Il trenino del Renon

Lo si sente sferragliare sulle vecchie rotaie molto prima di vederlo apparire all’orizzonte. Spesso, si tratta di un’unica carrozza. Di quelle nostalgiche, ricoperte di legno, che ti riportano indietro nel tempo.  Un treno che sembra or ora uscito da un libro di fiabe. Saliamo a bordo, incuriositi e pieni di eccitazione. Con quel senso di aspettativa che sempre accompagna le nuove avventure. Con un balzo in avanti, il Trenino del Renon parte.
trenino del renon 3
Si inerpica tra prati, boschi, masi e paesaggi fiabeschi. D’inverno, le infinite distese bianche e le bellissime cime dolomitiche innevate che, da qui sembrano vicinissime e quasi possono essere toccate, rendono questo viaggio – se possibile – ancora più straordinario. Siamo a pochissimi chilometri da Bolzano. E il trenino del Renon è davvero una esperienza imperdibile se si visita questa parte dell’Alto Adige con i bambini.

Il percorso e un po’ di storia trenino del Renon

La tratta ferroviaria coperta dal trenino del Renon venne inaugurata nel lontano 1907 e fu un evento straordinario per gli abitanti del luogo. Finalmente, infatti, dopo tanti anni, l’Altopiano del Renon fu collegato a Bolzano, tramite un treno a cremagliera che, in soli 90 minuti, percorreva la distanza tra le due località, con un dislivello di quasi 1.000 metri.
trenino del renon
__
Una vera e propria rivoluzione tecnologia per quei tempi, grazie allla quale il trasporto di persone e beni divenne finalmente affidabile e costante! Oggi, per i locali, il trenino del Renon è semplicemente la “ferrovia in montagna”: sopravvissuta a due guerre mondiali e ad innumerevoli crisi economiche, nel 1966 è stato sostituito da una più moderna funivia (funivia che è stata completamente rinnovata nel 2006 e che, oggi , viene considerata una delle più moderne del suo genere).
 ___
Lo storico trenino, però, sopravvive ad ogni modernismo. E per fortuna! Non collega più l’Altopiano con Bolzano, ma percorre ogni giorno circa sei chilometri, tra boschi e prati meravigliosi, collegando – invece – diversi paesini del Renon. Per i locali, dunque, è ancora un comodissimo mezzo di trasporto. Per noi, piccoli e grandi viaggiatori, invece, rappresenta un’avventura unica.
Renon con bambini

Trenino del Renon: le fermate per i bambini

Il percorso ferroviario tocca località bellissime: si può salire e scendere dove si vuole, durante la stessa giornata. A questo link, troverete la Planimetria con il percorso completo del trenino. Ma quali sono le fermate più adatte ai bambini? Ecco qualche suggerimento:

Il Sentiero Pyramix

Il sentiero Pyramix, che porta il nome della mascotte dei Familyhotel Renon, è un facile percorso circolare che si snoda tra boschi e prati, pieno di giochi e di cose divertenti da fare con i bambini: rocce su cui arrampicarsi, altalene, tunnel scavati in tronchi d’albero e tanto altro.

hotel dintorni bolzano

 

Ve ne parlerò più approfonditamente in un post a parte. Vi anticipo, però, che per percorrerlo tutto, considerando il tempo di gioco da concedere ai bambini, ci vogliono circa tre ore e mezzo. Ovviamente, però, ogni famiglia può stabilire la durata dell’escursione adattandola alle proprie esigenze. Inizio e fine dell’itinerario: a Soprabolzano o a Collalbo, ma l’accesso al sentiero circolare è possibile anche in altri punti.

Il Museo dell’apicoltura

A Costalovara, invece, c’è da visitare il museo dell’apicoltura “Maso Plattner”. Si raggiunge comodamente a piedi dalla stazione, con una breve passeggiata di circa 10 minuti. Al museo, ospitato in un maso del ‘500, i bambini potranno scoprire com’è la vita in un alveare, come si distingue l’ape regina da quella operaia, come avviene la “smelatura” e tanto altro.
Costi biglietto: gratis bambini fino ai 6 anni; 3 euro bambini dai 6 ai 12 anni; 5 euro gli adulti; biglietto Famiglie: 10,00 euro. Il prezzo del biglietto è comprensivo di una visita guidata all’interno della casa e di una degustazione del miele.Orari di apertura: aperto tutti i giorni da aprile a fine ottobre, dalle 10 alle 18.
Per maggiori informazioni: email: info.plattner@gramm-spa.itwww.museo-plattner.it.

Le Piramidi di Terra

Anche a queste meraviglie della natura dedicherò un post a parte. Arrivando a Collalbo e seguendo l’ottima segnaletica (sentiero 24), potete raggiungere le famose piramidi di terra con una semplice passeggiata di circa 45 minuti, fattibile anche con i passeggini. I bambini resteranno letteralmente a bocca aperta di fronte a questi alti pinnacoli di terra sovrastati da un masso, modellati dal vento e dalla pioggia nel corso dei secoli.
Sempre a Collalbo, accanto alla stazione, si trova un piccolo parco giochi; un altro playground, più grande e sempre disponibile, è quello della scuola.

Trenatale: il trenino del Renon a Natale

I mercatini di Natale di Bolzano sono sicuramente tra i più gettonati d’Italia. Ma pochi sanno che a pochissimi chilometri di distanza, sull’Altopiano del Renon appunto, il Natale è forse ancora più speciale. Qui, ogni fine settimana dal 28 novembre al 28 dicembre prende vita Trenatale, un mercatino di Natale davvero unico: si svolge, infatti, all’interno dei nostalgici vagoni del trenino del Renon i quali, per l’occasione, sono addobbati ed illuminati a festa. Non mancano le classiche bancarelle con i tradizionali oggi dell’artigianato locale, le prelibatezze del posto e la musica a fare da sottofondo.

Il programma di questo singolare mercatino di Natale è davvero sensazionale. Ad esempo, il 29 novembre, ci sarà l’inaugurazione, con un concerto a Collalbo ed escursioni con le fiaccole da Soprabolzano. Ogni fine settimana, concerti, musica, intrattenimenti per i bambini. Il 6 dicembre, si festeggia San Nicolò con racconti magici ed un fiabesco viaggio sul trenino in compagnia di San Nicolò in persona.

Bellissimo il presepe vivente a ci partecipa tutta la comunità, con musica tipica e passeggiata a lume di lanterna, Si terrà sabato 13 dicembre.

Periodo ed orari di apertura di Trenatale: dal 28.11.2014 al 28.12.2014; Sabato e domenica: ore 10 – 18.30. Maggiori informazioni è programma completo su http://www.trenatale.it/

Trenino del Renon: informazioni pratiche

Prezzo del biglietto singolo: solo andata: € 3,50 e l’andata + ritorno € 6,00. Bambini sotto sei anni non pagono. Riduzioni con biglietto gruppo (10 persone). Gratuito con la Mobilcard, la museumobilCard,  la carta valore e la RittenCard

Cani: possono essere portati a bordo solo con la muserola e con un biglietto singolo o la Mobilcard.

Qualche dato tecnico sul trenino del Renon: lunghezza del percorso: 6,8 km; pendenza massima: 4,5%; velocità: 30 km/h;tempo di percorso: 16 min

Le fermate: partendo da Collalbo s’incontrano nell’ordine le stazioni di Colle, Stella, Costalovara con il suo laghetto, Soprabolzano (qui c’è anche la fermata della funivia che collega il Renon con Bolzano, proprio di fronte il binario del treno) e Maria Assunta.

Orari: giornaliero, tutto l’anno, con partenze ogni mezz’ora dalle ore 9:40 alle 19:00, la mattina e alla sera uno ogni ora. Orario dal 15 giugno 2014 al 13 dicembre 2014

Una nota: attenzione, da alcuni anni sono in funzione anche vetture più recenti. Fanno esattamente lo stesso percorso ma… non sono così affascinanti.

Come arrivare: se fate base a Bolzano, prendete la funivia che collega il centro con Soprabolzano. Una volta arrivati a Soprabolzano, troverete la stazione del trenino proprio di fronte alla funivia. Potete acquistare i biglietti direttamente alle casse della funivia a Bolzano: conviene comprare il biglietto cumulativo Funivia+Trenino (9 euro solo andata; 15 euro andata e ritorno). Oppure, potreste decidere di alloggiare proprio in una delle tante strutture a misura di bambino dell’Altopiano del Renon (come abbiamo fatto noi, dettagli qui sotto).

Dove dormire e mangiare:

Da non perdere nei dintorni:

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

2 Responses to Il trenino del Renon

  1. Cinzia Rispondi

    21/10/2015 at 06:25

    Che meraviglia! Spero un giorno di poter fare questa esperienza con i miei tre bimbi! I tuoi racconti hanno del fantastico. Grazie da una mamma viaggiatrice ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!