Cosa vedere in Sardegna: itinerario in Gallura

La Sardegna.

Una terra di colori, contrasti, emozioni forti, nessuna via di mezzo. Paesaggi diversissimi tra di loro, sferzati dal vento o illuminati dal sole. Profumi agrodolci, mare cristallino, calette, dune imponenti, paesini arroccati, un entroterra selvaggio. Per visitarla tutta, un viaggio non basta. Perciò alla domanda cosa c’è da vedere in Sardegna, è meglio decidere di seguire il vento. O il cuore.

cosa vedere in sardegna

Noi però ci abbiamo provato lo stesso. E grazie alla collaborazione dello staff di Obiettivo Vacanza residence in Sardegna, un’agenzia che offre appartamenti e case vacanza a San Teodoro, ecco un elenco di luoghi particolari che esprimono al meglio l’unicità e le mille sfumature dell’isola.

Questo itinerario in particolare è incentrato sulla Gallura, un incredibile territorio e paesaggi che variano quasi come per magia: dalla costa e dal mare cristallino ai fitti boschi di querce e sughere, dalle tipiche rocce granitiche levigate dal vento ai meravigliosi siti archeologici unici al mondo.

La Tomba dei Giganti ad Arzachena

Arzachena è nota ai più soprattutto per la Costa Smeralda, il tratto costiero che si estende per circa 20 km e definito da tante piccole spiagge e insenature, un tempo meta prediletta del jet set internazionale. Uno degli aspetti che più colpiscono della Sardegna è questa duplice identità: molti Vip amano quest’isola e al contempo ci sono alcune zone note solo ai viaggiatori appassionati di storia e di ecoturismo.

tomba dei giganti

A una decina di chilometri dal golfo di Arzachena, sorge la Tomba dei Giganti di Coddu Vecchiu, un monumento funebre interamente costruito in granito e risalente al 2500 a.C. Questa tomba è rimasta quasi del tutto intatta nel corso dei secoli ed è una delle testimonianze più imponenti dell’era nuragica, periodo nel quale si diffusero i nuraghi, le costruzioni più imponenti fra quelle che oggi è possibile vedere.

Esistono altre tombe dei giganti nell’isola, tuttavia quella di Coddu Vecchiu è esemplare nel ricordarci il rilievo che doveva avere nell’antichità il legame fra i vivi e i defunti.

Nuraghe Majori a Tempio Pausania

cosa vedere in sardegna

A chi viene per la prima volta in Gallura, consigliamo fortemente di percorrere questo itinerario: raggiungete Tempio Pausania e da lì recatevi al Nuraghe Majori, situato in una posizione panoramica e attorniato da un bosco di sughero, leccio, frassino, ontano e roverella. Questo nuraghe deve il suo nome alle grandi dimensioni dei blocchi usati per costruirlo ed è accessibile all’interno. Salendo al piano superiore dalla scala ho potuto ammirare Monte Limbara e Aggius, due località che racchiudono l’anima della Gallura.

Il Monte Limbara, infatti, è il massiccio montuoso preferito da chi pratica escursionismo e free climbing, mentre Aggius è un borgo molto legato alle tradizioni e alle ricchezze sarde.

Per citarne due, Aggius fa parte della zona di produzione del Vermentino di Gallura (ottimo vino bianco, vanto di questo territorio) ed è caratterizzato dal paesaggio scenografico della Piana dei Grandi Sassi, dove i massi di granito sono stati arrotondati dall’erosione, come se fossero l’opera di un singolare artista.

cosa vedere in sardegna

Un suggerimento: per apprezzare a pieno questi misteriosi monumenti ai quali sono stati dedicati numerosi studi da esperti archeologici, vi suggeriamo di prenotare una visita guidata (è possibile prenotare un tour, chiamando il numero 347 2995933).

Immagine 4 Piana dei Grandi Sassi

Castello di Pedres

Il viaggio nella storia gallurese arriva al Medioevo con la visita al Castello di Pedres (noto anche come Pedes o Pedrese), fortezza del XII secolo che si può scorgere dal centro di Olbia. Il sentiero che conduce al castello è immerso nella macchia Mediterranea e per accedere all’interno bisogna salire da una ripida scalinata in granito.

cosa vedere in sardegna

Il sito merita una visita non solo per la visuale panoramica che offre, ma anche perché è una delle attrattive meno note a chi identifica la Sardegna unicamente con le spiagge e con i resti di epoca preistorica.

Oasi di bellezza: il Golfo di Cugnana

cosa vedere in sardegna

La Gallura è anche una terra di gemme nascoste come il Golfo di Cugnana, ai piedi dell’omonimo massiccio granitico e riparato dai venti che imperversano sulla zona. La spiaggia solitaria di Marina di Cugnana non è molto estesa, tuttavia grazie alle acque cristalline e alla lussureggiante vegetazione si può definire un paradiso naturale dov’è piacevole perdersi.

Qui si avverte la sensazione di essere in un luogo fuori dal consueto, dal già visto e soprattutto lontano dalla folla.

Vi lascio con un piccolo video. Che sicuramente ispirerà come ha ispirato me… Chiudo gli occhi ed una valigia immaginaria e volo in Sardegna, magari portando anche qualcuno di voi ad esplorare la magia di quest’isola dalla storia millenaria.

Credits Photo:

  • Foto spiaggia: shutterstock.com
  • Tempio Nuraghe Majori: commons.wikimedia.org/wiki/
  • Piana dei sassi: By Vera Buhl (Own work) via Wikimedia Commons
  • Tomba dei Giganti: milosk50 / Shutterstock.com
  • Castello Pedres: shutterstock.com
  • Golfo di Cugnana By No machine-readable author provided. Shardan assumed (based on copyright claims). [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html), CC-BY-SA-3.0 via Wikimedia Commons
Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!