Non abituarti mai a guardare la Via Lattea

Questa è una di quelle esperienze da fare assolutamente nella vita: dormire in una comoda tenda ai piedi dell’Arches National Park, concedendoti un solo e ineguagliabile lusso: quello di addormentarti con la via lattea e un milione di stelle sopra la testa.

Il “Moab Under Canvas” mette a disposizione dei suoi ospiti comode tende dotate di più o meno comfort: alcune hanno letti matrimoniali, altre singoli, alcune la stufa, altre il sacco a pelo, alcune il bagno privato e il patio per assistere all’alba, ma tutte sono accomunate da una garanzia: lo spettacolo sarà stupefacente e vi renderà in egual modo spettatori da prima fila.

 

14202633_10210412471245334_749571431898216542_n

La nostra “camera” era dotata di un piccolo tepee da poter utilizzare come “dependance” nel caso in cui Clara avesse voluto provare l’ebrezza di dormire da sola. Ma così non è stato, quindi abbiamo deciso di utilizzarla come asciuga biancheria 😉

Il campeggio non è dotato di elettricità e l’unica luce che avrete a disposizione è quella della lanterna (piccola eccezione: la luna). Le tende sono pronte ad ospitarvi sia nelle gelide notti desertiche, essendo munite di stufa e sacco a pelo, sia nelle giornate afose, quando potrete utilizzare dei vaporizzatori che rinfrescano sia l’interno sia il patio della vostra “suite”.

moab2

A Clara quest’esperienza è piaciuta moltissimo: diceva in continuazione che quella era la sua casetta, circondata di animali anche se, a parte qualche scoiattolo e qualche coniglio, di animali ne abbiamo avvistati ben pochi.

Personalmente, con bambini così piccoli, vi consiglio la tenda munita di bagno privato, poiché i bagni in comune non sono proprio vicini a tutte le camere. Se dovesse essere necessario andare in bagno con un bambino durante la notte, potrebbe non essere molto semplice raggiungerlo, considerando il buio e la lontananza. Le tende sono munite anche di zanzariere interne, che terranno a debita distanza i piccoli ospiti indesiderati; ricordate però di non lasciare cibo in camera, poiché potreste ricevere qualche visita poco gradita, vista la fauna che popola queste zone.

 

14199635_10210412472645369_6165544851299312984_n

Altre informazioni prettamente tecniche non esistono, se non la presenza di un fuoco acceso dal tramonto fino alle 23, per invogliare gli ospiti a fare due chiacchiere scambiando le proprie esperienze sul viaggio che stanno assaporando. Vi sembrerà di essere su un altro pianeta: sentirsi soli, senza tecnologia, completamente al buio, senza enormi comfort, contribuirà a farvi godere al meglio lo spettacolo che vivrete.

Quando il sole si nasconde dietro la roccia rendendola rosso infuocato, il buio prende il sopravvento rendendovi sempre più ansiosi di godere di questo enorme palcoscenico. Man mano che il buio diventa  intenso, vi sembrerà impossibile continuare a veder aumentare il numero delle stelle che già un minuto prima sembravano infinite. La Via Lattea rende questo quadro ancor più vivo: è come se custodisse al suo interno le stelle più preziose, impedendo ai nostri occhi di abituarsi a questo incredibile spettacolo della natura.

Ed è dietro questo assordante applauso che la luna fa la sua apparizione per poi lasciare la scena al sole l’indomani.

moab4

L’alba ha lo stesso impatto su di me, poiché il sole sorge esattamente davanti a noi: il suo calore e la sua luce ci danno il buongiorno, così non ci rimane altro che ripartire per le nostre mete, augurandoci di non abituarsi mai a queste emozioni e a questa magia.  Continuare a credere che tutto questo sia un dono ed essere convinti che il mondo riservi regali di questa entità in ogni suo angolo…

Ecco perché non mi voglio mai abituare ai suoi spettacoli, poiché se così fosse significherebbe che ho perso ogni desiderio di riempire la mia valigia nel modo che amo di più.

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *