerebbe “copiare” la tua vacanza… mi diresti il nome del campeggio?
    grazie mille mari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!