Babbo Natale: un eroe o una bugia?

Faccio parte di quella schiera di persone che incoraggia fermamente i propri bimbi a credere in Babbo Natale. Semplicemente, penso che il Natale non sia Natale senza l’eccitazione, l’anticipazione e gli occhi spalancati dei nostri bambini in attesa di scoprire se quest’anno riescono a sentire il rumore delle renne ed il suono dei campanellini magici… So però che non tutti i genitori la pensano allo stesso modo. Per alcuni, incoraggiare il mito di Babbo Natale è un esercizio alla bugia intenzionale, magari utilizzata in maniera più o meno strumentale dai genitori e certamente incoraggiata dall’industria consumistica. Io invece penso che sta proprio a noi genitori segnare il confine tra la bugia strumentale e quella girandola dorata di emozioni e sensazioni buone.

Come? Provando a trasmettere ai nostri figli un messaggio molto forte: Babbo Natale è reale perché definisce il concetto di generosità. Cosa c’è di più reale della magia di un vecchietto vestito di rosso che, da sempre, incoraggia un moto perpetuo di generosità anonima?

E quando i miei bambini saranno grandi abbastanza da capire che Babbo Natale non è vero nel senso letterale del termine, spiegherò loro che sono pronti a prendere il suo posto e far felici bambini meno fortunati. Ecco. Questo è il segreto. Questa è la vera magia: Babbo Natale non muore mai perché ognuno di noi, ad un certo punto della vita, indossa un po’ del suo mantello rosso e si fa carico di un po’ della sua generosità.

E voi cosa ne pensate? Credere che convincere i vostri bimbi dell’esistenza di Babbo Natale equivalga a mentire? O pensate, come me, che sia un gesto di generosità?

Vi lascio con un bellissimo post da leggere tutto d’un fiato: “Is There a Santa Claus?” era il titolo di un editoriale nell’edizione del 21 settembre 1897 del New York Sun. Quell’editoriale, che comprendeva la risposta “Yes, Virginia, there is a Santa Claus” (“Sì Virginia, Babbo Natale esiste”), è diventato un elemento indelebile del clima natalizio negli Stati Uniti.  Leggerlo per me è stato spunto di grandi riflessioni…

Sarei ora curiosa di sapere da che parte state voi. Avete detto la verità ai vostri bimbi oppure perseguite il suo mito?

Ah, dimenticavo…Buon Natale!

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

8 Responses to Babbo Natale: un eroe o una bugia?

  1. Pingback: Babbo Natale ci scrive. Per davvero! | The Family Company

  2. viaggiebaci Rispondi

    28/11/2012 at 23:19

    Non ho detto a mio figlio la verità e gliela dirò solo quando verrà a chiedere a me conferma di ciò che ha già scoperto per i fatti suoi. Perchè in ogni caso quello che questa figura porta con sè ha qualcosa di magico.
    Però …
    C’è un però, anzi più di uno!
    Anzi! non vado oltre perchè mi hai dato l’idea per un post …
    Grazie cara! 🙂

    • The Family Company Rispondi

      29/11/2012 at 06:18

      allora non vedo l’ora di leggere il tuo post!!! Attendo con ansia… Un abbraccio 🙂

  3. Rossana Rispondi

    29/11/2012 at 10:59

    Completamente d’accordo con te, da piccola ho vissuto un infanzia felice credendo a Babbo Natale e non ci vedo nulla di male, quindi anche io seguo questa linea.

    • The Family Company Rispondi

      29/11/2012 at 14:24

      Concordo in pieno Rossana. Ricordo ancora la mia grandissima delusione quando invece ho scoperto che Babbo Natale in realtà non esiste…. A presto e grazie per essere passata di qua.

  4. Pingback: Letterina a Babbo Natale. Da una mamma … « Viaggi e Baci

  5. Elena Valli Rispondi

    30/11/2012 at 09:59

    D’accordissimo con te. Babbo Natale è la magia del natale. Siamo noi che lo carichiamo di un’idea consumistica, ma se tornassimo a pensarla come i bambini ci accorgeremmo che in fondo non abbiamo mai smesso di credere in lui.

    • The Family Company Rispondi

      30/11/2012 at 12:29

      Ciao Elena!! Che bello averti qui! Hai ragionissima, siamo noi adulti a dargli un’impronta consumistica… Se solo riuscissimo a restare più bambini… Un abbraccio, ti scrivo nel pomeriggio eh!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *