Belgio con bambini a Natale: weekend tra Brussels e Bruges

Tra qualche mese è Natale e se è forse presto per comprare i regali, non lo è certamente per prenotare qualche viaggetto pensando al Ponte dell’Immacolata.

Approfittare del miglior prezzo non è sempre possibile quando si parta dalla scelta della destinazione ma, nel caso in cui vi accadesse di combinare le due cose, avrei qualche consiglio da darvi relativamente alle gite fuori porta, in grado di assumere un aspetto ancor più magico durante il periodo natalizio.

DSC_6672

La prima destinazione che mi sento di consigliarvi per uno dei prossimi weekend natalizi è il Belgio, più precisamente Bruxelles e Bruges.

Queste due località, complici il breve volo che le separa dall’Italia e la lieve distanza tra di loro, rappresentano una valida opportunità per immergersi nello spirito natalizio prima del grande giorno. Il nostro viaggio inizia proprio a Brussels, dove abbiamo fatto base. Dopo averla esplorata tra mercatini e musei curiosi, abbiamo organizzato delle gite di un giorno a Bruges, città piena di fascino e tappa imperdibile se si vuole visitare il Belgio con i bambini. Ecco dunque il nostro diario di viaggio!

5 cose da fare a Brussels con bambini durante il Natale

Brussels è davvero una città family-friendly e le cose da fare e da vedere sono tantissime. Se avete però solo pochi giorni, come noi, ecco la nostra top 5:

  1. Visita al Museo del Fumetto: in molti non sanno che la capitale belga è la patria dei tanto amati fumetti https://www.cbbd.be/fr/accueil mentre tutti noi sappiamo che una meta così è tappa imperdibile per grandi e piccini; L’Ilot Sacrè non è altro che un quadrilatero alle spalle de La Grande Place dove caffé, ristoranti e negozi di souvenir fanno da cornice a un luogo romantico e affascinante, che non potete in alcun modo perdere se avete scelto questa città come meta dei vostri sogni.
  2. Visita alla cattedrale di Notre Dame du Sablon: se da una parte i vostri bambini sono ancora troppo piccoli per apprezzare un capolavoro gotico, non lo saranno invece per assaggiare i famosi gaufres (più conosciuti con il nome di waffles) della più antica pasticceria di Bruxelles, ovvero la Wittamer. Non sono golosi di gauffres? Non importa… si rifaranno a La Maison du Chocolat.
  3. Assistere alla parata dei carri di Natale nel cuore della città: carri natalizi come la fabbrica dei giocattoli di Babbo Natale, il polar express e la slitta condotta da Babbo Natale in persona saranno preceduti da un corteo di persone che distribuiranno dolciumi e caramelle a grandi e piccolini. Fondamentale informarsi sulla data di questa sfilata, perché potrebbe subire variazioni di anno in anno;

DSC_6680

4. I Mercatini di Natale: come tutte le città nordiche, anche Bruxelles vanta dei mercatini di Natale di tutto rispetto; più di duecento stand occupano la piazza centrale, la cui magia raggiunge i massimi livelli con giochi di luce a tempo di musica che iniziano ogni giorno all’imbrunire.

Il Natale è un momento unico per tutti, inutile negarlo: che siate fanatici degli addobbi natalizi e dei suoi mercati o che vi riteniate indifferenti ed estranei a tutto questo, il Natale inonda tutti gli animi con sogni da realizzare e buoni propositi. Assaporare il periodo “tutto luci e brillantini” in questi paesi può risultare davvero affascinante ed emozionante per i vostri bambini, poiché se la storia di Babbo Natale è acqua ormai passata per noi adulti, non deve in alcun modo esserlo per tutti coloro desiderosi di credere ancora in qualcosa di veramente magico e speciale.

Prima di trasferirci a Bruges ho un’altra raccomandazione da darvi: non dimenticate di assaggiare il piatto tipico di Bruxelles, che sorprendentemente non sono i cavolini; ma le cozze con patatine fritte.

Bruges con bambini: cosa fare e cosa vedere

Bruges si trova a poco più di un’ora di treno da Bruxelles e i biglietti costano circa 15 Euro: viste le innumerevoli corse, restare senza la possibilità di prendere un treno per questa incredibile città è oggettivamente impossibile. Se però vi sentite più tranquilli a prenotare il biglietto, sappiate che sarà possibile farlo a partire da tre mesi antecedenti la vostra partenza (in alcuni casi anche sei).

DSC_6600

Bruges mi ha ricordato moltissimo Salisburgo per la sua unicità, per la sua atmosfera e per la sensazione che si prova a camminare tra le viuzze e i canali. Il tempo si è letteralmente fermato e poco importa che la nostra sia l’era della tecnologia, qui scorre tutto lento e silenzioso.

Immancabile una passeggiata in carrozza: coperti da una calda coperta a motivi scozzesi vi sentirete parte integrante di questo mondo e resterete incantati dal rumore degli zoccoli del cavallo sui sanpietrini. Terminate la giornata con una bella cioccolata calda con spruzzata di cannella e la vostra gita meriterà di essere ricordata a lungo.

belgio con bambini

Nel nostro caso, avendo a disposizione soltanto tre notti, abbiamo deciso di pernottare ogni giorno a Bruxelles: nel caso in cui aveste più tempo, vi consiglierei di addormentarvi e svegliarvi in questo luogo incantato.

Belgio con bambini a Natale: consigli pratici

Come arrivare a Brussels: voli dall’Italia

Voli Ryanar o Brussels Airlines vi permettono di volare a Bruxelles in poco più di un’ora da molti aeroporti italiani: potete atterrare sia a Zaventem che a Charleroi.

DSC_6556

Il primo, distante poco più di dieci chilometri dal centro di Bruxelles, è ben collegato con autobus, metro, taxi e rappresenta la miglior soluzione di arrivo.

Il secondo invece, distante quasi cinquanta chilometri dalla città, necessita di qualche attenzione in più in materia di trasferimento:

1) potete optare per il Brussels city Shuttle, un autobus che parte ogni mezz’ora circa e porta a La Gare du Midi, in pieno centro. Il tragitto dura circa un’ora;

2) dall’aeroporto raggiungete in autobus la stazione dei treni di Charleroi sud e da lì, con un treno che parte ogni mezz’ora, raggiungerete la stazione di Bruxelles in meno di un’ora.

Se il primo metodo è il più veloce, il secondo risulta decisamente più economico.

Dove dormire a Brussels con bambini

Vista l’illuminazione de La Grande Place e il magnifico albero di Natale collocato al centro, vi consiglio di pernottare in quella zona in modo da entrare nel magico mondo di Babbo Natale e degli Elfi quanto prima. I bambini non resteranno indifferenti a quell’atmosfera e tra una cioccolateria e l’altra impazziranno, saltando tra le bancarelle allestite per il periodo più magico dell’anno.

Buon viaggio!

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *