Vi presento Alessandra Marullo

Sono felicissima. Perché la community di The Family Company sta diventando sempre più grande. Mamme e papà accomunati da un’unica passione, quella del viaggio con bambini. E che sono spinti dalla generosità e dalla voglia di condividere qui, su questo blog, le loro esperienze, i loro diari di viaggio, le loro gioie e… perché no, anche le loro paure.

Oggi vi presento una mamma viaggiatrice davvero speciale. Non ci siamo mai incontrate di persona, ma l’ho sempre sentita accanto a me, a sostenere questo diario di viaggio virtuale che ormai non è più solo mio ma anche e soprattutto vostro. 

A voi… mamma Alessandra, nuova autrice di The Family Company! Passo a lei la parola…

Sono qui davanti alla tastiera, piena di emozione, cercando le parole per descrivere me, la mia famiglia e la mia passione per i viaggi.

alessandra marullo author the family company blog di viaggi con bambini

WANDERLUST è la parola che più mi descrive, quella voglia indescrivibile di partire e vedere posti nuovi, assaporare cibi mai provati , ascoltare lingue diverse, sentire i profumi che caratterizzano i luoghi e riempirmi gli occhi di tutta la meraviglia che c’è nel mondo.

“Ilaria fermati due minuti e guardati intorno, fotografa nella tua mente questi momenti” glielo ripeto in continuazione quando siamo in viaggio; che sia in un edificio di una città o un quadro in un museo o un tramonto sulla spiaggia, e io amo guardare lo stupore nei suoi occhi.

Lei è la ragione per la quale ho iniziato a viaggiare (non ancora come vorrei, ma ci arriverò), una passione che già avevo, ma alla quale, per una serie di motivi non sono mai riuscita a dare molto Seguito, fino ad un paio di anni fa. Si c’erano le ferie due settimane al mare, ma io volevo Viaggiare.

2014-12-27 15.07.00

Un giorno lei (aveva 5 anni ) mi dice: “Mamma io quest’estate voglio andare in vacanza dov’è andata Anna” sapevo che la sua amichetta con la sua famiglia era stata a Palma di Maiorca …

“No, mamma non là !” Anna è andata da un’altra parte… ha camminato tanto, c’erano i bus a due piani e ha fatto la foto con le guardie che non possono sorridere, e poi c’è la Regina!” -“ ah vuoi dire Londra? Ma di solito non si va d’estate, magari in primavera ” -“ aspetta qui mamma” esce e va dritta da suo papà “ io e la mamma in Primavera andiamo a Londra!”

Lei aveva già deciso, così piccolina aveva il desiderio di vedere un posto nuovo, desiderio che ha espresso più e più volte, perché prima di poterlo realizzare e partire per Londra di primavere ne sono passate tre !

2015-03-27 22.58.45

Io e lei, perché papà Umberto, ahimè, ha paura di volare e quindi con lui programmiamo solo viaggi verso posti raggiungibili in auto o in treno e dove possibilmente ci sia il mare, perché lui ama l’acqua, nuotare e fare lunghe camminate e stare in spiaggia fino a tardi per vedere il tramonto.

Dopo Londra però non ci siamo più fermati; negli ultimi 12 mesi abbiamo visitato la nostra magnifica capitale Roma, le saline e il festival degli aquiloni di Cervia, poi le ferie nella sciccosa Costa Azzurra e nel mio Salento del quale non sono mai sazia, qualche gita fuori porta e qualche giorno fa la capitale della piccola Slovenia.

2015-07-26 14.35.02-1

Viaggio per me, ma soprattutto per lei, spero che cresca con la curiosità e la sete di cose nuove, che il viaggiare diventi parte di lei, che si muova sicura per il mondo, senza pregiudizi verso le altre culture, anche se questo probabilmente mi porterà nel futuro, a passare notti insonni perché il mondo in cui viviamo oggi, purtroppo, non è un posto sicuro.

E ho un piano di viaggio preciso nella mia mente, intanto conoscere il più possibile il nostro Paese e l’Europa che hanno così tanto da offrire sia per la storia che per i paesaggi, e poi con Ilaria più grandicella, io e lei affrontare mete più lontane e realizzare i grandi sogni…

2015-07-26 14.39.43

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *