Scambio casa con bambini: le cose da sapere

La settimana scorsa una mamma viaggiatrice mi ha contattato, chiedendomi consiglio sullo scambio casa. Ne hai mai sentito parlare? Io si e ne sono enormemente incuriosita, anche se non l’ho mai ancora provato in prima persona.

scambio casa con bambini

Così ho chiesto in giro e una mia carissima amica, Noemi, mamma di tre bambini e veterana dello scambio casa, ha accettato di condividere con noi qualche consiglio sull’argomento. A lei la parola dunque!

***

Arriviamo a fine mese sempre con l’acqua alla gola; i soldi sembrano non bastare mai. Però adoriamo viaggiare e non vogliamo rinunciarci per nulla al mondo. Ecco perchè ci siamo avvicinati al mondo dello “scambio casa” un paio di anni fa; da allora, non ci siamo mai pentiti di questa scelta perchè ci consente di viaggiare con i  nostri bimbi, ovunque nel mondo, in maniera autentica e, soprattutto, economica. Ma partiamo dall’inizio.

Che cos’è lo “Scambio Casa”

Si tratta appunto di scambiare la propria casa con quella di altre persone in qualsiasi parte del mondo. In parole povere: tu vieni a stare da me ed io vengo a stare da te, a prescindere che i proprietari siano in casa o meno (esistono entrambe le opzioni, a seconda dei siti e dei casi; io personalmente preferisco soggiornare in case altrui quando i proprietari sono via; altri invece trovano nella loro presenza un valore aggiunto al viaggio, perchè dona maggiore autenticità).

Naturalmente, non è un processo gestito in totale autonomia – generalmente ci si appoggia a siti internet specializzati proprio nello scambio casa, che raccolgono annunci (listing in gergo) e agiscono da “mercato virtuale” per far incontrare domanda e offerta. Ce ne sono diversi; noi amiamo particolarmente NightSwapping,  una piattaforma che non prevede nessuno scambio di denaro tra i membri della community.

Il meccanismo è semplice: ti iscrivi (l’iscrizione prevede che tu metta a disposizione la tua casa; può essere la casa in cui abiti o una seconda casa); ospiti altri membri della community e, ogni volta che ospiti, guadagni dei punti sotto forma di notti gratuite da utilizzare a casa di un altro host del sito (per soggiornare, dovrai pagare solamente 9,90 euro di spese di prenotazione, nelle quali è inclusa un’assicurazione di cui ti parlerò fra pochissimo). 

A me piace molto perchè, oltre ad indicare una destinazione di ricerca, è possibile filtrare il numero di chilometri che si intende percorrere; di rimando, il sito fornisce automaticamente una lista di case disponibili entro quel range di ricerca.

 

Infine, per chi è nuovo al sistema di scambio casa, NightSwapping dà la possibilità di usare il portale come semplice viaggiatore e non come swapper. In questo caso, ovviamente, non potrai “scambiare” notti ma dovrai acquistarle (l’acquisto avviene sempre sul sito) e il prezzo generalmente va dai 7 ai 49 euro, a prescindere dal numero dei viaggiatori e dalla destinazione.

Ma quanto è sicuro lo scambio casa?

Ovviamente, la prima  domanda che mi pongono quando parlo ai nostri amici del sistema scambio casa è: ma è sicuro?

Ogni anno, un numero crescente di famiglie aderisce a siti simili a NightSwapping e scambia la propria casa con quella di altre persone (“swappers”) in giro per il mondo. Perché? Perché il sistema è facile, veloce e sicuro: ti iscrivi, accedi agli annunci, scegli la casa e la destinazione che più ti convincono, scambi qualche mail con lo swapper e il gioco è fatto.

Il lato negativo della cosa è che persone mai incontrate prima staranno in casa tua in tua assenza. Si tratta quindi di un rapporto essenzialmente basato sulla fiducia. E fidarsi di sconosciuti è una bella sfida. Come fa a funzionare un sistema simile, allora? Semplice. Funziona perchè entrambe le parti hanno tutto da guadagnare e si assumono gli stessi rischi, mettendo a disposizione la propria casa.

La risposta alla domanda di cui sopra, quindi, secondo la nostra esperienza, è sicuramente positiva. Ma, sempre secondo la nostra esperienza e come accade per tutte le cose – vanno prese delle precauzioni. Soprattutto quando si viaggia con bambini. Di seguito qualche consiglio.

Do e Dont’s nello scambio casa

1. Verifica la serietà del sito che userai: controlla sempre quali strumenti i siti di scambio casa mettono a disposizione per assicurare ai propri membri sicurezza e trasparenza. NightSwapping, ad esempio, (parlo di loro perchè è il sito che conosco meglio), modera tutti gli annunci, verifica i profili e le identità di chi si iscrive e raccoglie i feedback degli utenti. Inoltre, ha stretto una partnership con l’agenzia assicurativa Allianz, grazie alla quale le case che vengono “scambiate” sul loro portale sono coperte fino a 450.000 euro di danni, senza spese supplementari.  L’assicurazione è, infatti, inclusa nei 9,90 euro di spese di prenotazione di cui ti ho accennato sopra, è valida in tutto il mondo e per tutti i membri di NightSwapping, si attiva automaticamente quando un membro convalida uno swap e include:

  • Danni materiali, morali e fisici
  • Risistemazione (indisponibilità o non conformità)
  • Eventuali spese di rimpatrio

2. Preferisci annunci “curati” e profili completi. Ho sempre pensato che chi non cura il proprio annuncio su un sito di scambio casa, con molta probabilità non cura nemmeno la propria casa; figuriamoci quella degli altri. Ovviamente, è una mia credenza e potrebbe non avere alcun fondamento, ma tant’è. A prescindere dalle personali sensazioni, solo un annuncio completo e ricco di dettagli può darti indicazioni precise sulla tipologia di casa e di famiglia a cui appoggiarsi. Ed è l’unico modo, quindi, per fare delle scelte ponderate e adatte alle tue esigenze.

3. Cura il tuo profilo. Lo scambio casa è bello perchè consente un rapporto paritario. Questo vuol dire che trasmettere fiducia è una responsabilità di tutti gli swappers. Anche tua, quindi. Cura il tuo profilo in ogni suo dettaglio, racconta di te, della tua casa, del tuo quartiere e della tua famiglia. E non dimenticare le foto. Avere un profilo completo non solo trasmette fiducia, ma aumenta le possibilità di creare “match” perfetti perchè aiuta gli swappers a trovare le soluzioni abitative più consone.

4. Preferisci swappers che hanno bambini. Se stai leggendo questo blog, probabilmente viaggi in famiglia e quindi cercherai un alloggio che sia family-friendly. Ecco perchè, generalmente, agli annunci luccicosi e patitati preferiamo case di famiglie con bambini: sono fisiologicamente adatte ad ospitare anche noi. Spesso vi troviamo giochi, libri, seggioloni, stoviglie baby, persino copri-prese. E, soprattutto, pochi suppellettili preziosi, che si rompono facilmente: non vuoi mica passare l’intera vacanza a preoccuparti che i tuoi nani distruggano il prezioso vaso cinese del tuo swapper, vero?

5. Non essere timido. Prima di confermare uno scambio casa, assicurati di avere tutti i dettagli che ti servono. Fai domande al proprietario dell’alloggio che hai scelto, chiedi informazioni sulla casa, sul quartiere, su cosa c’è da fare nei dintorni e a quali distanze dalla casa trovi servizi di pubblica utilità (farmacia, medico, ospedale, supermercato, parco giochi, ecc). Allo stesso modo, dai chiare indicazioni anche sulla tua casa. E se la tua proprietà non si trova in una località spiccatamente turistica, non nasconderlo. Mettilo in evidenza ma metti anche in evidenza tutte le cose positive che invece puoi garantire a eventuali swappers, incluso i servizi che ti ho elencato sopra, eventuali contatti di pediatri, veterinari, ristoranti fidati, attrazioni per grandi e piccini e relative distanze dalla tua casa.

6. Concediti del tempo per preparare la tua casa. Una volta stabilito lo swap, prima di partire, assicurati che tutto sia in ordine a casa tua. Metti in evidenza le regole della casa, conserva in un posto sicuro oggetti di valore o qualsiasi cosa che non vuoi venga usata o toccata. Ricorda sempre che tutto ciò che lasci in giro sarà usato, mangiato, bevuto 😉

7. Resta in contatto. Prima ma anche durante lo swap; è un buon modo per rassicurare lo swapper che tutto sta andando bene a casa sua e una buona opportunità per te di avere le medesime rassicurazioni. Basta una mail o un whatsapp.

Il miglior consiglio di tutti? Dedica del tempo a “spulciare” tra gli annunci per avere un’idea chiara della casa che andrai a scegliere e dei suoi proprietari. Ci deve essere affinità. E non essere ansiosa. Una volta provato lo scambio casa, non lo lascerai più! Parola di mamma viaggiatrice.

Ti è piaciuto quello che hai letto?
Condividilo
Entra nel Club delle Famiglie Viaggiatrici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *